Sei in: Home > 5. Obiettivi del PNI e conclusioni > 5b - Alimenti > Residui - Piano Nazionale (PNR)

Residui - Piano Nazionale (PNR)

FONTE: Ministero della Salute

Residui - Piano Nazionale (PNR)

Capitolo 5. Analisi Critica e conclusioni

Il 2018 è stato il primo anno di rendicontazione delle attività con il nuovo sistema di raccolta dati, attraverso il formato dello Standard Sample Description ver. 2.0 (SSD2), adottato per assolvere al debito informativo nei confronti della Commissione europea e di EFSA.

Il nuovo formato permette di acquisire informazioni di grande dettaglio in merito al campionamento e all’analisi, unitamente alle informazioni sulle azioni conseguenti ai riscontri di non conformità, in modo tale da permettere una visione più completa delle attività, effettuare valutazioni più mirate e sanare le criticità presenti nel precedente sistema informatico ed evidenziate nelle relazioni annuali degli anni passati.

Per consentire la transizione nelle nuove modalità del data collection, è stato necessario apportare delle modifiche ai sistemi informativi centrali e locali per l’acquisizione dei dati dal territorio nel nuovo formato e la conseguente trasmissione di tali dati all’EFSA.

La riuscita dell’operazione è stata possibile attraverso la grande disponibilità e collaborazione delle Regioni e Province Autonome, degli Istituti Zooprofilattici Sperimentali e dei Laboratori Nazionali di Riferimento con il Ministero.

Nonostante il grande sforzo fatto a livello centrale e locale, rimangono ancora delle aree di miglioramento, che devono essere sviluppate attraverso una costante e continua collaborazione con EFSA e con i soggetti prima citati.

La criticità principale riscontrata nell’attuazione del PNR 2018 è relativa al mancato raggiungimento degli obiettivi comunitari per la selvaggina cacciata e per i volatili da cortile, per i quali il numero di campioni prelevati risulta inferiore rispetto al numero minimo dei campioni richiesto dalle norme.

Inoltre, dal confronto con le attività pianificate dal Ministero nel PNR 2018, appare evidente il mancato raggiungimento degli obiettivi per tutti i settori produttivi, tranne che per il latte e la selvaggina allevata.

Le criticità sopra evidenziate dipendono prevalentemente dal differente criterio di conteggio adottato dal formato SSD2 e da EFSA per la reportistica delle attività, rispetto ai criteri adottati in passato per la reportistica del vecchio sistema NSIS.

E’ auspicabile che le Regioni/P.A. tengano conto di questo disallineamento per programmare in futuro le attività di campionamento.

Altra criticità riscontrata nell’attuazione del PNR 2018 è quella relativa alla qualità dei dati rendicontati: sono stati riscontrati infatti molti errori di inserimento del dato, in particolare di quello analitico, che in alcuni casi potrebbero pregiudicare la trasmissione verso EFSA. Su questa problematica va avviata una profonda riflessione, che potrebbe portare alla definizione di regole informatiche più stringenti e interventi volti ad assicurare dati coerenti.

In merito alle anagrafiche adottate da EFSA, è intenzione del Ministero limitare il più possibile le voci generiche come ad esempio “Contaminazione accidentale”, “Altro” o “Non noto”, con inserimento di voci più specifiche.

Relativamente ai tempi di attuazione, si evidenzia il permanere della disomogeneità delle attività di campionamento del Piano mirato nel corso dell’anno, con un calo nel primo mese di attuazione del piano e nei mesi di agosto e dicembre.

Per ciò che riguarda i tempi di accettazione e di analisi, si segnala che solo il 76 % dei campioni viene consegnato al laboratorio entro due giorni dal prelievo, mentre continuano a permanere criticità nei tempi di analisi, sia per le analisi della categoria A che per la categoria B.

Per quello che riguarda le non conformità riscontrate nell’ambito del Piano, l’andamento (Grafico 14) è in linea con il trend discendente degli ultimi anni, che porta le percentuali di irregolarità a valori più bassi rispetto a quelli riscontrati negli ultimi anni in ambito comunitario.

Grafico 14 - Percentuali di non conformità in Italia e in Europa
graf14

Nel Grafico 15 è riportato il confronto delle non conformità, in relazione ai gruppi di sostanze, negli anni dal 2010 al 2018.

Grafico 15 - Confronto delle non conformità PNR 2010-2018
graf15


‹‹‹ Capitolo precedente - Capitolo successivo ›››

Data di pubblicazione: 23 luglio 2019


Condividi:

  • Facebook