Molluschi Bivalvi - Contaminazioni virali - LNR

FONTE: Ministero della Salute

LNR per il controllo delle contaminazioni virali dei molluschi bivalvi

Macroarea: Attività trasversali
Settore: Laboratori Nazionali Riferimento

 

La prova interlaboratorio organizzata dall’LNR per il 2014 ha visto la partecipazione di 12 sezioni di Istituti Zooprofilattici Sperimentali con presenza di almeno una sezione per ciascun I.Z.S..

Gli esiti analitici hanno dimostrato, per il complesso dei laboratori partecipanti, valori di accuratezza superiori al 90% per tutti gli analiti inclusi nelle prove (HAV 100%, NoVGI 92.5%, NoVGII 93.6%). Un solo laboratorio ha ottenuto giudizio non soddisfacente per le determinazioni relative a Norovirus, mentre cinque laboratori hanno ottenuto il 100% dei risultati conformi all’atteso.

Margini di miglioramento della performance analitica sono riscontrabili relativamente alla sensibilità delle determinazioni per gli analiti NoVGI e NoVGII. 

Da un punto di vista organizzativo, aree di miglioramento sono state individuate nella tipologia di matrici distribuite (fornitura di mollusco intero, specie Mytilus galloprovincialis, in luogo degli omogenati di epatopancreas), onde consentire la verifica delle capacità del laboratorio di effettuare una corretta preparazione della matrice.

Il LNR ha pertanto già provveduto, per la distribuzione RT04-2015, alla produzione di alcuni campioni secondo tale modalità.

tab

Follow up:

  1. Report del circuito (30.05.2014) con valutazione della sensibilità, specificità e accuratezza di ciascun laboratorio partecipanti
  2. Discussione esiti e chiarimenti tecnici nel corso della Riunione annuale dei laboratori operanti nel controllo dei molluschi bivalvi (Ancona, 19.06.2014)

 


Valutazione ed analisi delle distribuzioni nel periodo 2011-2014:

A partire dal 2012, anno della prima distribuzione di materiale per prove interlaboratorio per la determinazione di HAV e NoV nei molluschi, si è registrato un progressivo aumento dei laboratori aderenti (10 nel 2012, 11 nel 2013 e 12 nel 2014) con la partecipazione in ogni anno di almeno una sezione per ciascuno degli II.ZZ.SS. presenti sul territorio nazionale.

Nel corso dei tre anni è stato inoltre registrato un progressivo miglioramento della perfomance dei laboratori iscritti, con valori di accuratezza complessiva passati dal 77.8% del 2012 al 100% del 2014 per HAV, da 72.9% a 92.5% per NoVGI e da 78.6% a 93.6% per NoVGII (cfr. tabella sottostante).

 

Accuratezza % complessiva nelle determinazioni effettuate dai laboratori partecipanti alle distribuzioni

tab

S = sospensioni (estratti di mollusco)
M = matrice (omogenati di epatopancreas)

A tale progressivo miglioramento hanno contribuito alcuni elementi cui il LNR, in accordo con la rete degli II.ZZ.SS. operanti nel controllo delle contaminazioni microbiologiche, ha lavorato nel corso del suddetto periodo:

  1. progressiva standardizzazione delle modalità di applicazione della metodica, inclusa la progressiva adozione della norma ISO/TS 15216-2:2013 da parte dei partecipanti e l’utilizzo di materiali di riferimento prodotti dal LNR e forniti a tutti i laboratori di controllo;
  2. training formativi sulla metodica analitica effettuati dall’LNR al personale del SSN (18 persone formate in 9 sessioni di training effettuate a partire dal 2009, anno di distribuzione della metodica come metodo interno validato dal LNR);
  3. discussione degli esiti analitici e di tutte le criticità tecniche nel corso degli incontri annuali dei laboratori operanti nel controllo delle contaminazioni microbiologiche dei molluschi e discussione (telefonica o tramite e-mail) di specifici problemi riscontrati dai laboratori
  4. focalizzazione di ciascuna delle tre prove valutative effettuate (2012, 2013 e 2014) su uno specifico aspetto tecnico della metodica, consentendo di individuare, per ciascun laboratorio, i punti di particolare criticità del processo analitico. In particolare la distribuzione RT01-2012 è stata focalizzata sulla valutazione della sensibilità (LOD) della real-time PCR mediante analisi, contestuale ai campioni, di sequenze standardizzate. La distribuzione RT02-2013 si è rivolta in particolare alla valutazione dell’effetto dei vari sistemi di estrazione degli acidi nucleici sui risultati finali (presenza di inibizione, perdita di target, etc.), mentre la distribuzione RT03-2014 è stata indirizzata a verificare la performance complessiva del processo analitico includendo informazioni, quali ad esempio i Ct delle PCR, utili a valutare, al di là della correttezza del risultato ottenuto, l’eventuale presenza di reazioni analitiche con ridotta efficienza.

Relativamente alle performance analitiche, margini di miglioramento sono riscontrabili nelle determinazioni di NoV mentre, da un punto di vista organizzativo, aree di miglioramento sono individuabili nell’inclusione nelle prove valutative di matrici naturalmente contaminate e/o di specie di molluschi differenti (Mytilus spp., Tapes spp., Crassostrea spp., etc.).

 


Data di pubblicazione: 25 giugno 2015

Tag associati a questa pagina: Pesci, molluschi e crostaceiSicurezza alimentare


Condividi:

  • Facebook