Ospedale sede di Pronto Soccorso

E’ la struttura organizzativa ospedaliera nella quale sono assicurati gli accertamenti diagnostici e gli eventuali interventi necessari per la soluzione del problema clinico presentato in emergenza-urgenza. Nei casi più complessi sono garantiti gli interventi necessari alla stabilizzazione del paziente e l'eventuale trasporto ad un ospedale in grado di fornire prestazioni specializzate secondo protocolli concordati per patologia.

Presidi ospedalieri in zone particolarmente disagiate

Le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano possono prevedere presidi ospedalieri di base in aree considerate geograficamente e meteorologicamente ostili o disagiate, tipicamente in ambiente montano o premontano con collegamenti di rete viaria complessi e conseguente dilatazione dei tempi, oppure in ambiente insulare. In tali presidi ospedalieri è garantita un’attività di pronto soccorso con la conseguente disponibilità dei necessari servizi di supporto.

Dipartimento di Emergenza Urgenza e Accettazione (DEA)

Il DEA rappresenta un’aggregazione funzionale di unità operative che mantengono la propria autonomia e responsabilità clinico-assistenziale, ma che riconoscono la propria interdipendenza adottando un comune codice di comportamento assistenziale, al fine di assicurare, in collegamento con le strutture operanti sul territorio, una risposta rapida e completa.
I DEA afferiscono a due livelli di complessità, in base alle Unità operative che li compongono: DEA di I livello e DEA di II livello.

Ospedale sede di DEA di I Iivello

La struttura ospedaliera sede di DEA di I livello (spoke) esegue tutti gli interventi previsti per l'ospedale sede di pronto soccorso e svolge funzioni di accettazione in emergenza urgenza per patologie di maggiore complessità, con le funzioni di osservazione e breve degenza, di rianimazione. Contemporaneamente, devono essere garantiti interventi diagnostico-terapeutici di medicina generale, chirurgia generale, ortopedia e traumatologia, cardiologia con UTIC (Unità di Terapia Intensiva Cardiologia). Sono inoltre assicurate le prestazioni di laboratorio di analisi chimico-cliniche e microbiologiche, di diagnostica per immagini, e trasfusionali.

Ospedale sede di DEA di II Iivello

Assicura, oltre alle prestazioni fomite dal DEA I livello, le funzioni di più alta qualificazione legate all’emergenza (hub), tra cui la cardiochirurgia, la neurochirurgia, la terapia intensiva neonatale, la chirurgia vascolare, la chirurgia toracica, secondo le indicazioni stabilite dalla programmazione regionale.
Altre componenti di particolare qualificazione, quali le unità per grandi ustionati e le unità spinali ove rientranti nella programmazione regionale, sono collocati nei DEA di II livello, garantendone in tal modo una equilibrata distribuzione sul territorio nazionale ed una stretta interrelazione con le centrali operative delle Regioni.

Fonti

In sede di Conferenza Stato-Regioni dell’1 Agosto 2019 (Rep. Atti n.40/1 agosto 2019) è stato stipulato l’Accordo, ai sensi dell'articolo 4 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, tra il Governo, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano per l’adozione delle seguenti linee guida per il Triage in pronto soccorso, l’osservazione breve intensiva (Obi) e la gestione del sopraffollamento in pronto soccorso, che sono integralmente riportate e consultabili:

Accordo ai sensi del punto 8.1 dell’Allegato 1 al decreto ministeriale 2 Aprile 2015, sul documento “Linee guida per la revisione delle reti cliniche-le reti tempo- dipendenti” CSR del 24/01/20218 


  • Condividi
  • Stampa
  • Condividi via email

Data di pubblicazione: 15 ottobre 2008, ultimo aggiornamento 15 novembre 2021

Pubblicazioni   |   Opuscoli e poster   |   Normativa   |   Home page dell'area tematica Torna alla home page dell'area