Sei in: Home > Appendice - Sezioni regionali > Regione Abruzzo > Piano regionale di controllo radioattività da matrici alimentari

Piano regionale di controllo radioattività da matrici alimentari

FONTE: Regione Abruzzo


Macroarea: Alimenti
Settore: Sicurezza e Nutrizione
Tipologia dell'attività: 5 - Attività a carattere regionale

Normativa di riferimento:
“Il Libro delle Regole”. Piano Pluriennale Regionale Integrato dei Controlli della Sanità Pubblica veterinaria e della Sicurezza Alimentare della Regione Abruzzo (P.P.R.I.C.) 2008-2010 - approvato con determinazione dirigenziale n.DG11/54 del 31.03.2008-Direzione Sanità Servizio Veterinario.


AC Regionali:
Regione Abruzzo
Assessorato alle Politiche della Salute
Direzione Politiche della Salute
Servizio Veterinario

Ruoli:
Redigere il programma degli accertamenti per il Piano delle radioattività da matrici alimentari

AC Locali:
ASL (Servizi Veterinari di Igiene degli Alimenti di Origine Animale e Servizi di Igiene degli Alimenti e della Nutrizione-S.I.A.N.)

Ruoli:
Effettuare i prelievi nella misura e per le tipologie di alimenti previste dal Piano regionale


A.R.T.A.(Agenzia Regionale per la Tutela dell’Ambiente)
effettua gli esami sui campioni prelevati dalle ASL delle province di Chieti e Pescara

IZS dell’Abruzzo e del Molise
effettua gli esami sui campioni prelevati dalle ASL delle province di L’Aquila e Teramo


Categorizzazione degli eventuali rischi e modalità di applicazione delle categorie di rischio

Ai fini della categorizzazione del rischio, la  Commissione, composta da rappresentanti delle AC locali e regionali  coinvolte per fare il punto della situazione, analizzando eventuali criticità emerse nel corso dell’attività svolta e proponendo se necessario azioni correttive con eventuale modifica della tipologia e quantità dei prelievi da effettuarsi

Frequenza (o criteri per stabilire frequenza)

I campionamenti devono essere effettuati nell’arco dell’anno, secondo quanto riportato nella programmazione annuale 

Luogo e momento del controllo

Grande distribuzione, macelli, mercati, stabilimenti di produzione.
Non è previsto un particolare momento in cui svolgere l’attività di controllo; tuttavia l’attività di prelievo da parte delle ASL deve concludersi entro il 31 ottobre di ogni anno.

Metodi e tecniche

monitoraggio mediante campionamento per la ricerca di Radioisotopi gamma-emittenti

Modalità rendicontazione, verifica e feedback

Annualmente (entro il mese di gennaio dell’anno successivo a quello di riferimento) i Laboratori IZS e ARTA trasmettono alla Regione i dati in formato cartaceo.
Nello stesso formato, non appena inoltrati dai laboratori, i dati vengono trasmessi dalla AC Regionale al Ministero della Salute - DGSAN Ufficio III.
La verifica è annuale.


Data di pubblicazione: 1 gennaio 2015

Tag associati a questa pagina: Alimenti di origine animaleAlimenti di origine non animaleSicurezza alimentare


Condividi:

  • Facebook