Menu nascosto all'interno della pagina
Salta la testata inizio
Ministero della Salute
Cerca 


Piano Nazionale Integrato 2011-2014

A cura di:
Direzione generale per l'igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione

Web editing:
M. DE MARTINO



Cap. 3A - SICUREZZA E NUTRIZIONE

Data di aggiornamento: 10 luglio 2013

Attività di Controllo

Per semplificare la ricerca degli argomenti di interesse, l'elenco delle attività di controllo ufficiale in materia di sicurezza degli alimenti e nutrizione è stato suddiviso in diverse sezioni:

 

Alimenti in generale

AttivitàTipologia
Registrazione imprese alimentari1: attività di autorizzazione
Piano nazionale di controllo ufficiale sulla presenza di OGM negli alimenti4b: controlli ufficiali previsti da norme nazionali e/o comunitarie, diversi dai piani specifici comunitari, con organizzazione centrale e programmazione regionale
Radiazioni Ionizzanti
Trattamento di alimenti e loro ingredienti
Autorizzazione degli impianti di trattamento1: attività di autorizzazione
Controllo di alimenti e loro ingredienti trattati4c: controlli ufficiali previsti da norme nazionali e/o comunitarie, diversi dai piani specifici comunitari con organizzazione e programmazione regionali
Controlli Ufficiali sui residui di prodotti fitosanitari in alimenti di origine vegetale2: piani specifici comunitari con programmazione centrale
Programma comunitario coordinato di controllo pluriennale destinato a garantire il rispetto dei limiti massimi e valutare l'esposizione dei consumatori ai residui di antiparassitari su e nei prodotti alimentari di origine vegetale e animale2: piani specifici comunitari con programmazione centrale
Piano di vigilanza e controllo degli alimenti e delle bevande4b: controlli ufficiali previsti da norme nazionali e/o comunitarie, diversi dai piani specifici comunitari, con organizzazione centrale e programmazione regionale
Monitoraggio agenti zoonotici negli alimenti4c: controlli ufficiali previsti da norme nazionali e/o comunitarie, diversi dai piani specifici comunitari con organizzazione e programmazione regionali
Abruzzo - Piano regionale di controllo radioattività da matrici alimentari5: attività di controllo ufficiale a carattere regionale
Campania - Piano di monitoraggio sulla conformità degli alimenti importati da paesi terzi alle norme sanitarie e commerciali5: attività di controllo ufficiale a carattere regionale
Piemonte - Allergeni - Piano regionale di controllo ufficiale sulla verifica della corretta applicazione del decreto legislativo 114/20065: attività di controllo ufficiale a carattere regionale
Piemonte - Acque utilizzate nelle imprese alimentari - Controllo igienico-sanitario5: attività di controllo ufficiale a carattere regionale
Sicilia - Piano regionale di controllo ufficiale sulla verifica della presenza di impurità solide negli alimenti per gli anni 2010 - 20145: attività di controllo ufficiale a carattere regionale
Sicilia - Piano regionale di controllo ufficiale sulla verifica della corretta applicazione del decreto legislativo 114/2006 per gli anni 2010 - 20145: attività di controllo ufficiale a carattere regionale

