Ministero della Salute

Piano Nazionale Integrato 2015 - 2018

Data di pubblicazione: 1 gennaio 2015

Acque minerali - Riconoscimento

FONTE: Ministero della Salute

Informazioni

ACQUE MINERALI - RICONOSCIMENTO
(DLgs 8 ottobre 2011, n. 176, attuazione della direttiva europea 2009/54/CE)

Macroarea: ALIMENTI            
Settore: ACQUE POTABILI E MINERALI
Tipologia dell'attività: 1 - Attività di autorizzazione


Autorità Competenti e Laboratori

AC Centrali

Ministero della Salute - DG Prevenzione sanitaria - Ufficio IV

Ruoli:

riconoscimento della qualifica di acqua minerale naturale dell’acqua prelevata alla sorgente, sulla base di apposito parere del Consiglio Superiore di Sanità

 


Dettaglio attività

Categorizzazione degli eventuali rischi e modalità di applicazione delle categorie di rischio
non applicabile

Frequenza (o criteri per stabilire frequenza)
attività svolta su richesta

Luogo e momento del controllo
Ministero salute

Metodi e tecniche
Controllo documentale

Le domande per ottenere il riconoscimento di un’acqua minerale naturale rivolte dal titolare di concessione mineraria o di permesso di ricerca al Ministero della Salute devono essere corredate da documentazione geologica, chimica, microbiologica ed eventualmente farmacologia e clinica. Tale documentazione, terminata l’istruttoria dell’Ufficio competente, viene trasmessa al Consiglio Superiore di Sanità al fine dell’acquisizione del parere previsto dall’articolo 5 del sopraccitato decreto legislativo, per la conseguente emanazione del decreto di riconoscimento.

Il Ministero della Salute, sulla base di adeguata documentazione clinica e sentito il Consiglio Superiore di Sanità, riconosce le proprietà favorevoli alla salute delle acque minerali (quali ad esempio effetti diuretici, lassativi, digestivi o indicazioni per l’alimentazione dei neonati) ed autorizza con proprio decreto le indicazioni che possono essere riportate sulle etichette.

Modalità rendicontazione, verifica e feedback

Registrazione decreti di riconoscimento



Tag associati a questa pagina: Acque mineraliSicurezza alimentare