Sei in: Home > 1. Attività svolta > Sanità animale > BSE - Controllo, sorveglianza ed eradicazione

BSE - Controllo, sorveglianza ed eradicazione

FONTE: Ministero della Salute

BSE - Controllo, sorveglianza ed eradicazione

Capitolo 1. Attività svolta

Durante l’anno 2017, sulla base del programma nazionale di controllo, sorveglianza ed eradicazione della BSE sono stati eseguiti 55.250 su una popolazione nazionale di 5.609.003 capi bovini e 397.243 bufalini. Nel 2017 abbiamo registrato 1 caso sospetto clinico, risultato poi negativo.

Nonostante l’andamento epidemiologico positivo e quindi l’assenza di casi sul territorio nazionale, il programma di monitoraggio, ai sensi del regolamento europeo n.999/2001, continua ad essere svolto:

  • sugli animali, di qualsiasi età, che presentano una sintomatologia neurologica riferibile all’Encefalopatia Spongiforme Bovina;
  • sulla categoria a rischio (morti, macellati d'urgenza e per differita) età >48 mesi;
  • sui bovini regolarmente macellati di età >30 mesi o di età >24 mesi della categoria a rischio provenienti da Stati membri in cui non è stata autorizzata la nuova sorveglianza o provenienti da Paesi Terzi.

I laboratori attivi dislocati sul territorio nazionale che hanno eseguito i test di screening, anche per il 2017, sono 12.

Come negli anni passati sono stati eseguiti test-rapidi su campioni di tronco encefalico (obex) reperiti dagli animali deceduti o macellati. Tali campioni sono prelevati dal Servizio veterinario locale e vengono inoltrati agli Istituti Zooprofilattici Sperimentali che processano il campione per il primo test di screening. Qualora il test risulti non-negativo viene inoltrato al Centro di referenza per le Encefalopatie Animali (CEA presso IZS di Torino) per l’eventuale conferma di positività e successivamente all’Istituto Superiore di Sanità (ISS), centro di referenza per la caratterizzazione molecolare dei capi risultati positivi e genotipizzazione dei casi confermati.

Sono stati effettuati 20 test di conferma dal CEA.

Vista l’assenza di focolai non è stato necessario svolgere alcun test discriminativo da parte dell’ISS di Roma.


‹‹‹ Capitolo precedente - Capitolo successivo ›››

Data di pubblicazione: 30 giugno 2018

Tag associati a questa pagina: Zoonosi


Condividi:

  • Facebook