Torna su

Alimenti di Origine Animale

AttivitàTipologia
Riconoscimento stabilimenti produzione alimenti di origine animale1: attività di autorizzazione
Molluschi bivalvi vivi - classificazione1: attività di autorizzazione
Piano Nazionale Residui2: piani specifici comunitari con programmazione centrale
Molluschi bivalvi vivi – monitoraggio delle zone di produzione e stabulazione4c: controlli ufficiali previsti da norme nazionali e/o comunitarie, diversi dai piani specifici comunitari con organizzazione e programmazione regionali
Ispezione e audit delle Autorità regionali e locali sugli stabilimenti riconosciuti per la produzione di alimenti di origine animale.4c: controlli ufficiali previsti da norme nazionali e/o comunitarie, diversi dai piani specifici comunitari con organizzazione e programmazione regionali
Trichine - Prevenzione e Controllo4c: controlli ufficiali previsti da norme nazionali e/o comunitarie, diversi dai piani specifici comunitari con organizzazione e programmazione regionali
Controlli ufficiali per la verifica dei  criteri microbiologici  per la vendita diretta di latte crudo  in azienda e distributori automatici4c: controlli ufficiali previsti da norme nazionali e/o comunitarie, diversi dai piani specifici comunitari con organizzazione e programmazione regionali
Campania - Piano di monitoraggio sulla presenza dell’ostreopsis ovata e delle sue tossine nei molluschi, crostacei e gasteropodi ed echinodermi5: attività di controllo ufficiale a carattere regionale
Campania - Piano di monitoraggio sui prodotti lattiero caseari derivati da latte di bufala5: attività di controllo ufficiale a carattere regionale
Campania - Piano di monitoraggio per diossine e Pcb Diossino-simili in latte e mangimi5: attività di controllo ufficiale a carattere regionale
Friuli Venezia Giulia - Progetto regionale Piccole Produzioni Locali (PPL) - Carni Suine e Avicunicole5: attività di controllo ufficiale a carattere regionale
Friuli Venezia Giulia - Progetto regionale Piccole Produzioni Locali (PPL) - Prodotti Lattiero Caseari di Malga5: attività di controllo ufficiale a carattere regionale
Lombardia - Piano di controllo delle temperature degli alimenti da mantenere in regime di temperatura controllata in fase di vendita al dettaglio5: attività di controllo ufficiale a carattere regionale
Lombardia - Piano di sorveglianza sulla prevalenza di L. monocytogenes in formaggi molli di produzione nazionale ed estera5: attività di controllo ufficiale a carattere regionale
Lombardia - Piano di controllo sulla qualità igienica dei prodotti a base di latte ottenuti nei caseifici degli alpeggi della Regione Lombardia5: attività di controllo ufficiale a carattere regionale
Lombardia - Piano di sorveglianza sulla prevalenza di Salmonella spp. in prodotti a base di carne (insaccati crudi) di produzione nazionale prelevati presso gli stabilimenti di trasformazione (2012-2013)5: attività di controllo ufficiale a carattere regionale
Toscana - Direttive per il campionamento di alimenti destinati al consumo umano prodotti in stabilimenti riconosciuti ai sensi del regolamento (CE) n. 853/2004 (delibera di Giunta regionale n. 16 dell’ 11 gennaio 2010) - attività sperimentale per gli anni 2010 e 20115: attività di controllo ufficiale a carattere regionale

Torna su

Funghi

AttivitàTipologia
Autorizzazione allo svolgimento dell'attivita' di micologo1: attività di autorizzazione

Torna su

Manuali di corretta prassi operativa, relativi all’igiene nel settore alimentare

AttivitàTipologia
Validazione dei manuali di corretta prassi operativa, relativi all’igiene nel settore alimentare 1: attività di autorizzazione

Torna su

Esportazione alimenti

In linea generale le esportazioni di alimenti verso Paesi Terzi sono regolate da accordi bilaterali tra l'Italia  o l'Unione europea e i singoli Paesi e non prevedono particolari adempimenti se non il rispetto della normativa comunitaria vigente e l'eventuale approvazione degli stabilimenti che esportano, tramite l'inserimento in apposite listeconsultabili sul Portale del Ministero della Salute.

Ulteriori requisiti, richiesti da USA e Giappone, sono descritti nelle seguenti schede:

AttivitàTipologia
Autorizzazione aziende alimentari all’esportazione di alimenti in USA e Giappone1: attività di autorizzazione
Monitoraggio per la verifica del mantenimento dei requisiti delle aziende alimentari abilitate all’esportazione di alimenti in Paesi Terzi4a: controlli ufficiali previsti da norme nazionali e/o comunitarie, diversi dai piani specifici comunitari, con organizzazione e programmazione centrali
Controllo di salmonelle e listerie per stabilimenti abilitati all’export USA4b: controlli ufficiali previsti da norme nazionali e/o comunitarie, diversi dai piani specifici comunitari, con organizzazione centrale e programmazione regionale

Torna su

Alimenti particolari- Prima infanzia - Integratori alimentari - Alimenti addizionati di vitamine e minerali

Gli alimenti particolari (alimenti destinati ad una alimentazione particolare), i prodotti per la prima infanzia, gli integratori alimentari e gli alimenti addizionati di vitamine  e minerali possono essere prodotti e commercializzati solo da operatori del settore alimentare (OSA).

Ogni OSA, oltre agli adempimenti richiesti per gli stabilimenti di produzione/confezionamento, ha l’obbligo di registrazione, ai sensi del Regolamento (CE) 852/2004, e deve inoltre notificare ogni struttura posta sotto il suo controllo che esegua una qualsiasi delle fasi di deposito/distribuzione/importazione di alimenti.

Tali prodotti devono rispettare determinati requisiti e pertanto devono essere previamente notificati.

Il sistema di autorizzazione alla produzione e di verifica delle etichette è descritto in dettaglio nelle schede consultabili sul portale.

