Home / Argomenti - FSE Fascicolo Sanitario Elettronico / L’interoperabilità e lo scambio di informazioni

L’interoperabilità e lo scambio di informazioni


L’interoperabilità dei Fascicoli sanitari


L’interoperabilità dei Fascicoli sanitari

Per consentire al personale sanitario o all’assistito la consultazione dei documenti del FSE relativi a eventi clinici che hanno avuto luogo in regioni o province autonome diverse da quella di residenza dell’assistito è stata predisposta l'Infrastruttura Nazionale per l’Interoperabilità dei FSE (INI). Tale infrastruttura, progettata dall’Agenzia per l’Italia Digitale (AgID) e realizzata presso il Ministero dell’Economia e delle Finanze, consente inoltre il trasferimento dei FSE in capo a regioni o province autonome diverse in caso di cambio di residenza dell’assistito.

Sul sito www.fascicolosanitario.gov.it è pubblicato lo stato di avanzamento della realizzazione dei FSE nelle regioni e nelle province autonome e la sua diffusione sul territorio nazionale.

Lo scambio di informazioni del FSE in Europa

L’iniziativa europea "[email protected]" sta sviluppando strumenti per permettere ai cittadini europei di usufruire dell’assistenza sanitaria nel paese in cui si recano in viaggio nello stesso modo in cui ne usufruiscono nel paese di residenza. A tal fine, l’Italia sta predisponendo il nodo di interscambio dei dati dei FSE con gli altri paesi aderenti l'iniziativa (National Contact Point for eHealth - NCPeH, all'interno della eHealth Digital Service Infrastructure - eHDSI). Al momento dell’avvio è previsto che siano scambiate, con il consenso dell’assistito, solo le informazioni relative alle prescrizioni elettroniche e al profilo sanitario sintetico.





Data di ultimo aggiornamento 4 maggio 2021



Condividi

Argomenti - FSE Fascicolo Sanitario Elettronico


Tag associati a questa pagina

Argomenti correlati


Argomenti

.