Sei in: Home > 1. Attività svolta > Benessere animale > Benessere degli animali durante il trasporto

Benessere degli animali durante il trasporto

FONTE: Ministero della Salute

Benessere degli animali durante il trasporto

Capitolo 1. Attività svolta

I dati riportati nella tabella generale di rendicontazione, introdotta a partire dal 1°gennaio 2015 con la Decisione di Esecuzione della Commissione 2013/188/UE del 18 aprile 2013 e compilata secondo specifiche linee guida elaborate dal Ministero della Salute sulla base delle indicazioni fornite dalla stessa Decisione, sintetizzano nelle tre Sezioni (Tabella 1 tipi di ispezioni, tabella 2 categoria e numero casi non conformità, tabella 3 categoria e numero azioni intraprese), l’attività di controllo svolta nell’anno 2018 dalle AUSL, dagli UVAC, e dagli Organi di Polizia. In particolare, i controlli messi in atto dalle AUSL nel 2018 sono stati effettuati in base alle indicazioni sulla programmazione minima e ai criteri di valutazione del rischio forniti dal Piano Nazionale Benessere Animale (PNBA) elaborato nel 2011.

I controlli effettuati congiuntamente dagli UVAC, dalle AUSL e dalla Polizia Stradale, invece sono effettuati sulla base delle indicazioni fornite dal Protocollo d’Intesa, siglato nel 2011 tra Ministero della Salute e Ministero dell’Interno - Polizia Stradale, sul potenziamento dei controlli sul trasporto internazionale di animali vivi sul territorio nazionale.

Le colonne 1, 2 e 3 delle tabelle di rendicontazione,  identificano i tipi di ispezioni non discriminatorie e in particolare: in colonna 1 è riportato il numero delle ispezioni non discriminatorie (ispezioni tipo 1) effettuate dalle autorità competenti nel luogo di partenza e nel luogo di destinazione al macello; in colonna 2 le ispezioni non discriminatorie (ispezioni tipo 2) effettuate  durante il trasporto; in colonna 3  le ispezioni non discriminatorie (ispezioni tipo 3) di solo tipo documentale effettuate dopo il completamento del viaggio, per verificare il rispetto dei periodi di viaggio e di riposo e i dati GPS, applicabili  solo a bovini, suini, ovi-caprini e equidi. 

Dall’analisi dei dati di rendicontazione 2018 riportati in Tabella 1 (ispezioni), risultano effettuate in totale (vedi figura 1) 11952 ispezioni non discriminatorie (11925 per le specie maggiori +27 per le altre specie, quali selvaggina da penna e pelo – lepri -, rettili, roditori, minipig e 1 delfino). Nel 2017 il numero totale delle ispezioni effettuate è stato 15048.

I mezzi di trasporto controllati sono stati 10899 (10872 per le specie maggiori +27 per altre specie), contro i 13609 del 2017. I documenti di accompagnamento controllati sono stati 13030 (13009 per le specie maggiori +21 per altre specie), contro i 14208 del 2017.

La maggior parte di queste ispezioni, sono state di tipo 1, e sono state effettuate nel luogo di partenza, prima del trasporto degli animali per lunghi viaggi, e nel luogo di destinazione al macello, sia dopo lunghi che brevi viaggi.  In totale le ispezioni tipo 1, 2 e 3 hanno interessato 5.440.986 animali, comprendenti bovini, suini, ovi/caprini, equidi, pollame, conigli e cani (5.432.570 animali) e 8416 riguardanti altri animali quali fagiani, lepri, animali da sperimentazione e altri già sopra descritti, contro un totale di 14.264.860 animali del 2017.  

Rendicontazione annuale sulla protezione degli animali durante il trasporto Anno 2018

Tabella 1
Tipi di ispezioni non discriminatorie effettuate a norma dell’articolo 27, paragrafo 1,
del regolamento (CE) n. 1/2005

Specie TOTALE colonne 1-2-3
Tipi di ispezioni non discriminatorie
Sezione A
Numero di ispezioni non discriminatorie 11.952
Sezione B
Animali 5.440.986
Mezzi di trasporto 10.899
Documenti di accompagnamento 13.030



‹‹‹ Capitolo precedente - Capitolo successivo ›››

Data di pubblicazione: 23 luglio 2019

Tag associati a questa pagina: Salute e benessere degli animali


Condividi:

  • Facebook