Micotossine - LNR

FONTE: Ministero della Salute

LNR Micotossine

Macroarea: Attività trasversali
Settore: Laboratori Nazionali Riferimento

 

Studi interlaboratorio Micotossine

2011-2012 PT fumonisine nel mais, ocratossina A nella paprika e Aflatossine nelle arachidi
2012-2013 PT tossine T2 e HT2 in cereali per metodi di screening
2013-2014 PT tossine T2 e HT2 e aflatossina M1 nel latte in polvere

t1

I criteri di scelta che sono regolarmente seguiti nella individuazione delle prove interlaboratorio da sostenere provengono dalla consultazione con i laboratori ufficiali che operano sul territorio in occasione della riunione annuale che viene sistematicamente organizzata.

Le principali criticità appartengono alla disponibilità di materiale naturalmente contaminato che in alcuni casi costringe l’LNR a faticose e alquanto lunghe trattative con operatori del settore o altre entità per poter disporre  della quantità necessaria per svolgere la prova.

Per questo aspetto, non essendo possibile date le assegnazioni economiche annuali, acquistare matrici naturalmente contaminate e certificate per il livello di contaminazione, che risolverebbe il problema precedentemente menzionato, si auspica in un contributo finanziario che possa risolvere questa criticità.

Altre criticità sono rappresentate dalla impossibilità di acquistare omogeneizzatori da utilizzare su grande scala, creando quindi notevoli difficoltà finora superate nel condurre le prove di omogeneità e di stabilità delle micotossine.

Inoltre, la manutenzione delle apparecchiature (HPLC, spettrometro di massa) necessarie per la messa a punto dei metodi e dello svolgimento delle prove interlaboratorio sia richieste dall’EU-RL sia da quelle organizzate dall’LNR Micotossine, dovrebbe essere finanziariamente sostenuta in modo adeguato.

 


Data di pubblicazione: 25 giugno 2015

Tag associati a questa pagina: Alimenti di origine animaleAlimenti di origine non animaleMangimiSicurezza alimentare


Condividi:

  • Facebook