Sei in: Home > 1. Attività svolta > Sanità animale > Tbc - Ricerca di residui di cortisonici e isoniazide dell'acido isonicotinico - (Valle D'aosta)

Tbc - Ricerca di residui di cortisonici e isoniazide dell'acido isonicotinico - (Valle D'aosta)

FONTE: Regione Val D'Aosta

Piano di controllo residui cortisonici nelle urine e isoniazide dell’acido isonicotinico nel latte di massa in aziende con sospensione di qualifica sanitaria per TBC

Capitolo 1. Attività svolta

Obiettivi:
con la seguente attività si vogliono monitorare eventuali frodi che possono essere attuate da parte degli allevatori le cui aziende sono in una situazione sanitaria di sospensione o revoca di qualifica per TBC. L'attività è stata programmata in seguito alle indagini negli anni 2008-2009 da parte dei NAS di Torino che hanno fortemente messo in dubbio il sistema di controlli ufficiali nell'ambito della profilassi della tubercolosi, da parte della Regione Valle d'Aosta.

Strutture coinvolte:

  • la S.C. Sanità animale dell’AUSL comunica alla S.C. Igiene degli Allevamenti gli allevamenti nei quali vengono fatte prove di risanamento suppletive in seguito alla sospensione/revoca della qualifica sanitaria; vengono indicate alla S.C. igiene degli Allevamenti le date di inoculazione della tubercolina e la data di controllo dei risultati:
  • la S.C. Igiene degli allevamenti programma ed esegue nei 2-3 giorni successivi l'inoculo della tubercolina campionamenti di urine per la ricerca di cortisonici; per determinare il numero di campioni ci si rifà alla tabella di numerosità campionaria presente nel PNR; si esegue anche un campionamento sul latte aziendale di massa per la ricerca dell’isoniazide, contestualmente si esegue un’ispezione di farmacosorveglianza e i bovini oggetti di campionamento vengono posti sotto sequestro, in attesa del risultato delle analisi.  Nel caso in cui vi fosse una  positività ai campionamenti se ne dà comunicazione in Procura e si eseguono ulteriori accertamenti.

Criteri di riferimento:

  • l’oggetto del controllo : aziende indicate dalla S.C. Sanità animale; frequenza: a seconda dei piani programmati; luogo e momento: aziende zootecniche tra il secondo e terzo giorno dopo l’inoculazione della tubercolina;
  • metodi e tecniche: campionamento secondo il PNR sopracitato, farmacosorveglianza secondo le procedure interne alla S.C. Igiene degli allevamenti ( PD CU 03);
  • modalità di registrazione: le ispezioni vengono inserite nell’applicativo informatico veterinario in uso alla AUSL Valle d’Aosta ( SIVE), i campionamenti in SIGLAWEB, applicativo dell’IZS PLV, ed in un file excel della S.C. Igiene degli allevamenti; vi è feedback, con le scadenze previste dal PRIC 2017, con l’Assessorato alla Sanità.

Rendicontazione attività:
Nel 2017 non sono stati eseguiti campionamenti per la ricerca di cortisonici, in quanto non vi sono state aziende sottoposte a provvedimenti sanitari per la TBC.

Questa tipologia di attività non può essere programmata, in quanto dipende dai risultati del risanamento in Valle d'Aosta ,che negli anni ha avuto un andamento sempre più positivo.


‹‹‹ Capitolo precedente - Capitolo successivo ›››

Data di pubblicazione: 30 giugno 2018

Tag associati a questa pagina: FarmaciRuminantiZoonosi


Condividi:

  • Facebook