Home / Mobilità internazionale degli operatori sanitari e Brexit

Mobilità internazionale degli operatori sanitari e Brexit

Italiano | English


Brexit, riconoscimento delle qualifiche professionali

Accordo di recesso del Regno Unito (UK) dall’Unione Europea - Misure relative al riconoscimento delle qualifiche professionali

L’Accordo di recesso, entrato in vigore il 1° febbraio 2020, garantisce ai cittadini dell’Unione ed ai cittadini Regno Unito (UK) che abbiano ottenuto o siano in procinto di ottenere, nel paese ospitante, il riconoscimento delle loro qualifiche professionali presentate prima della fine del periodo di transizione (e comunque non oltre il 31 dicembre 2020), la validità e l’efficacia delle decisioni nazionali di riconoscimento e il diritto di esercitare e continuare ad esercitare la relativa professione nello Stato ospitante.

Dal 1° gennaio 2021 in Italia troverà applicazione, nei loro confronti, il DPR 31 agosto 1999, n. 394 e s.m. ed in particolare l’articolo 49 che detta la disciplina per il riconoscimento delle qualifiche professionali conseguite in paesi non appartenenti all’Unione europea; pertanto, le richieste di riconoscimento che perverranno successivamente a tale data saranno assoggettate allo stesso trattamento previsto per i cittadini dei Paesi terzi.

La documentazione conseguita nel Regno Unito dovrà essere presentata nelle modalità previste per le qualifiche professionali conseguite in Paesi extracomunitari.


Data di ultimo aggiornamento 28 settembre 2021



Condividi

Tag associati a questa pagina