Sei in: Home > 1. Attività svolta > Alimenti > Molluschi Bivalvi Vivi - Produzione e controlli

Molluschi Bivalvi Vivi - Produzione e controlli

FONTE: Ministero della Salute

Molluschi Bivalvi Vivi - Produzione e controlli

Capitolo 1. Attività svolta

Controllo degli allevamenti, classificazione e monitoraggio delle zone di produzione e stabulazione.

I molluschi bivalvi vivi (MBV), ad eccezione dei pettinidi, possono essere raccolti solo in zone di produzione classificate, quindi allevamenti, banchi naturali o aree di stabulazione.

Nel 2018 sono stati rendicontati 196 allevamenti di molluschi bivalvi, di cui 91 dislocati in zone di produzione di tipo A, dove è consentita la raccolta e l’utilizzo per il consumo umano diretto dei molluschi bivalvi,  105 zone di produzione di tipo B, dalle quali è consentita la raccolta dei molluschi bivalvi e l’utilizzo per il consumo umano soltanto dopo che gli stessi abbiano subito un trattamento in un centro di depurazione o dopo un congruo periodo in area di stabulazione.

I banchi naturali gestiti da imprese/consorzi sono 234, di cui 164 situati in zone di produzione di tipo A, 66 in zone di tipo B e 4 in zone di produzione di tipo C in cui i molluschi bivalvi vivi possono essere raccolti ed essere immessi sul mercato ai fini del consumo umano soltanto previa stabulazione di lunga durata.

Si contano 103 zone di produzione di libera raccolta di cui 54 classificate di tipo A, 48 di tipo B, 1 di tipo C. Inoltre sono presenti 2 aree di stabulazione di classe A.

La Tabella 1.1 riporta i dati riferiti al 2018 pervenuti dalle regioni sulle zone di produzione e stabulazione molluschi classificate.

Tabella 1.1 - Classificazione delle zone di produzione e stabulazione molluschi
Tab 1.1

Nei grafici 1,2,3 è riportato il dato nazionale totale del 2018 relativo alle diverse zone di produzione confrontati con l’anno 2017.

Grafico 1
Graf 1

Grafico 2
Graf 2

Grafico 3
Graf 3


‹‹‹ Capitolo precedente - Capitolo successivo ›››

Controllo degli stabilimenti di depurazione e spedizione molluschi.

Gli stabilimenti di molluschi bivalvi vivi (MBV) attivi al 31 dicembre 2018, sono suddivisi, come attività, in 135 Centri di Depurazione Molluschi (CDM) e 474 Centri di spedizione Molluschi (CSM). Tutti i MBV destinati al consumo umano diretto, indipendentemente dalla zona di produzione, possono essere immessi sul mercato solo dopo il passaggio in un centro di spedizione. Gli stabilimenti di MBV necessitano di riconoscimento ai sensi dell’articolo 4 del reg. (CE) 853/2004. Il numero di riconoscimento, che viene anche apposto sull’etichetta del prodotto confezionato all’interno del marchio CE,  viene rilasciato dalla regione di competenza e registrato nel sistema S.Inte.S.I.S –Strutture SINTESI stabilimenti che aggiorna in modo costante l’elenco degli stabilimenti riconosciuti e visibili da ogni stato membro. In Tabella 1.2 è riportato il numero totale di stabilimenti attivi, per singola regione, al 31 dicembre 2017 e 2018.

Tabella 1.2 - Numero di stabilimenti riconosciuti per singola regione
Tab 1.2


‹‹‹ Capitolo precedente - Capitolo successivo ›››

Data di pubblicazione: 23 luglio 2019

Tag associati a questa pagina: Pesci, molluschi e crostaceiSicurezza alimentare


Condividi:

  • Facebook