Sei in: Home > 5. Obiettivi del PNI e conclusioni > 5b - Alimenti > Alimenti di origine animale - Ispezioni e audit delle autorità regionali e locali sugli stabilimenti riconosciuti

Alimenti di origine animale - Ispezioni e audit delle autorità regionali e locali sugli stabilimenti riconosciuti

FONTE: Ministero della Salute

Ispezioni e audit delle autorità regionali e locali sugli stabilimenti riconosciuti per la produzione di alimenti di origine animale

Capitolo 5b. Analisi critica e conclusioni

Le attività di controllo ufficiale sono state finalizzate principalmente alla verifica dei criteri di sicurezza alimentare, per garantire che l’alimento posto in commercio rispetti i criteri fissati dalla normativa comunitaria o nazionale.

Nel complesso, il sistema di controlli ufficiali effettuati riferiti a tutte le fasi della produzione, trasformazione e distribuzione, sono risultati adeguati ai fini del conseguimento degli obiettivi di cui al Reg. (CE) 882/2004 ed all’ art. 17 del Reg. (CE) 178/2002.

Il confronto dei dati di attività per il triennio 2014-2016 è riportato nelle seguenti tabelle:

  • 5.1 - Confronto con anni precedenti - Accessi
  • 5.2 - Confronto con anni precedenti - Ispezioni
  • 5.3 - Confronto con anni precedenti - Audit sugli OSA


Tabella 5.1: Confronto con anni precedenti - Accessi
Tabella 5.1

Per quanto riguarda gli Accessi, il confronto con i due anni precedenti evidenzia che nell’anno 2016 si è registrato un aumento degli accessi per le seguenti tipologie di stabilimento:  Molluschi bivalvi vivi, latte e prodotti a base di latte,uova e ovoprodotti

Dalla valutazione dei dati emerge che il livello di attenzione del controllo ufficiale per l’anno 2016 è più alto nei confronti dei seguenti settori: Latte e Prodotti a base di latte (n. accessi 24.538), Molluschi Bivalvi (n. accessi 3.657), Uova e Ovoprodotti (n. accessi 2.087).

Considerato che ai fini della rendicontazione dei controlli ufficiali presso gli stabilimenti, gli accessi corrispondono alla sommatoria di tutti gli ingressi effettuati dall'Autorità Competente a qualsiasi titolo presso gli impianti (ispezione, audit, campionamenti, verifiche, allerta, controllo UVAC), per l’anno 2016, il numero di accessi  è risultato superiore al numero delle ispezioni effettuate nello stesso anno.

Tabella 5.2: Confronto con anni precedenti – Ispezioni
Tabella 5.2
nc = non calcolabile

Per quanto riguarda le Ispezioni, nel 2016 si è registrato un aumento delle stesse per le seguenti tipologie di stabilimento: Gelatine, depositi frigoriferi e impianti di riconfezionamento, Uova e Ovoprodotti e Molluschi bivalvi.

Per quanto riguarda gli stabilimenti di macellazione è da porre in evidenza che la diminuzione delle ispezioni rendicontata in tabella va letta contestualmente all’aumento dell’attività di audit implementata dalle Regioni negli ultimi anni. A tal proposito va precisato che da incontri tenutisi negli anni addietro tra la scrivente Autorità centrale e le Regioni, è appunto emerso che l’attività di audit risultava sottostimata in quanto molte volte registrata come ispezione.

Infine, il confronto con i due anni precedenti per le attività di Audit sugli OSA evidenzia un dato molto interessante: nell’anno 2016 si è registrato un aumento degli audit del 18% per la tipologia di stabilimento che lavora Latte e prodotti a base di latte.

Tabella 5.3: Confronto con anni precedenti - Audit
Tabella 5.3
nc = non calcolabile


‹‹‹ Capitolo precedente - Capitolo successivo ›››

Data di pubblicazione: 30 giugno 2017


Condividi:

  • Facebook