Sei in: Home > 5. Obiettivi del PNI e conclusioni > 5b - Audit > Audit Interni sui Posti di Ispezione Frontalieri (PIF) e sugli Uffici di sanità marittima, aerea e di frontiera (USMAF)

Audit Interni sui Posti di Ispezione Frontalieri (PIF) e sugli Uffici di sanità marittima, aerea e di frontiera (USMAF)

FONTE: Ministero della Salute

Audit Interni sui Posti di Ispezione Frontalieri (PIF)

Capitolo 5b. Analisi Critica e Conclusioni

Nel 2018, la programmazione degli audit presso i PIF è stata rispettata. L’attività di controllo ufficiale sulle merci in importazione/transito è stata condotta conformemente alla normativa europea e nazionale di riferimento. L’attuazione da parte di ciascun PIF degli specifici obiettivi di struttura sulla base della tipologia di attività svolta e del numero dei controlli effettuati, ha contribuito a migliorare il sistema dei controlli. I suddetti obiettivi hanno riguardato le verifiche periodiche interne per il consolidamento del livello di conformità alle norme europee delle strutture operative dei PIF, controlli interni per la verifica della conformità dei certificati sanitari rilasciati dal PIF e l’attuazione dei piani di monitoraggio per i controlli di laboratorio.

L’analisi dei risultati degli audit condotti nel periodo 2015-2018 ha rilevato il costante miglioramento nelle procedure di controllo applicate dai PIF, mentre, in relazione alle strutture, permangono, in taluni casi, le criticità connesse alla scarsa manutenzione delle stesse.


‹‹‹ Capitolo precedente - Capitolo successivo ›››

Data di pubblicazione: 23 luglio 2019


Condividi:

  • Facebook


Segui l'argomento negli altri capitoli