Sei in: Home > 1. Attività svolta > Mangimi - Igiene e Sicurezza > Campania - Diossine e Pcb Diossino-simili in latte e mangimi - Piano di monitoraggio

Campania - Diossine e Pcb Diossino-simili in latte e mangimi - Piano di monitoraggio

FONTE: Regione Campania

Piano di monitoraggio per diossine e Pcb Diossino-simili in latte e mangimi

Macroaree e settori:
Alimenti/Sicurezza e Nutrizione
Mangimi/Igiene e Sicurezza

 

1. Attività svolta

Il piano di monitoraggio 2011/2014 è stato progettato sulla base delle informazioni ottenute dall'elaborazione dei dati raccolti dal precedente piano di campionamento per la ricerca di diossine nel triennio 2008-2010.

L’analisi dei dati 2008/2010 evidenziò un maggior rischio di contaminazione nella zona del basso casertano e hinterland napoletano rispetto alle altre province campane evidenziando, tra l'altro, che il comparto bufalino della provincia di Salerno non ha mai presentato non conformità per diossine, né per i dati storici né in quelli recenti.

L’analisi della distribuzione dei congeneri di diossine nel latte bufalino (Neugebauer et al, 2009) ha evidenziato come il fingerprint delle diossine casertane si discosti da qualunque fonte di origine industriale ma sia imputabile piuttosto ad un incenerimento selvaggio ed incontrollato di rifiuti plastici abbandonati.

Sulla base di tali osservazioni, il Piano di Monitoraggio Regionale sulla contaminazione da PCDD/F e PCB-dl per il periodo 2011/2014 è stato elaborato come prosecuzione delle attività di sorveglianza attuate nei periodi precedenti, prevedendo il campionamento di 50 allevamenti che sono stati sottoposti a campionamento di latte ed alimento zootecnico ogni semestre per un periodo di 3 anni. All'atto del campionamento, in ognuno dei 50 allevamenti selezionati i Medici Veterinari delle AASSLL hanno prelevato latte ed alimento zootecnico ogni semestre per 3 anni ed hanno altresì provveduto alla compilazione di una checklist per identificare i profili di rischio di ciascuna azienda zootecnica. I controlli ufficiali sono condotti ai sensi del Reg. (CE) 882/2004, quindi il campionamento è di tipo ufficiale. Tutte le attività sono registrate nel sistema informativo regionale “GISA” nell’apposita sezione dei piani di monitoraggio.

Il campionamento si è concluso nel mese di Luglio 2014.

 

Tab 1 - Allevamenti campionati

Specie
Allvamento Bovino17
Allvamento Bufalino28
Allvamento Ovicaprino5
Totale complessivo50

 

Tab 2 - Campioni raccolti per matrice

Matrice
Latte50
Mangime50
Totale complessivo100

 

Tab 3 - Esiti analitici

Esito
Conforme97
In attesa di esito3
Totale complessivo100

 

 


‹‹‹ Capitolo precedente - Capitolo successivo ›››

Data di pubblicazione: 25 giugno 2015

Tag associati a questa pagina: Alimenti di origine animaleMangimiSicurezza alimentare


Condividi:

  • Facebook