Sei in: Home > 2. Risultati > Alimenti - Sicurezza e Nutrizione > Alimenti e bevande - Piano di vigilanza e controllo

Alimenti e bevande - Piano di vigilanza e controllo

FONTE: Ministero della Salute

Piano di vigilanza e controllo di alimenti e bevande

Macroarea: Alimenti
Settore: Sicurezza e Nutrizione

 

2. Risultati

Attività ispettiva – Dipartimenti di Prevenzione delle ASL (SIAN e SV)

In relazione alle attività ispettive, sulle 287.823 unità operative (impianti e attrezzature dei locali, strutture e mezzi di trasporto), 50.720 hanno mostrato infrazioni (17,6%) nel corso delle ispezioni. Nell’anno 2013 su 327.021 unità controllate, 52.395 (pari al 16.0%) avevano mostrato infrazioni durante le ispezioni.

Le percentuali più elevate di irregolarità sono state riscontrate nella ristorazione (29.2%) seguite da produttori e confezionatori che vendono prevalentemente al dettaglio (20.8%), come illustrato di seguito.

In particolare, le percentuali più elevate di infrazioni sono nell’igiene generale e igiene del personale, delle strutture e dell’HACCP.

 

Attività ispettiva svolta dai SIAN e SV.  Riepilogo controlli ed irregolarità

tab1

tab2

 

Attività ispettiva svolta dai SIAN e SV.  Riepilogo nazionale della distribuzione delle infrazioni

tab3

tab4

 


‹‹‹ Capitolo precedente - Capitolo successivo ›››

Attività analitica – Laboratori pubblici

Tra i campioni di prodotti alimentari analizzati, pari a 64.921, 1.521 sono risultati non regolamentari, facendo registrare una percentuale di non conformità pari al 2,3% in aumento rispetto a quella del 2013 (1,8%).

Il maggior numero di infrazioni ha riguardato le contaminazioni microbiologiche e, in misura inferiore, quelle chimiche. Questo trend è riscontrabile anche attraverso le notifiche del sistema di allerta comunitario RASFF.  Tra i contaminanti microbiologici un elevato numero di notifiche infatti riguarda la Listeria monocytogenes seguita dalla Salmonella.

 

Figura 5 - Riepilogo nazionale dell’attività analitica

grafici

L’analisi completa dei dati, e le varie voci di dettaglio, saranno oggetto di una successiva relazione che sarà pubblicata come di consueto sul sito di questo Ministero.

 


‹‹‹ Capitolo precedente - Capitolo successivo ›››

Data di pubblicazione: 25 giugno 2015


Condividi:

  • Facebook