Sei in: Home > 3. Organizzazione e gestione dei controlli ufficiali > Sanità Animale - Anagrafe > Ovini e caprini - Controlli nel sistema di identificazione e registrazione

Ovini e caprini - Controlli nel sistema di identificazione e registrazione

FONTE: Ministero della Salute

CONTROLLI NEL SISTEMA DI IDENTIFICAZIONE E REGISTRAZIONE DEGLI ANIMALI DELLE SPECIE OVINA E CAPRINA
(Reg. (CE) n.1505/2006)

 

Macroarea: SANITA’ ANIMALE           
Settore: ANAGRAFE
Tipologia dell'attività: 4c - Attivita’ di controllo ufficiale svolte sull’intero territorio nazionale, diverse dai Piani specifici comunitari, con organizzazione e programmazione regionali.

 


AC Centrale:

Ministero della salute – DGSA - Ufficio II

Ruoli:

Coordinamento, verifica e controllo dell’attività svolta dalle AC  Regionali e Locali anche attraverso attività di audit.
Predisposizione ed elaborazione normativa.
Riunioni di coordinamento a livello nazionale.
Partecipazione a Working group e Steering group a livello comunitario.

 

AC Regionali:

Assessorati alla sanità delle Regioni e Province autonome – Servizi Veterinari

Ruoli:

Coordinamento, verifica e controllo dell’attività svolta dalle AC Locali.

 

AC Locali:

ASL - Servizi Veterinari

Ruoli:

Controlli in allevamento sul sistema di identificazione e registrazione degli animali.
Compilazione e registrazione in BDN delle apposite check-list.

 


Categorizzazione degli eventuali rischi e modalità di applicazione delle categorie di rischio

La selezione del campione di aziende da sottoporre a controllo viene effettuata sulla base dell’analisi dei rischi.
I criteri di rischio, individuati dalla normativa comunitaria e nazionale sono i seguenti:

  • Altre indagini degli organi di polizia giudiziaria;
  • Cambiamenti della situazione aziendale;
  • Comunicazione dei dati dell'azienda all'A.C.;
  • Implicazioni per la salute umana e animale, prec. focolai;
  • Indagine relativa all'igiene degli allevamenti;
  • Indagine relativa alle frodi comunitarie (attività correlata ai controlli AGEA);
  • Infrazioni riscontrate negli anni precedenti;
  • Numero di animali;
  • Variazioni dell'entita' dei premi (attività correlata ai controlli AGEA) .

 

Frequenza (o criteri per stabilire frequenza)

L’AC effettua i controlli ogni anno su almeno il 3% degli allevamenti ed almeno il 5% dei capi presenti sul territorio di competenza.

 

Luogo e momento del monitoraggio

Controlli effettuati in allevamento.

 

Metodi e tecniche

I controlli vengono effettuati compilando apposite check-list successivamente registrate nella Banca Dati dell’anagrafe zootecnica.

 

Modalità rendicontazione, verifica e feedback

Attività di audit presso le Autorità Competenti Regionali.
L’AC centrale invia annualmente alla Commissione Europea un report relativo ai controlli effettuati nell’anno in corso, come stabilito dalla norma comunitaria.

 


Data di pubblicazione: 1 gennaio 2015

Tag associati a questa pagina: Anagrafi agroalimentariRuminanti


Condividi:

  • Facebook