Sei in: Home > 5. Obiettivi del PNI e conclusioni > 5b - Importazioni e scambi > Alimenti di origine animale - Controlli sanitari all'importazione

Alimenti di origine animale - Controlli sanitari all'importazione

FONTE: Ministero della Salute

Importazione alimenti di origine animale - Controlli svolti

Capitolo 5b. Analisi Critica e Conclusioni

La programmazione dei controlli per il 2016 prevedeva il campionamento di almeno il 3% delle partite presentate per l’importazione con controlli mirati (controlli indirizzati e raccomandazioni) verso determinate matrici e Paesi terzi e/o per determinati pericoli. Al raggiungimento di tale percentuale contribuiscono tutti i campionamenti condotti dai PIF, sia quelli a scopo di monitoraggio o per sospetto, sia quelli condotti obbligatoriamente in applicazione di programmi di controllo rafforzato previsti dalla normativa o di misure di salvaguardia.

Dai risultati ottenuti si evince che per il 2016 (tabella 1) la quantità di partite controllate è stata in linea con il piano essendo stata raggiunta e superata la percentuale minima di campionamento programmata, il 3%, sia complessivamente (totale del n. di partite campionate/ totale del n. di partite incluse nel piano), sia per ciascuna macrocategoria alimentare.

Dai dati complessivi raccolti, trasmessi dai PIF, è emerso che i campionamenti mirati previsti nel piano 2016 (controlli indirizzati e raccomandazioni) sono stati eseguiti in accordo con la programmazione anche se con qualche variazione di piccola entità. Alcune delle cause di tali variazioni sono state l’arrivo di un esiguo numero di partite e/o di piccole quantità di prodotto o di matrici ritenute non idonee all’esame previsto o le interruzioni imprevedibili del flusso di importazione. Altre cause sono dipese dalla sovrapposizione con l’esecuzione di altri controlli previsti dal piano o di controlli rafforzati obbligatori e da difficoltà logistiche

Si evidenzia, tuttavia, che analizzando l’attività di campionamento per singolo PIF o l’attività di campionamento del singolo PIF su ciascuna macrocategoria alimentare si osservano percentuali di controllo differenti a seconda dei flussi d’importazione e della programmazione implementata da ogni ufficio periferico.

Tali differenze possono dipendere da valutazioni del rischio fatte dal PIF sulla base della tipologia di merce ricevuta, dello stabilimento di origine e della destinazione finale del prodotto (es. prodotti destinati a subire trattamenti che inattivano il pericolo), ma anche da impedimenti logistici per cause varie.

Per quanto riguarda le non conformità, rispetto al 2015, si è osservato un lieve aumento delle irregolarità negli esiti degli esami di laboratorio, mentre non ci sono variazioni sostanziali nel numero dei respingimenti (tabella 11 e tabella 13).

Infine, per quanto concerne i flussi informativi, allo scopo di velocizzare gli scambi di informazioni con la Commissione europea e gli Stati membri sugli esiti degli esami di laboratorio è proseguita puntualmente l’attività di monitoraggio mensile sull’inserimento in TRACES dei risultati degli esami di laboratorio da parte dei PIF italiani al fine della loro regolare trasmissione alla Commissione europea in accordo al Reg. (CE) n. 136/2004.


‹‹‹ Capitolo precedente - Capitolo successivo ›››

Data di pubblicazione: 30 giugno 2017


Condividi:

  • Facebook