Salta la testata inizio
Ministero della Salute
Cerca 


Immagine raffigurante un laboratorio di un centro di ricerca (foto ANSA)

Finanziamento di fondazioni e associazioni

La normativa prevede che possano essere effettuate erogazioni liberali, deducibili dai redditi, per il finanziamento della ricerca in favore di fondazioni e associazioni legalmente riconosciute aventi per oggetto statutario lo svolgimento o la promozione di attività di ricerca scientifica, individuate da due D.P.C.M. dell'8 maggio 2007.

I decreti del Presidente del Consiglio dei Ministri dell’ 8 maggio 2007, e successive modificazioni e integrazioni, individuano (nei rispettivi allegati che possono essere soggetti a revisione annuale) i soggetti destinatari delle disposizioni recate dall'art. 1, comma 353, della legge 23 dicembre 2005, n. 266 (finanziaria 2006) e dell'art. 14, comma 1, del decreto-legge 14 marzo 2005, n. 35, convertito, con modificazioni, dalla legge 14 maggio 2005, n. 80.

L'articolo 14, comma 1, del decreto legge n. 35/2005 prevede che le persone fisiche e gli enti soggetti ad IRES (imposta sul reddito delle società) possono dedurre, nel limite del 10% del reddito complessivo dichiarato, e comunque nella misura massima di 70 mila euro annui, le liberalità in denaro o in natura erogate in favore, tra l'altro, di fondazioni e associazioni regolarmente riconosciute aventi per oggetto statutario lo svolgimento o la promozione di attività di ricerca scientifica individuate con DPCM.

L'articolo 1, comma 353, della Finanziaria 2006, prevede che le società e gli altri soggetti passivi IRES (imposta sul reddito delle società) possono dedurre integralmente dal proprio reddito i fondi trasferiti per il finanziamento della ricerca, a titolo di contributo o liberalità, in favore, tra l'altro, di fondazioni e associazioni regolarmente riconosciute aventi per oggetto statutario lo svolgimento o la promozione di attività di ricerca scientifica individuate con DPCM.


Richiesta di inserimento negli elenchi

Possono produrre domanda per l'inserimento negli elenchi allegati ai due DPCM, le fondazioni e associazioni in possesso dei seguenti requisiti:
  • personalità giuridica acquisita mediante il riconoscimento determinato dall'iscrizione nel registro delle persone giuridiche istituito presso le Prefetture (DPR n. 361/2000)

  • svolgimento o promozione di attività di ricerca scientifica come scopo statutario.

La domanda deve contenere i seguenti dati:
  • esatta denominazione dell'associazione o fondazione
  • sede legale dell'ente
  • codice fiscale dell'ente
  • iscrizione nel registro delle persone giuridiche
  • campo in cui l'ente svolge attività di ricerca scientifica
  • dati identificativi del legale rappresentante dell'ente.
Alla domanda bisogna allegare copia autenticata dell'atto costitutivo o dello statuto e il certificato di iscrizione nel registro delle persone giuridiche, nonché copia fotostatica di un documento di identità del legale rappresentante.
La domanda per l'inserimento nell'elenco allegato al DPCM 8 maggio 2007 relativo all'articolo 14, comma 1, del decreto legge n. 35/2005 deve essere spedita a
  • Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca, per tutte le tipologie di ricerca scientifica.

La domanda per l'inserimento nell'elenco allegato al DPCM 8 maggio 2007 relativo all'articolo 1, comma 353, della Finanziaria 2006 deve essere spedita:

  • al Ministero della salute, se l'attività di ricerca scientifica è svolta in campo sanitario;
  • al Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca per tutte le altre tipologie di ricerca scientifica.

Le fondazioni e associazioni, che svolgono attività di ricerca scientifica in campo sanitario, che intendono chiedere l’inserimento in entrambi gli allegati, dovranno presentare due distinte domande: ex art. 14, decreto legge 35/2005, al Ministero dell’istruzione, dell’ università e della ricerca; ex art. 14, decreto legge 35/2005, al Ministero dell’istruzione, dell’ università e della ricerca; ex art. 1, comma 353 L. 266/2005, al Ministero della salute.


Per ricerca in campo sanitario si intende (DPCM 3 aprile 2009, art. 3, comma 1) quella svolta da fondazioni e associazioni riconosciute che:
  • siano destinatarie dei finanziamenti pubblici riservati alla ricerca sanitaria, di cui agli articoli 12 e 12¬bis del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502 e successive modificazioni;
  • istituite per legge, siano vigilate dal Ministero della salute;
  • svolgano attività di ricerca traslazionale in collaborazione con gli enti di cui alle lettere a) e b) e che contribuiscano con proprie risorse finanziarie, umane e strumentali, ai programmi di ricerca sanitaria determinati dal Ministero della salute.



    • Condividi:
    • Aggiungi su Google Bookmark
    • Aggiungi su Live.com
    • Condividi su Facebook
    • Ok Notizie
    • Segnala su LinkedIn
    • Segnala su Del.icio.us
    • Segnala su Technorati
    • Segnala su Digg
    • Virgilio
    • Segnala su Furl
    • Segnala su Twitter
    • Segnala su Friendfeed
    • Segnala su Wikio

    Visualizza la media voti di questa pagina

    Dai il tuo voto a questa pagina    Stelle sensibiliVoto 1 Voto 2Voto 3Voto 4Voto 5





    Responsabile - Redazione - Monitoraggio - Note legali - Privacy - Guida - Mappa
    Ministero della Salute - Centralino 06.5994.1 - Codice Fiscale 80242250589