Per visualzzare correttamente il contenuto della pagina occorre avere JavaScript abilitato.
La pagina non è disponibile, tornare in homepage www.salute.gov.it
Medico che prende appunti

Il 2 novembre 2017 è stato approvato, con Intesa tra Governo, Regioni e Province autonome di Trento e Bolzano, il Piano Nazionale di contrasto dell’antimicrobico-resistenza (PNCAR) 2017-2020, prorogato per il 2021.

Il piano è stato predisposto da un Gruppo di lavoro, istituito nel 2015 presso la DG della prevenzione sanitaria, a cui hanno partecipato la DG della sanità animale e dei farmaci veterinari, la DG per l'igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione, la DG della programmazione sanitaria, la DG dei dispositivi medici e del servizio farmaceutico, la DG della ricerca e dell’innovazione in sanità, l’AIFA, l’Istituto Superiore di Sanità, rappresentanti delle Regioni e alcune Società scientifiche.

Ambiti di intervento

Nel Piano sono stati individuati sei ambiti di intervento:

  1. Sorveglianza
  2. Prevenzione e controllo delle infezioni
  3. Uso corretto degli antibiotici - compresa “Antimicrobial Stewardship”
  4. Formazione
  5. Comunicazione e Informazione
  6. Ricerca e Innovazione

Obiettivi strategici

Il PNCAR rappresenta lo strumento per tradurre la strategia nazionale nella pratica, fornendo un indirizzo coordinato e sostenibile per contrastare il fenomeno dell’AMR a livello nazionale, regionale e locale, mediante un approccio multisettoriale "one health". Tutte le istituzioni, infatti, (centrali, regionali e locali) collaborano per:

  • migliorare i livelli di consapevolezza e di informazione/educazione nei professionisti della salute, nei cittadini e negli stakeholders
  • monitorare il fenomeno dell’AMR e dell’uso degli antibiotici
  • migliorare la prevenzione e il controllo delle infezioni, in tutti gli ambiti
  • ottimizzare l’uso di antimicrobici nel campo della salute umana e animale
  • aumentare/sostenere la ricerca e l’innovazione.

Gruppo di lavoro per il coordinamento del PNCAR

Il 3 novembre 2017, con decreto del Direttore Generale della Prevenzione sanitaria, è stato istituito il Gruppo di lavoro per il coordinamento del PNCAR e della strategia nazionale di contrasto, cui partecipano, oltre agli stakeholder già individuati per la stesura del Piano, anche il Ministero dell'economia e delle finanze (MEF), il Ministero delle politiche agricole e forestali e il Ministero dell’ambiente, nonché Cittadinanzattiva.

Il 18 gennaio 2019 il Ministero della Salute ha emesso la circolare Sistema nazionale di sorveglianza sentinella dell'antibiotico-resistenza - Protocollo 2019, che aggiorna il protocollo AR-ISS (Antibiotico Resistenza - Istituto Superiore di Sanità), predisposto dal Gruppo di lavoro.

Il PNCAR ha previsto, tra le altre attività, l’istituzione di una rete per la sorveglianza del consumo di soluzione idroalcolica come fattore strettamente correlato alla prevenzione e al contrasto delle ICA e del fenomeno dell’AMR. Il 2 dicembre 2021 il Ministero ha emesso, a riguardo, la circolare contenete il Protocollo della Sorveglianza nazionale del consumo di soluzione idroalcolica per l’igiene delle mani in ambito ospedaliero con relativi allegati.

Per approfondire:


  • Condividi
  • Stampa
  • Condividi via email

Data di pubblicazione: 13 dicembre 2019, ultimo aggiornamento 20 dicembre 2021

Pubblicazioni   |   Opuscoli e poster   |   Normativa   |   Home page dell'area tematica Torna alla home page dell'area