Sei in: Home > 3. Provvedimenti > 3b - Laboratori nazionali di riferimento > Escherichia coli - ISS

Escherichia coli - ISS

FONTE: Laboratori Nazionali di Riferimento (LNR)

Laboratorio Nazionale di Riferimento per Escherichia coli
Istituto Superiore di Sanità

PT21

Matrice: germogli

Analita. STEC O26 (tre campioni contaminati con 0, 2UFC/g e 20 UFC/g)

Luogo e periodo di svolgimento Aprile-Maggio 2018

Numero e tipo di laboratori partecipanti  22 Laboratori afferenti a 10 Istituti Zooprofilattici Sperimentali  (IIZZSS), i Laboratori di Prevenzione  di due Agenzie  di  Tutela  della  Salute (ATS),  rispettivamente  della  Brianza  e  di  Milano,  l’ARPA  di  Roma e quella della Valle d’Aosta, e la USL di Firenze

Follow up: Tutti i Laboratori partecipanti hanno mostrato una proficiency soddisfacente secondo la procedura di gestione della performance dei laboratori partecipanti ai PT, in uso presso il Laboratorio Europeo di Riferimento per E. coli.


PT22

Matrice: acqua di germogliazione

Analita. STEC O103 (due campioni contaminati con 0 e 50 UFC/g)

Luogo e periodo di svolgimento Novembre-Dicembre 2018

Numero e tipo di laboratori partecipanti 19 Laboratori afferenti a 7 Istituti Zooprofilattici Sperimentali  (IIZZSS), i Laboratori di Prevenzione di due Agenzie di Tutela della Salute (ATS),  due sedi ARPA e la USL di Firenze

Follow up: I risultati hanno mostrato che 3 dei 19 laboratori non hanno correttamente identificato il gene stx2 nel campione contaminato artificialmente. Un laboratorio ha evidenziato la presenza del gene stx1, non presente nel campione, e non ha identificato il sierogruppo del ceppo contaminante. Infine, 5 laboratori non sono riusciti ad isolare il ceppo STEC dal campione pur avendo identificato la sua presenza nella fase di screening. È importante osservare che questo studio aveva per oggetto la valutazione del protocollo sperimentale per l’analisi dell’acqua di germogliazione, secondo quanto specificato nel regolamento 209/2013. Questo protocollo è ancora in fase di sviluppo da parte del Laboratorio Europeo di Riferimento e pertanto la performance dei laboratori non è soggetta a follow-up. I risultati di questo studio hanno suggerito che alcune modifiche debbano essere apportate al protocollo al fine di migliorare la capacità dei laboratori chiamati al controllo ufficiale di questa matrice alimentare.


PT23

Matrice: ceppi batterici.

Analiti: geni di virulenza stx, eae. aggR, aaiC, st, lth, ltp e ipaH

Luogo e periodo di svolgimento Novembre 2018-Febbraio 2019

Numero e tipo di laboratori partecipanti 11 Laboratori afferenti a sette Istituti Zooprofilattici Sperimentali (IIZZSS) e i Laboratori di Prevenzione di due Agenzie di Tutela della Salute (ATS).

Follow up: La data di contribuzione dei risultati dello studio inter-laboratorio si è chiusa il 28 Febbraio 2019. L’analisi preliminare ha mostrato che un laboratorio ha fallito l’identificazione del sierogruppo di 5 dei sei ceppi inviati. Inoltre non ha identificato il patogruppo di due dei ceppi e ha erroneamente identificato la presenza dei geni codificanti la Shiga tossina in un ceppo. Questo laboratorio sarà invitato a ri-eseguire le analisi su campioni di back up e intervistato per comprendere le problematiche alla base degli errori riportati. Inoltre sarà invitato a eseguire una sessione di training presso il LNR per E. coli secondo la procedura della gestione delle performance in uso presso l’LNR per E. coli. Le azioni saranno intraprese alla fine delle analisi dei dati estratti per questo PT e prima della pubblicazione del report. I rimanenti laboratori hanno riportato buoni risultati con alcuni errori nella determinazione dei sierogruppi meno rappresentati. Questi ultimi, essendo raramente identificati nei ceppi associati con la malattia nell’uomo e pertanto non essendo caratteri prioritari non hanno generato un numero di penalità sufficienti per la proposta di azioni di follow up.


PT-PFGE7

Matrice: ceppi batterici.

Analiti   profili  molecolari PFGE

Luogo e periodo di svolgimento  Novembre 2018-Febbraio 2019

Numero e tipo di laboratori partecipanti  7 Laboratori afferenti a 7 Istituti Zooprofilattici Sperimentali  (IIZZSS)

Follow up: La data di contribuzione dei risultati dello studio inter-laboratorio si è chiusa il 28 Febbraio 2019. I dati sono in fase di estrazione.

Valutazione generale.

L’adesione agli studi inter-laboratorio sulla ricerca di STEC in matrici alimentari e caratterizzazione di ceppi STEC da parte dei Laboratori coinvolti nel Controllo Ufficiale degli alimenti si conferma alta come negli anni scorsi. Dall’analisi dei risultati ottenuti nell’ambito dello studio inter-laboratorio PT21 tutti i laboratori partecipanti hanno mostrato una adeguata competenza nell’identificazione di STEC nei germogli, matrice per cui sono stati fissati criteri microbiologici in relazione a questi patogeni. Nel dettaglio, nella fase di screening in Real Time PCR tutti i Laboratori hanno ottenuto risultati concordi con quelli attesi. Nella fase di isolamento alcuni Laboratori non sono riusciti ad isolare il ceppo STEC contaminante, ottenendo dei punti di penalità. Tuttavia le penalità raggiunte dai diversi laboratori non sono state considerate gravi, tenendo conto del fatto che la fase di isolamento di STEC rappresenta il passaggio più difficoltoso della metodica ISO TS 13136 e che gli stessi laboratori avevano determinato con successo la presenza/assenza dei geni di virulenza nella fase di screening. L’analisi preliminare dello studio sulla caratterizzazione dei ceppi di E. coli patogeni ha mostrato un’elevata competenza dei laboratori ufficiali che hanno mostrato di saper identificare anche le combinazioni più inusuali di geni di virulenza. L’unica eccezione è rappresentata da un laboratorio che sarà incluso nel programma di gestione delle performance ai PT secondo la procedura in uso presso l’LNR per E. coli (http://old.iss.it/binary/vtec/cont/evaluation_and_management_of_the_NRLs_performance.pdf).


Data di pubblicazione: 23 luglio 2019

Tag associati a questa pagina: Sicurezza alimentareZoonosi


Condividi:

  • Facebook