 

ATTIVITA'TIPOLOGIA

Autorizzazione degli stabilimenti di produzione, trasformazione e confezionamento di:

  • Prodotti destinati ad una alimentazione particolare
  • Integratori alimentari
  • Alimenti addizionati di vitamine e minerali
1: attività di autorizzazione

Verifica delle etichette per:

  • Integratori alimentari
  • Alimenti addizionati di vitamine e minerali
  • Alimenti a fini medici speciali
  • Prodotti dietetici senza glutine
  • Prodotti dietetici per sportivi
  • Latte di crescita
  • Prodotti dietetici delattosati
  • Formule per lattanti
  • Altre tipologie di prodotti dietetici (vedere sul portale)
1: attività di verifica e monitoraggio

 

Maggiori informazioni sull'argomento sono disponibili nella sezione dedicata sul Portale del Ministero della Salute

Torna su

Novel Food

I novel food, cioè i nuovi alimenti o i nuovi ingredienti alimentari, disciplinati dalla legislazione alimentare comunitaria con il Regolamento (CE) 258/97, sono tutti quei prodotti e sostanze per i quali non è dimostrabile un consumo “significativo” come alimento precedente al 15 maggio 1997 all’interno dell’Unione Europea (UE), data di entrata in vigore del regolamento medesimo.

Nell’ottica del legislatore il consumo pregresso e significativo di un alimento che non ha fatto emergere effetti sfavorevoli rappresenta una prova di sicurezza. In assenza di tale requisito è quindi necessario accertare la sicurezza attraverso l’applicazione del regolamento, anche i citati prodotti sono già in commercio al di fuori dell’UE.

Il regolamento prevede una procedura autorizzativa per la valutazione della sicurezza prima dell’immissione in commercio.

Inoltre, ai sensi della Circolare 6 marzo 2008, N. 4075-P, alcune categorie di Novel Food (ad esempio gli alimenti autorizzati per l’aggiunta di Fitosteroli e gli alimenti addizionati di Licopene, come da decisioni autorizzative della Commissione Europea) sono soggette a Notifica contestualmente alla immissione in commercio in Italia, per la sola finalità di monitoraggio della nuova situazione di consumo che si ritiene necessario valutare in relazione all'aumentato livello di esposizione da parte dei consumatori di tali sostanze.

La procedura autorizzativa per i Novel Food è descritta nella scheda consultabile al seguente collegamento:

ATTIVITA'TIPOLOGIA
Procedura autorizzativa Novel food1. Attività di autorizzazione

Maggiori informazioni sull'argomento sono disponibili sul Portale del Ministero della Salute

Torna su

Materiali a contatto con gli alimenti

AttivitàTipologia
Autorizzazione dei materiali ed oggetti destinati a venire a contatto con gli alimenti1: attività di autorizzazione
Piemonte - Materiali destinati a venire a contatto con gli alimenti (MOCA) - Verifica conformità5: attività di controllo ufficiale a carattere regionale

Torna su

Monitoraggi conoscitivi

AttivitàTipologia
Prevenzione e riduzione della contaminazione di Carbammato di Etile nelle acquaviti di frutta con nocciolo e nelle acquaviti di residui di frutta con nocciolo - Monitoraggio dei livelli di carbammato di etile nelle suddette bevande (per gli anni 2010, 2011 e 2012)3: piani specifici comunitari con programmazione regionale
Monitoraggio dei tenori di Acrilammide negli alimenti3: piani specifici comunitari con programmazione regionale
Monitoraggio della presenza di sostanze perfluoroalchiliche negli alimenti (per gli anni 2010 e 2011)3: piani specifici comunitari con programmazione regionale

Torna su

Nutrizione

AttivitàTipologia
Ricognizione dei soggetti affetti da celiachia, censimento mense e attività formativa OSA4c: controlli ufficiali previsti da norme nazionali e/o comunitarie, diversi dai piani specifici comunitari con organizzazione e programmazione regionali

Torna su

Amministrazioni Competenti

TipologiaEnte
Autorità Competenti CentraliMinistero della Salute
Autorità Competenti RegionaliAssessorati alla Sanità Regioni e Provincia autonoma di Trento
Assessorato all'Agricoltura Provincia autonoma di Bolzano
Autorità Competenti LocaliServizi Veterinari (SV) e Servizi Igiene Alimenti e Nutrizione (SIAN) Aziende Unità Sanitarie Locali (AUSL)
Laboratori UfficialiIstituti Zooprofilattici Sperimentali (IZS)
Agenzie Regionali Protezione Ambiente (ARPA)
Laboratori pubblIci delle ASL per il controllo ufficiale
Altre Istituzioni con competenze correlateMinistero per lo Sviluppo Economico
(limitatamente all'attività di autorizzazione impianti per il trattamento di alimenti e loro ingredienti con radiazioni ionizzanti)

Torna su

Sistemi Informativi

Nominativi Riferimento
SINTESI-Stabilimenti
NSIS/PNR
SIS ALIMENTI
ICARUS
Sistema Applicativo del CROGM
Sistema Informativo nazionale zoonosi presso COVEPI

Torna su





Ministero della Salute - Centralino 06.5994.1 - Codice Fiscale 80242250589