Menu nascosto all'interno della pagina
Piano Nazionale Integrato 2011-2014
Ultimo aggiornamento:  16 Dicembre 2010


Cap. 3A - Sicurezza e Nutrizione - Criteri microbiologici per vendita latte crudo

ATTIVITA' DI CONTROLLO PER LA VERIFICA DEI  CRITERI MICROBIOLOGICI  PER LA VENDITA DIRETTA DI LATTE CRUDO  IN AZIENDA E DISTRIBUTORI AUTOMATICI
(Intesa Stato Regioni del 15 gennaio 2007 in materia di vendita diretta di latte crudo al consumatore finale)

Macroarea: ALIMENTI
Settore: Sicurezza e Nutrizione
Tipologia dell'attività: 4c - Attività di controllo ufficale svolte sull'intero territorio nazionale, diverse dai Piani specifici comunitari, con organizzazione e programmazione regionali

Autorità competentiruoli
AC Centrale: Ministero della Salute - DGSAN - Ufficio IIIcoordinamento e indirizzo
stabilisce eventuali ulteriori obiettivi
di sicurezza (criteri di sicurezza alimentare) sulla base dei risultati
dei controlli effettuati dalle Regioni
AC Regionali: Assessorati regioni e Province Autonomeraccolta dati controlli ed invio al Ministero
AC Locali: ASL - Servizi VeterinariEffettuano la vigilanza e periodici controlli con frequenza basata sulla valutazione del rischio
dettagli dell'attività
categorizzazione degli eventuali rischi e modalità di applicazione delle categorie di rischiocategorizzazione e frequenza controlli stabilita da  Regioni
frequenza (o criteri per stabilire frequenza)stabilita da Regioni
luogo e momento del controllodistributori automatici , sull’alimento al momento dell’erogazione
metodi e tecnicheattività di vigilanza effettuata con metodi e tecniche di controllo ai sensi del reg. CE 882/2004  stabiliti dalle regioni e province autonome
modalità rendicontazione, verifica e feedbackle Regioni devono trasmettere annualmente al Ministero i risultati dei controlli effettuati con relative eventuali osservazioni


Questa scheda fornisce informazioni sui capisaldi nazionali.
Le peculiarità regionali in fase applicativa sono descritte in appendice (cfr. Friuli Venezia Giulia).