Home / Modello S1 per gli impiegati a contratto in servizio presso le rappresentanze diplomatiche, gli uffici consolari e gli Istituti di cultura negli Stati UE, SEE e Svizzera

Modello S1 per gli impiegati a contratto in servizio presso le rappresentanze diplomatiche, gli uffici consolari e gli Istituti di cultura negli Stati UE, SEE e Svizzera

La proceduraLa procedura

Il Ministero della Salute, effettuate le verifiche in merito al diritto, emette il Modello S1 per gli impiegati a contratto assunti presso le Rappresentanze diplomatiche italiane che rispondono a determinati requisiti.

Il Modello S1 deve essere presentato dal lavoratore presso una Cassa Malattia locale per l’iscrizione e dà diritto a ricevere, insieme ai suoi familiari, l’assistenza completa al pari degli assistiti del luogo. Le prestazioni sono gratuite salvo il pagamento dell’eventuale ticket o di altre partecipazioni alla spesa che sono a proprio carico e non rimborsabili.

Chi può richiederloChi può richiederlo

Gli impiegati a contratto assunti presso le rappresentanze diplomatiche italiane all’estero che rispondono ai seguenti requisiti:

  • personale a contratto a legge italiana
  • personale a contratto a legge locale, di cittadinanza italiana, iscritto INPS, assicurato con il Servizio Sanitario Nazionale, in servizio nei paesi dell’UE, SEE, Svizzera e Stati con i quali vigono accordi di sicurezza sociale.

Il modello S1 è rilasciato anche ai familiari, ovvero coniuge e figli conviventi e a carico fino al ventiseiesimo anno di età.

Non ha diritto al rilascio del modello S1 il personale a contratto che, in virtù di espresse disposizioni normative vigenti nello Stato in cui esplica la propria attività lavorativa:

  • gode in loco dell’assistenza sanitaria
  • gode dell’assistenza sanitaria assicurata dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale con istituto assicurativo pubblico o privato.

 

Cosa serve per richiederloCosa serve per richiederlo

La richiesta può essere avanzata :

  • dall’impiegato a contratto documentando:
    • l’attività di lavoro
    • l’iscrizione INPS
    • il carico di famiglia tramite autocertificazione 
    • l’assenza del diritto ad altro titolo all’assistenza sanitaria in loco
    • l’assenza della garanzia dell’assistenza sanitaria tramite un’assicurazione a carico del MAECI.
  • Con richiesta della Rappresentanza diplomatica italiana all’estero – sede di servizio dell’impiegato a contratto

ModuliModuli

Come si presenta la richiestaCome si presenta la richiesta

  • Posta tradizionale
    Ufficio destinatario: Direzione Generale della Programmazione Sanitaria (DGPROGS) - Ufficio 8 - Funzioni statali in materia di assistenza sanitaria internazionale
    Indirizzo destinatario: Viale Giorgio Ribotta, 5 - 00144 Roma
  • PEC
    Indirizzo di PEC: sanita.estero@postacert.sanita.it
    Oggetto: ASE-S1-R2
    Istruzioni aggiuntive: Da utilizzarsi solo da altra PEC riportando nell'oggetto il codice ASE-S1-R2

Quanto tempo ci vuoleQuanto tempo ci vuole

20 giorni

Quanto costaQuanto costa

Tariffa: Il servizio è gratuito


Come viene comunicato l'esitoCome viene comunicato l'esito

  • Posta tradizionale
  • Posta elettronica certificata

Dove viene pubblicato l'esitoDove viene pubblicato l'esito

Non è prevista la pubblicazione dell'esito

NormativaNormativa

  • Regolamento (CE) 883/04 (Regolamento di base)
  • Regolamento (CE) 987/09 (Regolamento di attuazione)


Consulta il Trovanormesalute

ContattiContatti

  • Nominativo: Direzione Generale della programmazione sanitaria - Ufficio 8
    Indirizzo: Viale Giorgio Ribotta, 5 - 00144 Roma
    Telefono: 06 59941
    Email: minsalute_estero.dgprog@sanita.it

Ufficio responsabile del procedimentoUfficio responsabile del procedimento

Direzione Generale della Programmazione Sanitaria (DGPROGS)
Ufficio 8 - Funzioni statali in materia di assistenza sanitaria internazionale

FAQFAQ

Non sono presenti FAQ

TemiAree e siti tematici

Ufficio responsabile del procedimentoUfficio


Data ultimo aggiornamento: 27 settembre 2021


.