Per visualizzare correttamente il contenuto della pagina occorre avere JavaScript abilitato.
Vai al sito Malattie infettive
immagine di una donna in una sala d'attesa

Prima di partire per un viaggio internazionale è buona prassi controllare di essere in regola con le vaccinazioni previste dal programma nazionale. A seconda della meta e del tipo di viaggio, del periodo di permanenza e delle condizioni di salute personali, è inoltre consigliata l’effettuazione di vaccini contro patologie specifiche (come colera, encefalite giapponese, encefalite da zecche, epatite A, febbre gialla, febbre tifoide, meningite meningococcica, poliomielite e rabbia).

Una valutazione completa del rischio per ogni singolo viaggiatore/viaggio è quindi essenziale e deve tenere in considerazione le specifiche caratteristiche dell’individuo, dell'itinerario e della destinazione, per fornire consulenza sui più appropriati interventi di gestione del rischio, promuovere la salute e prevenire esiti negativi durante il viaggio.

Un’attenta e completa valutazione anamnestica prima della partenza per un viaggio internazionale consente di identificare i rischi, sulla base delle caratteristiche sanitarie del viaggiatore, e di definire le strategie che ne limitino l’esposizione, attraverso l’indicazione di norme comportamentali, la prescrizione di profilassi farmacologiche e l’esecuzione di protocolli vaccinali.

Per approfondire


  • Condividi
  • Stampa
  • Condividi via email

Data di pubblicazione: 26 gennaio 2017, ultimo aggiornamento 22 agosto 2023

Pubblicazioni   |   Opuscoli e poster   |   Normativa   |   Home page dell'area tematica Torna alla home page dell'area