Menu nascosto all'interno della pagina
Salta la testata inizio
Ministero della Salute
Cerca 


Piano Nazionale Integrato 2011-2014

A cura di:
Direzione generale per l'igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione

Web editing:
M. DE MARTINO



Cap. 3A - Sicurezza e Nutrizione - Ispezione e audit autorità regionali e locali su stabilimenti riconosciuti

Data di aggiornamento: 16 dicembre 2010

ISPEZIONE E AUDIT DELLE AUTORITÀ REGIONALI E LOCALI SUGLI STABILIMENTI RICONOSCIUTI PER LA PRODUZIONE DI ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE
(Reg. (CE) n.882/2004; Linee guida sui controlli ufficiali ai sensi dei Reg. CE 854-882/ 2004)

Macroarea: ALIMENTI
Settore: Sicurezza e Nutrizione
Tipologia dell'attività: 4c - Attività di controllo ufficiale svolte sull'intero territorio nazionale, diverse dai Piani specifici comunitari, con organizzazione e programmazione regionali

Autorità competentiruoli
AC CentraleSupervisione mediante:
- Audit di settore da effettuarsi ai sensi del regolamento 882/2004 sulle autorità competenti.
- Ispezione degli stabilimenti di alimenti di origine animale riconosciuti in base al Reg. CE 853/2004
AC regionale: Assessorati alla Sanità- Audit di settore da effettuarsi ai sensi del regolamento 882/2004 sulle autorità competenti.
- Ispezione degli stabilimenti di alimenti di origine animale riconosciuti in base al Reg. CE 853/2004
Emettono i provvedimenti concordati con l’AC locale nei confronti dell’OSA
Emettono provvedimenti nei confronti dell’AC locale
AC locali: ASLCoadiuvano l’attività degli ispettori regionali
Verificano e trasmettono all’AC Regionale la risoluzione delle non conformità riscontrate
Effettuano attività di controllo ufficiale sugli stabilimenti in base alla categorizzazione del rischio stabilita sulla base delle Linee guida sui controlli ufficiali ai sensi dei Reg. CE 854-882/ 2004.

 

dettagli dell'attività
categorizzazione degli eventuali rischi e modalità di applicazione delle categorie di rischio

La programmazione regionale delle ASL e degli stabilimenti da ispezionare vengono stabilite sulla base di:

  • emergenze sanitarie, allerta nazionali e comunitarie;
  • problemi riscontrati da FVO o da altri organi di controllo nazionali o internazionali;
  • tempo trascorso dall’ultima ispezione;
  • in base ai dati forniti dagli organi di controllo locale;
  • follow up di regioni già ispezionate;


Le ASL Effettuano attività di controllo ufficiale:
- per il riconoscimento degli stabilimenti ai sensi del Reg. CE 853/2004;
- per il mantenimento dei requisiti previsti dal Reg. CE 853/2004 in base alla categorizzazione del rischio stabilita sulla base delle Linee guida sui controlli ufficiali ai sensi dei Reg. CE 854-882/ 20004.

frequenza (o criteri per stabilire frequenza)Programmazione regionale annuale su ispezioni e audit.
luogo e momento del controllo
  • Stabilimento di alimenti di origine animale riconosciuti in base al Reg. CE 853/2004
Metodi e tecniche

Le ispezioni negli stabilimenti vengono svolte sulla base di verifiche sulla rispondenza dei requisiti:

  • strutturali e igienico sanitari,
  • delle procedure messe in atto dall’OSA su GMP, SOP, SSOP, HACCP;
  • e dei controlli effettuati dell’autorità competente sullo stabilimento;
modalità rendicontazione, verifica e feedbackRapporto finale da parte degli ispettori regionali trasmesso alle autorità competenti locali con allegate schede che riportano per singolo stabilimento le non conformità riscontrate e i provvedimenti che si richiede vengano adottati dall’Autorità competente locale sullo stabilimento.
Eventuali provvedimenti sulle autorità competenti locali.
Le regioni trasmettono delle schede (allegato 3 delle Linee guida sui controlli ufficiali ai sensi dei Reg. CE 854-882/ 20004) dove riportano la rendicontazione numerica delle attività di controllo ufficiale.




Ministero della Salute - Centralino 06.5994.1 - Codice Fiscale 80242250589