Sei in: Home > 2. Autorità competenti e Laboratori Nazionali di Riferimento > B. Laboratori Nazionali di Riferimento > Oncologia veterinaria e comparata - Centro di Referenza Nazionale (CEROVEC)

Oncologia veterinaria e comparata - Centro di Referenza Nazionale (CEROVEC)

FONTE: Centri di Referenza Nazionali (CRN)

CRN per l’Oncologia Veterinaria e Comparata (CEROVEC)

Sede:
Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta (IZS PLV)
Sezione di Genova
Piazza Borgo Pila, 39 int 24
16129 Genova

Numero di accreditamento:
0200

Responsabile:
Angelo Ferrari

Contatti
Tel: 010 542274
e-mail: angelo.ferrari@izsto.it
e-mail: cerovec@izsto.it

Sito web:
www.izsto.it      

Decreto di istituzione del Centro di Referenza Nazionale:
Nota Ministero della Sanità n° 600.2/24438/788 del 10/5/1991
Circolare MinSan n° 14 pubblicato su G.U.R.I.  n° 269 del 16/11/1991

Riconoscimenti internazionali:
Il CEROVEC, per il settore di competenza, è Ente partner della Biobanca Veterinaria (capofila Istituto Zooprofilattico Sperimentale Lombardia ed Emilia Romagna - IZS LER), di cui riconoscimento “OIE Collaborating Centre for a Veterinary Biological Biobank”.

 



Obiettivi, scopi e finalità del Centro di Referenza Nazionale:

  • Organizzazione annuale di Prove di confronto/Ring Test per i laboratori di istopatologia dell’Istituto e/o della rete II.ZZ.SS.
  • Conferma di diagnosi oncologiche presentate da altri laboratori anche attraverso sistemi di telediagnostica.
  • Standardizzazione di metodiche.
  • Applicazione e diffusione dei metodi ufficiali di analisi redatti secondo le norme EN 17025.
  • Analisi e comparazione dei dati epidemiologici relativi ad animali residenti in diversi territori con eventuale predisposizione di piani di intervento.
  • Programmazione di corsi di formazione, aggiornamento e perfezionamento del personale.


Attività di analisi:
Analisi


Modalità di pianificazione e organizzazione delle prove interlaboratorio e di confronto, se del caso

Il Centro di Referenza organizza i seguenti circuiti:

  • riproducibilita' del metodo istologico per la valutazione e classificazione dei tumori degli animali domestici: colorazione con ematossilina eosina (pos 10dg022).
  • riproducibilita' del metodo immunoistochimico per la valutazione dell’ espressione di citocheratine e/o vimentina nelle neoplasie animali (pos 10dg080).
  • riproducibilita' del metodo per “esame istologico con colorazione giemsa (qualitativo) su materiale biologico” (pos 10dg195 ).

La pianificazione avviene, per ogni circuito, con la stesura del protocollo di studio nel quale sono indicate le modalità e le tempistiche dello svolgimento. Il protocollo, insieme alla scheda di adesione ed al modulo di risposta, è trasmesso alla rete dei laboratori partecipanti; successivamente vengono preparati i set di campioni (vetrini istologici) ed inviati ai laboratori partecipanti, che hanno a disposizione circa un mese per comunicare i risultati al nostro CdR.

Viene quindi effettuata l'analisi statistica dei risultati per la verifica della riproducibilità (o concordanza), in termini di confronto tra singoli lettori appartenenti a diversi laboratori: elemento cardine per garantire l’uniformità della diagnosi a livello nazionale.

I documenti scaturiti dall’elaborazione statistica dei risultati sono infine inviati ai singoli laboratori partecipanti.

 


Data di pubblicazione: 1 gennaio 2015, ultimo aggiornamento 14 settembre 2016

Tag associati a questa pagina: Malattie degli animali


Condividi:

  • Facebook