Sei in: Home > 2. Autorità competenti e Laboratori Nazionali di Riferimento > B. Laboratori Nazionali di Riferimento > Radioattività - Centro di Referenza Nazionale per la ricerca della radioattività nel settore zootecnico veterinario

Radioattività - Centro di Referenza Nazionale per la ricerca della radioattività nel settore zootecnico veterinario

FONTE: Centri di Referenza Nazionali (CRN)

CRN per la Ricerca della Radioattività nel Settore Zootecnico Veterinario

Sede:
Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Puglia e della Basilicata
Via Manfredonia 20, 71
71121 FOGGIA

Numero di accreditamento:
0296

Responsabile: 
Antonio Eugenio Chiaravalle

Contatti: 
Tel: 0881 786345   

Sito web:
www.izsfg.it

Decreto di istituzione del CNR:
Decreto del Ministro della Salute 27 Agosto 2004 pubblicato sulla G.U. n. 43 del 22 febbraio 2005

 



Obiettivi, scopi e finalità del Centro di Referenza Nazionale:
Inserito nella rete dei controlli radiometrici su matrici ambientali ed alimentari, il Centro attua piani di monitoraggio ed intraprende ricerche nel settore della radiocontaminazione degli alimenti destinati all’alimentazione umana e degli alimenti ad uso zootecnico. Attualmente l’attenzione è focalizzata su due nuove aree di interesse sanitario: la dosimetria radon e la tematica della food-irradiation. Il Centro effettua, inoltre, studi sulla salubrità dei cibi irradiati ed esegue ricerche sui metodi analitici per l’identificazione di alimenti ed ingredienti trattati con radiazioni ionizzanti. I Laboratori del Centro sono dotati di apparecchiature di elevata tecnologia in grado di rivelare i radionuclidi alfa, beta e gamma. Dispone di tre sistemi di spettrometria gamma diretta ad alta risoluzione, di un sistema di conteggio integrale alfa/beta a basso fondo, di uno scintillatore plastico, di due scintillatori liquidi di cui uno ad ultra-bassi conteggi e di un sistema per spettrometria alfa. La dotazione strumentale è arricchita da due spettrometri al plasma accoppiato induttivamente (ICP-MS ed ICP-DRC-MS) per lo sviluppo di metodi innovativi e rapidi per la ricerca di radionuclidi a emivita lunga; un monitor portatile ed un sistema passivo per la rivelazione del gas radon in aria, acqua e suolo ed infine uno spettrometro ESR, un sistema di lettura PSL, un sistema TL/OSL per l’identificazione di alimenti irradiati ed un irradiatore biologico a raggi X di bassa energia.

L’attività del Centro di Referenza è articolata in differenti settori:

a)   Controlli di parametri radiometrici su matrici alimentari ed ambientali

b)   Verifica del trattamento con radiazioni ionizzanti su alimenti o loro ingredienti

c)   Progetti di ricerca e programmi di interconfronto nei settori di competenza

d)   Indagini epidemiologiche e piani di monitoraggio

e)   Informazione, formazione e consulenza nei settori di competenza

Le attività di controllo e monitoraggio si esplicano nelle seguenti aree:

  • Determinazione di contaminanti gamma emettitori, alfa e beta emettitori in matrici alimentari ed ambientali
  • Piani di monitoraggio dei livelli di concentrazione di attività di radionuclidi gamma e beta emettitori in matrici alimentari ed ambientali
  • Controllo di prodotti di origine animale e vegetale all’importazione e rilascio di certificati per l’esportazione
  • Controllo sulla presenza di alimenti od ingredienti trattati con radiazioni ionizzanti - Food Irradiation    (Tecniche: ESR, TL, PSL, DNA Comet, GC-MS)

Le principali linee di ricerca si sviluppano nei seguenti ambiti:

  • Sviluppo, messa a punto ed ottimizzazione di metodiche innovative e rapide per la determinazione dei livelli di radiocontaminazione: radionuclidi artificiali e naturali.
  • Studi e ricerche per la radioprotezione dell’uomo e degli animali indagando le possibili vie di trasferimento dei radionuclidi ed i meccanismi metabolici coinvolti.
  • Studi e ricerche di radioecologia, analizzando le principali vie e modalità di trasmissione dei contaminanti nei diversi anelli delle catene alimentari.
  • Studi preliminari dei livelli di concentrazione di gas radon nell’aria e nell’acqua in aziende zootecniche, impianti di acquicoltura e macelli pubblici.
  • Studi e ricerche sugli effetti dell’irraggiamento degli alimenti, estensione del campo di applicazione dei metodi (CEN) e sviluppo di metodi di identificazione quantitativi per tutte le tipologie di prodotti alimentari il cui trattamento con radiazioni ionizzanti è attualmente consentito o la cui autorizzazione è in via di definizione

Attività di analisi
L'elenco delle attività di analisi è riportato in allegato

Modalità di pianificazione e organizzazione delle prove interlaboratorio e di confronto:
Organizzazione e gestione di prove interlaboratorio sulle tematiche riguardanti i metodi per la ricerca di alimenti irradiati  e la determinazione di contaminanti radioattivi nei prodotti alimentari. Tali attività vengono svolte nell’ambito di progetti finanziati dal Ministero della Salute.


Data di pubblicazione: 1 gennaio 2015, ultimo aggiornamento 22 luglio 2016

Tag associati a questa pagina: Alimenti di origine animaleAlimenti di origine non animaleAmbienteMangimiSicurezza alimentare


Condividi:

  • Facebook