Pesticidi in cereali e mangimi - LNR

FONTE: Ministero della Salute

LNR PER I RESIDUI DI PESTICIDI IN CEREALI E MANGIMI 
Centro di referenza nazionale per la sorveglianza ed il controllo degli alimenti per animali(CREAA)
.

Macroarea: Attività trasversali
Settore: Laboratori Nazionali Riferimento

 

L'NRL, vista la complessità di preparazione e le molecole richieste dall'EURL, non ha preparato il PT ma accordandosi con l'EURL ha trasmesso ai Laboratori OfL (lista aggiornata da questo NRL per l'EURL) l'invito a partecipare, la percentuale di partecipazione è stata dell'85% (Cfr. Tavola allegata).

Le prove interlaboratorio danno un quadro sostanzialmente positivo dei Laboratori di controllo, in particolare su 8 II.ZZ.SS. Accreditati (di cui 4 su metodiche di conferma e 7 su metodiche di screening) hanno partecipato 6 Laboratori, tutti i Laboratori che hanno la prova di conferma accreditata hanno partecipato (I.Z.S. PLV, I.Z.S. LT, I.Z.S. AM, I.Z.S. SI) inoltre hanno partecipato I.Z.S. UM e I.Z.S. LER (prova di screening accreditata, conferma validata). Le non conformità sono in numero trascurabile visto la numerosità degli analiti da ricercare.

La maggioranza degli analiti proposti esula da quelli previsti dal PNAA e dalla normativa Europea questo poiché il PT era una farina pertanto matrice sottoposta alla normativa per cereali ad uso umano (reg. 396/2005 e succ. modifiche). Quest'anno sono state introdotte 3 nuove molecole segnalate dall'EFSA su cereali, in grassetto nell'elenco), mentre sono state eliminate alcune molecole presenti nel 2013 quali aldrin, endrin, dieldrin, inserite nel 2013 proprio in quanto PT su mangime A.U.Z.

Tutti i Laboratori italiani sono nel 2014 classificati come B (ovvero determinano e quantificano meno del 90% degli analiti) in linea con il 2013, forse inserendo la ricerca di Pesticidi organofosforati nei mangimi come richiesto dal MINSAL alcuni I.Z.S. potrebbero ampliare il panel di analiti ed entrare nella categoria A.

Il monitoraggio e la raccolta di informazioni presso Enti come le ARPA che appartengono e fanno riferimento ad un differente Ministero resta una criticità per l'NRL che invece è in costante contatto con la rete II.ZZ.SS.

L'NRL ha aggiunto alcune molecole di organofosforati e piretriodi nel corso del PT di questo anno in linea con gli impegni presi nel 2013 con l'EURL – DK, al fine di arrivare alla determinazione di 50 molecole totali.

Le non conformità rilevate sull'endosulfan-solfato sono al grado “questionable”  2< /z/ <3 ovvero non necessitano di azioni correttive ma solo di analisi delle cause da parte dei Laboratori che essendo accreditati svolgono questa azione autonomamente.

Il Lindano è stato escluso dall'elaborazione statistica del PT poiché la contaminazione era inferiore a 4 volte l'MRRL (minimum required reporting level).

Per quanto riguarda le altre molecole i Laboratori con risultati inaccettabili (fra cui l'NRL che ha due z-score >3) non hanno queste analisi accreditate ma hanno introdotto la determinazione in via sperimentale (come anche l'NRL nel 2014).

 


Valutazione anni 2011-2014

L'Italia è uno dei paesi che partecipa attivamente ai PT organizzati dall'EURL CF, infatti si ha la partecipazione di 15 Laboratori sparsi su tutto il territorio nazionale. Ogni anno questo NRL invita tutti i Laboratori ufficiali a partecipare al PT dell'UE, si è visto un trend di partecipazione tendenzialmente costante nel tempo. I Laboratori partecipanti hanno subito variazioni minime.

Tutti i Laboratori hanno passato il PT in categoria B.

Gli II.ZZ.SS. Italiani non partecipanti al PT non eseguono l'analisi di pesticidi in cereali ad uso zootecnico e mangimi come l'I.Z.S. ME , non sono accreditati come I.Z.S. Venezie oppure utilizzano metodiche di screening accreditate che necessitano di conferma da parte di altri I.Z.S. Accreditati.

Per quanto riguarda le ARPA competenti per i cereali ad uso umano, come si può desumere dalla Tavola allegata coprono il territorio nazionale, ove le analisi non siano eseguite da ARPA il controllo analitico viene eseguito da altri Laboratori (es. Laboratorio Sanità Pubblica ASL) oppure da ARPA limitrofe ove i Laboratori deputati al controllo siano carenti di risorse da dedicare alla ricerca di pesticidi.

Pertanto si ritiene che la rete dei controlli dei pesticidi sulle matrici di competenza di questo NRL funzioni in maniera soddisfacente.

 


Data di pubblicazione: 25 giugno 2015

Tag associati a questa pagina: Alimenti di origine non animaleMangimiProdotti fitosanitariSicurezza alimentare


Condividi:

  • Facebook