Sei in: Home > 1. Attività svolta > Alimenti - Sicurezza e nutrizione > Liguria - Allergeni - Piano di controllo negli alimenti

Liguria - Allergeni - Piano di controllo negli alimenti

FONTE: Regione Liguria

Piano di controllo degli allergeni negli alimenti

Macroarea: Alimenti
Settore: Sicurezza e Nutrizione

 

Cap 1. Attività svolta

Per l’anno 2014 si è confermata l’attività di controllo, i criteri e le modalità di realizzazione dell’attività già prevista dalla DGR Regione Liguria n. 808/2011 e DGR 699/2014.

Inoltre nel 2014 è stato avviato un progetto regionale triennale di prevenzione sulle allergie alimentari e celiachia che oltre a potenziare il controllo degli alimenti prevede numerose iniziative di informazione, formazione e sensibilizzazione, coinvolgendo il mondo delle scuole, le associazioni di categoria e gli OSA, i medici ed i pazienti (DGR 1136/2014).

A fronte di  56 campioni minimi programmati a livello regionale, nel 2014 sono stati effettuati n.147 campionamenti su  matrici di origine animale (prodotti a base di carne, prodotti della pesca, prodotti di gastronomia) e matrici vegetali (sughi pronti tipo pesto, pasticceria secca, budini, pasta fresca, succhi di frutta e marmellate) per la ricerca di proteine di uova, latte e lattosio, crostacei, soia, noci, anacardi, arachidi, glutine, solfiti.

Si è adottato il criterio per cui il campionamento veniva effettuato laddove l’allergene ricercato non veniva indicato in etichetta. Il 50% dei campionamenti è stato effettuato presso attività di somministrazione.

Sul totale dell’attività 2014 (n. 147 campionamenti) si è rilevata un'unica non conformità riguardante hamburger con allergene non dichiarato in etichetta (proteine del latte) sul territorio della ASL1 Imperiese.

Tutte le analisi sono state effettuate presso i laboratori dell’Istituto Zooprofilattico Piemonte Liguria e Valle d’Aosta. Per correttezza si comunica che le prove analitiche su noci e anacardi nell’anno 2014 non erano ancora state accreditate, per cui i campionamenti sono stati effettuati solo a scopo conoscitivo.

In considerazione del progetto di interesse strategico sugli allergeni approvato con DGR 1136/2014, nonché l’entrata in vigore del Reg.1169/2011/UE, si ritiene opportuno potenziare il piano regionale di controllo, e considerata la veloce evoluzione delle conoscenze in materia di allergie si ritiene opportuno prevedere nel corso del triennio a venire la programmazione di specifica formazione rivolta agli operatori delle AASSLL al fine di migliorare le tecniche di controllo ed acquisire maggiore conoscenza degli aspetti legati agli allergeni. Inoltre si ritiene opportuno elaborare indirizzi specifici sull’argomento rivolte sia a imprese alimentari che producono e somministrano e/o vendono alimenti non confezionati, con ingredienti allergenici o indicati come privi di specifici allergeni e/o  senza glutine, destinati direttamente al consumatore finale, sia alle AASSLL al fine di migliorare anche la tecnica ispettiva su tale argomento.

Di particolare interesse regionale è l’ampliamento da parte dei Laboratori ufficiale dell’offerta analitica per la ricerca di allergeni con metodi accreditati, secondo quanto riportato in DGR 1136/2014.

 


Data di pubblicazione: 25 giugno 2015

Tag associati a questa pagina: Alimenti di origine animaleAlimenti di origine non animaleSicurezza alimentare


Condividi:

  • Facebook