Sei in: Home > 4. Piani di intervento e Assistenza reciproca > A. Piani di Intervento

A. Piani di Intervento

Piano di emergenza per la sicurezza degli alimenti e dei mangimi

Accordo Stato/Regioni del 24 gennaio 2008

 

Settore/i interessati

Sicurezza degli alimenti e dei mangimi

Organismo/i incaricati di elaborazione e aggiornamento

la Direzione Generale della Sicurezza degli Alimenti e della Nutrizione coordina l'implementazione, la trasmissione e la revisione del piano nazionale in collaborazione con esperti, rappresentanti regionali ed eventuali altri soggetti, anche mediante la creazione di specifici gruppi di lavoro;

Sistemi o meccanismi posti in essere per garantire la diffusione dei piani d’intervento e offrire formazioni appropriate concernenti la loro attuazione

E' stata creata una rete di contatti specifica, che verrà costantemente aggiornata. Corsi di formazione devono essere pianificati a livello nazionale e regionale, come previsto dagli articoli 4 e 5 dell'Accordo Stato/Regioni del 24 gennaio 2008.


Piano di emergenza per l'Afta epizootica

D.Lgs. n. 274/2006 - Allegato XVII
Ai sensi della direttiva 2003/85/CE - Inviato alla UE per l’approvazione nell’aprile del 2004.

 

Settore/i interessati

Sanità Animale

Organismo/i incaricati di elaborazione e aggiornamento

Centro Nazionale di Referenza I.Z.S. della Lombardia ed Emilia Romagna sede di Brescia;

Sistemi o meccaismi posti in essere per garantire la diffusione dei piani d’intervento e offrire formazioni appropriate concernenti la loro attuazione

Una volta approvato a livello nazionale è stato inviato alle autorità regionali per la diffusione al territorio – disponibilità pubblica sul sito web del Centro Nazionale di Referenza.


Piano di emergenza per la Febbre catarrale degli ovini (Blue Tongue)

D.Lgs. n.225/2003 - Allegato III
Ai sensi della direttiva 2007/75/CE - Inviato alla UE per l’approvazione nell’aprile del 2006.

Settore/i interessati

Sanità Animale

Organismo/i incaricati di elaborazione e aggiornamento

Centro Nazionale di Referenza I.Z.S. dell’Abruzzo e del Molise sede di Teramo;

Sistemi o meccanismi posti in essere per garantire la diffusione dei piani d’intervento e offrire formazioni appropriate concernenti la loro attuazione

Una volta approvato a livello nazionale è stato inviato alle autorità regionali per la diffusione al territorio – disponibilità pubblica sul sito web del Centro Nazionale di Referenza.


Piano di emergenza per la Malattia vescicolare dei suini

D.P.R. n. 362/1996 e DM 28 marzo 2007 - Allegato IV
Ai sensi della direttiva 92/119/CEE e successive modifiche - Predisposto Piano generale sulle malattie vescicolari nell’aprile del 2004.

 

Settore/i interessati

Sanità Animale

Organismo/i incaricati di elaborazione e aggiornamento

Centro Nazionale di Referenza I.Z.S. della  Lombardia ed Emilia Romagna sede di Brescia;

Sistemi o meccanismi posti in essere per garantire la diffusione dei piani d’intervento e offrire formazioni appropriate concernenti la loro attuazione

Una volta approvato a livello nazionale è stato inviato alle autorità regionali per la diffusione al territorio – disponibilità pubblica sul sito web del Centro Nazionale di Referenza.


Piano di emergenza per la Peste suina classica

D.Lgs. n.55/2004 - art.23 Allegato VIII
Ai sensi della direttiva 2001/89/CE - Inviato alla UE per l’approvazione nel giugno del 2004.

 

Settore/i interessati

Sanità Animale

Organismo/i incaricati di elaborazione e aggiornamento

Centro Nazionale di Referenza I.Z.S. dell’Umbria e delle  Marche sede di Perugia;

Sistemi o meccanismi posti in essere per garantire la diffusione dei piani d’intervento e offrire formazioni appropriate concernenti la loro attuazione

Una volta approvato a livello nazionale è stato inviato alle autorità regionali per la diffusione al territorio – disponibilità pubblica sul sito web del Centro Nazionale di Referenza.


Piano di emergenza per la Peste suina africana

D.Lgs. n. 54/2004 - art.22 Allegato VI
Ai sensi della direttiva 2002/60/CE

 

Settore/i interessati

Sanità Animale

Organismo/i incaricati di elaborazione e aggiornamento

Centro Nazionale di Referenza I.Z.S. dell’Umbria e delle  Marche sede di Perugia;

Sistemi o meccanismi posti in essere per garantire la diffusione dei piani d’intervento e offrire formazioni appropriate concernenti la loro attuazione

Una volta approvato a livello nazionale è stato inviato alle autorità regionali per la diffusione al territorio – disponibilità pubblica sul sito web del Centro Nazionale di Referenza.


Piano di emergenza per l'Influenza aviaria

D.P.R. n. 656/1996 - art.62 Allegato X
Ai sensi della direttiva 94/2005/CE, in corso di recepimento. Approvato dalla UE  con decisione 2000/680/CE e 2004/525/CE.

 

Settore/i interessati

Sanità Animale

Organismo/i incaricati di elaborazione e aggiornamento

Centro Nazionale di Referenza I.Z.S. delle Venezie sede di Padova;

Sistemi o meccanismi posti in essere per garantire la diffusione dei piani d’intervento e offrire formazioni appropriate concernenti la loro attuazione

Una volta approvato a livello nazionale è stato inviato alle autorità regionali per la diffusione al territorio – disponibilità pubblica sul sito web del Centro Nazionale di Referenza.


Piano di emergenza per la Malattia di Newcastle

D.P.R. n. 656/1996 - Allegato IV
Ai sensi della direttiva 92/66/CEE. Approvato dalla UE  con decisione 2000/680/CE e 2004/525/CE.

 

Settore/i interessati

Sanità Animale

Organismo/i incaricati di elaborazione e aggiornamento

Centro Nazionale di Referenza I.Z.S. delle Venezie sede di Padova;

Sistemi o meccanismi posti in essere per garantire la diffusione dei piani d’intervento e offrire formazioni appropriate concernenti la loro attuazione

Una volta approvato a livello nazionale è stato inviato alle autorità regionali per la diffusione al territorio – disponibilità pubblica sul sito web del Centro Nazionale di Referenza.


Data di pubblicazione: 1 gennaio 2015


Condividi:

  • Facebook

Media voti

0

Totale Voti

0