Sei in: Home > 1. Attività svolta > Mangimi - Igiene e Sicurezza > Alimentazione degli animali - Piano nazionale di sorveglianza e di vigilanza sanitaria (PNAA)

Alimentazione degli animali - Piano nazionale di sorveglianza e di vigilanza sanitaria (PNAA)

FONTE: Ministero della Salute

Piano nazionale di sorveglianza e di vigilanza sanitaria sull'alimentazione degli animali (PNAA)

Macroarea: Mangimi
Settore: Igiene e sicurezza

 

1. Attività svolta

I controlli ufficiali sui mangimi sono svolti su tutto il territorio nazionale in base a quanto stabilito dal PNAA 2012-2014, e si articolano in un’attività ispettiva svolta presso gli Operatori del Settore dei Mangimi (OSM) ed una di campionamento con prelievo e analisi di campioni di mangimi (materie prime, mangimi composti, additivi, premiscele, articoli da masticare/dogchews).

 

1. Sintesi attività di ispezione presso gli operatori del settore dei mangimi:

L’attività di ispezione presso gli operatori del settore dei mangimi per la verifica della rispondenza alla normativa vigente, ha impegnato i Servizi Veterinari in una grande attività di controllo, finalizzata ad assicurare la tutela della salute animale, umana e dell’ambiente. Questa è svolta secondo le frequenze minime indicate dal PNAA e modulata in base alla categorizzazione del rischio degli stabilimenti effettuata a livello locale dai singoli Servizi Veterinari.

Nel corso dell’anno 2014, sono state rendicontate n. 32.039 ispezioni sull’intera filiera produttiva, dalla produzione primaria fino alla somministrazione dei mangimi agli animali in allevamento.

Le ispezioni effettuate sono così ripartite:

  • n. 21.078 ispezioni, presso gli operatori primari registrati ai sensi del  Regolamento (CE)  n. 183/2005 art. 5, comma 1, con n. 349 non conformità riscontrate, n. 37 sanzioni amministrative comminate e n. 1 denuncia all’Autorità Giudiziaria;
  • n. 7.958 ispezioni effettuate presso gli operatori registrati ai sensi del Regolamento (CE)  n. 183/2005 art. 5, comma 2, con il riscontro di n. 627 non conformità, e n. 54 sanzioni amministrative comminate e n. 3 denuncie all’Autorità Giudiziaria;
  • n. 4 ispezioni presso stabilimenti  “produttori di mangimi non conformi” alla normativa Comunitaria (destinati all’esportazione), con il riscontro di n. 1 non conformità;
  • n. 2346 ispezioni effettuate presso gli operatori riconosciuti ai sensi del Regolamento (CE)  n. 183/2005, con il riscontro di n. 139 non conformità, n. 11 sanzioni amministrative comminate e n. 1 denuncia all’Autorità Giudiziaria;
  • n. 598 ispezioni effettuate presso gli operatori del settore mangimi medicati con il riscontro di n. 38 non conformità n. 4 sanzioni amministrative comminate e n. 2 denuncia all’Autorità Giudiziaria;
  • n. 55 ispezioni effettuate presso gli stabilimenti autorizzati che producono mangimi contenenti prodotti in deroga ai divieti di cui all’articolo 7, paragrafi 1 e 2, del Regolamento (CE)  n. 999/2001 e successive modifiche, con il riscontro di n. 4 non conformità.

Dai dati rilevati si evidenzia come nel corso del 2014 ci sia stato un incremento dell’attività ispettiva che ha registrato ben 2.423 ispezioni in più rispetto all’anno precedente.

 


‹‹‹ Capitolo precedente - Capitolo successivo ›››

2.  Sintesi attività di campionamento:

Nell’anno 2014, nell’ambito esclusivo del PNAA sono stati prelevati n. 10.853 campioni ufficiali di mangimi, a fronte di 11.066 programmati (cfr grafico n. 1/1).

Grafico1/1

grafico1

 

Di seguito si evidenzia la ripartizione del numero dei campioni effettuati in totale (grafico n. 1/2):

Grafico1/2

grafico2

  • n. 2264 campioni prelevati nell’ambito del programma di controllo per la verifica del divieto di utilizzo dei costituenti di origine animale vietati, pari al 98,43% del programmato;
  • n. 3055 campioni prelevati nell’ambito del programma di controllo della presenza di principi attivi ed additivi vietati o loro concentrazione, quali: Alofuginone, Avermectine, Avilamicina, b – agonisti, Carbadox + Olaquindox, Chinolonici, Cloramfenicolo,  Colistina, Cortisonici, Decochinato, Diclazuril, FANS, Ionofori, Macrolidi, Metilclorpindolo, Nicarbazina + Robenidina, Nifursol, Nitrofuranici, Nitroimidazolici, Penicilline, Sulfamidici, Tetracicline, Tiamulina, Virginiamicina,  Zincobacitracina, pari al 101,83% del programmato;
  • n. 579 campioni prelevati nell’ambito del programma di controllo sugli additivi volto al Monitoraggio per il Rame, Zinco, Selenio, Manganese, Ferro pari al 96,5% del programmato;
  • n. 1.521 campioni prelevati nell’ambito del programma di controllo della contaminazione da Salmonella spp., pari al 94,35% del programmato;
  • n. 600 campioni prelevati nell’ambito del programma di controllo sulla presenza di OGM, pari al 92,% del programmato;
  • n. 434 campioni prelevati nell’ambito del programma di controllo della contaminazione dei mangimi da Diossina e PCB, pari al 109% del programmato;
  • n. 1.422 campioni prelevati nell’ambito del programma di controllo della contaminazione dei mangimi da Micotossine, pari al 93% del programmato;
  • n. 978 campioni prelevati nell’ambito del programma di controllo della presenza di contaminanti quali: Melamina, Arsenico, Cadmio, Mercurio, Nitriti, Pesticidi clorurati, Radionuclidi, Piombo, pari al 100,3% del programmato.

Da tali grafici si osserva che, per quanto concerne le attività di campionamento, il PNAA è stato realizzato al 98,07% rispetto al programmato.

Infine nella Tabella 2/3 del Capitolo 2 viene messo in evidenza il numero di campioni prelevati i quali sono suddivisi per singoli programmi di controllo e per l’attività di Monitoraggio e quella di Sorveglianza.

 


‹‹‹ Capitolo precedente - Capitolo successivo ›››

Data di pubblicazione: 25 giugno 2015

Tag associati a questa pagina: Mangimi


Condividi:

  • Facebook