Sei in: Home > 5. Obiettivi del PNI e conclusioni > 5b - Alimenti > Qualità merceologica degli alimenti a Indicazione Geografica - Controlli svolti dall’ICQRF

Qualità merceologica degli alimenti a Indicazione Geografica - Controlli svolti dall’ICQRF

FONTE: Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali

Qualità merceologica degli alimenti a Indicazione Geografica - Controlli svolti dall’ICQRF

Capitolo 5b. Analisi Critica e Conclusioni

Grado di raggiungimento degli obiettivi dell’attività di controllo
Nel 2018, in coerenza con la politica agricola nazionale e le funzioni istituzionali attribuite, l’attività dedicata alle produzioni a indicazione geografica è stata superiore a quanto preventivato in fase di programmazione (124,2%).

In particolare, l’ICQRF ha mantenuto alto il livello di protezione delle indicazioni geografiche in Italia e nel web.

Prodotti a DOP, IGP e STG (esclusi i vini)
Relativamente all’attività sui prodotti a DOP, a IGP e STG, gli indicatori dell’attività realizzata mostrano chiaramente un’attività ispettiva ben superiore a quella programmata (130,6%). Il dato è da attribuire al seguito delle operazioni di rilevanza nazionale, coordinate dalla Procura della Repubblica di Torino e di Pordenone, che hanno richiesto approfondite verifiche e alla intensa attività di tutela delle Indicazioni Geografiche nel web e nel mondo.

Vini a DO (vini a DOCG, a DOC) e a IGT)
I controlli svolti nel settore dei vini a D.O. e a IGT sono stati lievemente superiori (121,1%) all’obiettivo prefissato.

Valutazione complessiva dell’attività svolta e dei risultati ottenuti negli ultimi 3 anni
Nel triennio 2016 - 2018 l’ICQRF ha rafforzato l’impegno dedicato alla difesa del made in Italy agendo anche al di fuori dell’ambito nazionale, sia utilizzando possibilità offerte da alcune norme europee sia avviando forme di collaborazione con le più importanti piattaforme mondiali dell’e-commerce. Tali strumenti d’azione hanno portato a risultati rilevanti nella lotta alle usurpazioni e alle contraffazioni e a riconoscimenti autorevoli in sede UE. Ne sono testimonianza i numerosi interventi internazionali finalizzati al trasferimento di competenze e formazione di personale esterno, descritti nel relativo capitolo.

Ormai da anni ICQRF, oltre ad esercitare le funzioni di Organismo di contatto in sede UE per l’Italia nel settore vitivinicolo (art. 40, del Reg. (UE) n. 2018/273), di Autorità italiana “ex officio” per i prodotti DOP/IGP (Art. 13, par. 3, Reg. UE n. 1151/2012), ha consolidato la collaborazione con i principali player mondiali dell’e-commerce Ebay, Alibaba e Amazon.

In tale ambito l’ICQRF agisce come soggetto legittimato (owner) a difendere da ogni abuso il “nome” delle produzioni italiane riconosciute.

Nell’ultimo quadriennio ICQRF, attraverso gli strumenti sopra indicati, ha operato in totale 2.763 interventi all’estero e sul web (1.167 attraverso la cooperazione sul web, 1.128 come organismo di contatto UE nel settore vitivinicolo e 468 nell’ambito della protezione ex officio) ottenendo la cessazione in tempi rapidi dell’uso illegale di marchi DOP/IGP e rimuovendo dal web offerte di vendita riferiti ai prodotti più emblematici del nostro patrimonio enogastronomico.

Grazie al notevole impegno speso per la tutela del made in Italy dei prodotti di qualità in Italia, nel mondo e sul web, l’ICQRF si è confermato il punto di riferimento dei controlli sul food a livello internazionale, e, dal novembre 2016, è stato designato dalla Commissione europea Food fraud contact point per l’Italia.


‹‹‹ Capitolo precedente - Capitolo successivo ›››

Data di pubblicazione: 23 luglio 2019


Condividi:

  • Facebook