Sei in: Home > 3. Organizzazione e gestione dei controlli ufficiali > Sanità delle Piante - Controlli sul Territorio > Patata - Attività di controllo nella filiera produttiva e di commercializzazione

Patata - Attività di controllo nella filiera produttiva e di commercializzazione

FONTE: Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali

Attività di Controllo nella filiera produttiva e di commercializzazione della patata   
(Dir. 69/464/CEE, Dir.  93/50/CEE, Dir. 93/85/CEE, Dir. 98/57/CE,  Dir. 2000/29/CE,  Dir. 2007/33/CE)

Tipologia dell'attività:4 c. Controlli ufficiali previsti da norme nazionali e/o comunitarie, diversi dai Piani specifici comunitari con organizzazione e programmazione regionali

 


AC Centrali:

MIPAAF, Servizio fitosanitario centrale (SFC) (art. 49 D.Lgs. n. 214/2005)

Ruoli:

- Determinazione degli standard tecnici
- Coordinamento, armonizzazione e vigilanza sull’applicazione dei controlli
- Trasmissione alla Commissione delle relazioni nazionali obbligatorie sul monitoraggio di alcuni organismi nocivi considerati particolarmente dannosi alle produzioni di patate
- Tenuta di un registro nazionale con gli esami ufficiali sui nematodi a cisti delle patate

 

AC Regionali:

Servizi fitosanitari regionali (SFR) presso i dipartimenti/direzioni  agricoltura o presso agenzie delle Regioni e Province Autonome (art. 50 D.Lgs. n. 214/2005)

Ruoli:

- Svolgimento dei controlli fitosanitari in tutte le fasi della filiera della coltura della patata, compresi i controlli sugli scarti di lavorazione e sulle acque
- Registrazione dei produttori, dei centri di raccolta collettivi, dei grossisti ed importatori nei registri regionali
- Tenuta di un registro regionale con gli esami ufficiali sui nematodi a cisti delle patata
- Predisposizione delle relazioni obbligatorie sui monitoraggi effettuati annualmente

 


Categorizzazione degli eventuali rischi e modalità di applicazione delle categorie di rischio

Sulla base della tipologia delle coltivazioni di patata (da seme o da consumo), loro estensione territoriale, presenza di magazzini di tuberi-seme in importazione da paesi terzi dove sono notoriamente presenti gli organismi nocivi regolamentati

 

Frequenza (o criteri per stabilire frequenza)

Annualmente, nelle diverse fasi produttive (pre-semina, semina, coltivazione, raccolta, lavorazione e conservazione)

 

Luogo e momento del controllo

I controlli vengono effettuati presso singole aziende agricole, nelle cooperative e presso i commercianti presenti sul territorio

 

Metodi e tecniche

Controlli visivi nelle strutture coinvolte, con prelievo di eventuali campioni da sottoporre ad analisi di laboratorio. Le linee guida nazionali dei controlli fitosanitari sulle patate di produzione nazionale e all’importazione sono state emanate con la nota tecnica del MIPAAF prot. n. 7406 del 30/3/2012 “Standard tecnico per il controllo fitosanitario delle patate”.

 

Provvedimenti sanitari; sanzioni amministrative; sanzioni penali

Distruzione dei tuberi e delle piante di patate con presenza degli organismi nocivi regolamentati.

 

Modalità rendicontazione, verifica e feedback

I risultati delle indagini sono riportati su verbali di sopralluogo e in banche dati regionali.

Entro le date fissate a livello nazionale, variabili a seconda dell’organismo nocivo considerato, i SFR inviano annualmente i dati relativi ai controlli effettuati al MIPAAF per la loro trasmissione  alla Commissione europea.

 


Data di pubblicazione: 1 gennaio 2015

Tag associati a questa pagina: Sanità delle piante


Condividi:

  • Facebook