Sei in: Home > 2. Autorità competenti e Laboratori Nazionali di Riferimento > B. Laboratori Nazionali di Riferimento > Brucellosi - Laboratorio Nazionale di Riferimento e Centro di Referenza Nazionale

Brucellosi - Laboratorio Nazionale di Riferimento e Centro di Referenza Nazionale

FONTE: Centri di Referenza Nazionali (CRN), Laboratori Nazionali di Riferimento (LNR)

Sede:
Istituto Zooprofilattico dell’Abruzzo e del Molise “G. Caporale”
Via Campo Boario
64100 Teramo

Numero di accreditamento:
0111

Responsabile: 
M. Tittarelli e M. Scacchia

Contatti:
e-mail: [email protected]
e-mail: [email protected]  
e-mail: [email protected]

Sito web:
https://brucellosi.izs.it/brucellosi/

Decreto di istituzione del CRN:.
D. M. 4 ottobre 1999

Riconoscimenti internazionali (FAO, OIE, ecc):
OIE Reference  Laboratory  for brucellosis EFSA zoonosis

 



Obiettivi, scopi e finalità del Centro di Referenza Nazionale:
In base all’art.2 del D. M. 4 ottobre 1999 i compiti istituzionali sono i seguenti:

  • confermare, ove previsto, la diagnosi effettuata da altri laboratori;
  • attuare la standardizzazione delle metodiche di analisi;
  • avviare idonei “ring test” tra gli IZS;
  • utilizzare e diffondere i metodi ufficiali di analisi;
  • predisporre piani d’intervento;
  • collaborare con altri centri di referenza comunitari o di paesi terzi;
  • fornire, al Ministero della Salute, assistenza e informazioni specialistiche.


Responsabile:
M. Tittarelli

Contatti:

Tel: 0861332431
e-mail: [email protected]

Sito web:
www.izs.it

Atto di designazione del LNR ai sensi del Reg. (CE) n.882/2004, art. 33:
Regolamento (CE) n. 535/2002 della Commissione del 21 marzo 2002 (gu CE 80/22)

Riconoscimenti internazionali (FAO, OIE, ecc):
OIE Reference Laboratory for brucellosis EFSA zoonosis

 



Obiettivi, scopi e finalità del Laboratorio Nazionale di Riferimento:
I laboratori nazionali di riferimento hanno la responsabilità di:

  1. approvare i risultati degli studi di validazione che dimostrano l'affidabilità del metodo di prova utilizzato nello Stato membro interessato;
  2. stabilire il numero massimo di campioni che devono formare i pool in relazione ai kit ELISA utilizzati;
  3. calibrare i sieri standard nazionali secondari di riferimento (“standard di lavoro”) con i sieri standard internazionali primari di riferimento;
  4. controllare la qualità di tutti i lotti di antigeni e di kit ELISA utilizzati nel rispettivo Stato membro;
  5. collaborare nell'ambito della rete dei laboratori nazionali di riferimento per la brucellosi dell'Unione Europea


Attività di analisi:
Tabella

Modalità di pianificazione e organizzazione delle prove interlaboratorio e di confronto:
Il LNR organizza, sin dal 2000, con cadenza annuale circuiti inter-laboratorio per esami sierologici (SAR, FDC ed ELISA latte) e dal 2006 anche circuiti per gli esami batteriologici (ricerca Brucella spp. mediante isolamento).

Al circuito sierologico aderiscono tutti i laboratori degli IIZZSS, che eseguono le prove indirette diagnostiche sul territorio di competenza (circa 70 partecipanti), mentre ai circuiti per la ricerca dell’agente eziologico (Brucellosi-Alimenti e Brucellosi-Diagnostica) partecipano laboratori che effettuano prove microbiologiche.

Le modalità di organizzazione dei circuiti sono riportate nei rispettivi protocolli per l’esecuzione di prove valutative tra laboratori, disponibili on line all’indirizzo http://proveinterlaboratorio.izs.it/ dell’IZSA&M, come anche i report finali distinti per anno.


Data di pubblicazione: 1 gennaio 2015, ultimo aggiornamento 22 luglio 2016

Tag associati a questa pagina: Zoonosi


Condividi:

  • Facebook