Ministero della Salute

Relazione annuale al PNI 2016

Data di pubblicazione: 30 giugno 2017

BSE - Controllo, sorveglianza ed eradicazione

FONTE: Ministero della Salute

BSE - Controllo, sorveglianza ed eradicazione

Capitolo 1. Attività svolta

Pur in presenza di un andamento epidemiologico positivo e quindi dell’assenza di casi sul territorio nazionale, il programma nazionale di controllo, sorveglianza ed eradicazione della BSE per il 2016 ha previsto:


Come negli anni passati sono stati eseguiti test-rapidi su campioni di tronco encefalico (obex) reperiti dagli animali deceduti o macellati. Tali campioni prelevati dal Servizio veterinario locale e vengono inoltrati agli Istituti Zooprofilattici Sperimentali che processano il campione per il primo test di screening. Qualora il test risulti non-negativo viene inoltrato al Centro di referenza per le Encefalopatie Animali (CEA presso IZS di Torino) per l’eventuale conferma di positività e successivamente all’Istituto Superiore di Sanità (ISS), centro di referenza per la caratterizzazione molecolare dei capi risultati positivi e genotipizzazione dei casi confermati.

Il numero di test rapidi eseguiti da 12 laboratori degli IIZZSS che svolgono tale attività, ammonta a 52.844 su una popolazione nazionale di 5.568.211 capi bovini e 386.831 bufalini. Gli animali testati sono suddivisi come di seguito:

In aggiunta a quanto previsto da Regolamento (CE) 999/2001 sono stati testati n. 87 bovini della categoria a rischio di età <48 mesi e n.42 bovini avviati alla regolare macellazione, nati in Paesi UE, tranne RO, BG, HR.

Sono stati effettuati 21 test di conferma dal CEA.

Vista l’assenza di focolai non è avvenuto nessun abbattimento di animali appartenenti alla corte di nascita e di alimentazione degli animali positivi come previsto dal Regolamento (CE) 999/2001.



Tag associati a questa pagina: Zoonosi