Sei in: Home > 3A. Azioni Correttive > Sanità Animale - Malattie infettive > Brucellosi - Piani nazionali di controllo

Brucellosi - Piani nazionali di controllo

FONTE: Ministero della Salute

Brucellosi – Piani nazionali di controllo

Macroarea: Sanità animale
Settore: Malattie infettive

 

3A. Azioni correttive

Le azioni correttive intraprese dalle autorità territorialmente competenti nei confronti degli operatori, sono sintetizzate nelle tabelle allegate.
In Tabella 3A.1 per le 2 regioni italiane non ancora Ufficialmente Indenni e con più alta prevalenza di brucellosi bovina; in tabella 3A.2 per le 2 Regioni con più alta prevalenza di brucellosi ovi-caprina e in tabella 3A.3  per la regione italiana con il patrimonio bufalino più consistente (Campania). Queste consistono principalmente nell’ordinanza di abbattimento degli animali positivi alla malattia, allo scopo di estinguere il focolaio di malattia.

Come si evince dalla Tabella 3A.1, in Sicilia e Puglia erano positivi alla brucellosi, nel 2014, 1519 bovini e ne sono stati abbattuti 1723 nel corso dell’anno.

Nel 2014 in Calabria e Sicilia sono risultati positivi alla brucellosi 12.277 ovi-caprini e ne sono stati abbattuti 13.894. 


‹‹‹ Capitolo precedente - Capitolo successivo ›››

Data di pubblicazione: 25 giugno 2015


Condividi:

  • Facebook