Sei in: Home > 3. Provvedimenti > 3b - Sottoprodotti > Sottoprodotti di origine animale - Controlli ufficiali

Sottoprodotti di origine animale - Controlli ufficiali

FONTE: Ministero della Salute

Sottoprodotti di origine animale - Controlli ufficiali sugli stabilimenti riconosciuti ai sensi del Reg (CE) 1069/2009 e controlli relativi alla rimozione di Materiale Specifico a Rischio (MSR)

Capitolo 3b. Interventi per il miglioramento del sistema dei controlli

Dagli utilizzi più tradizionali dei sottoprodotti e dei prodotti derivati (alimentazione animale e petfood), si sono sviluppati, negli ultimi anni, nuovi indirizzi di valorizzazione, rivolti ad un maggiore sfruttamento di tali risorse in ambito agronomico e, soprattutto, nel recupero energetico (impianti di combustione e cogenerazione di recente attivazione). Ne deriva, contestualmente, un innalzamento del livello di attenzione dei servizi veterinari locali su tematiche meno “tradizionali” e più complesse (anche per gli aspetti ambientali ed agronomici che queste rivestono).

Inoltre, si rileva la presenza di attività “registrate” che richiedono, comunque, un livello di attenzione e di considerazione maggiori rispetto al passato (trasportatori, commercianti, intermediari, utilizzatori agricoli di fertilizzanti organici/ammendanti).

Per adottare comportamenti uniformi su tutto il territorio nazionale e per migliorare i controlli ufficiali è stato approvato nella Conferenza Stato Regioni del 10 novembre 2016 (atti n.212) il documento di Intesa, tra il Governo, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano, concernente linee guida per il controllo ufficiale ai sensi dei regolamenti (ce) 882/2004 e 854/2004”. Sulla base di questo documento la frequenza dei controlli viene stabilita da parte dei Servizi territorialmente competenti all’atto della programmazione annuale delle diverse attività. Le frequenze definite rappresentano un’indicazione, suscettibile di variazioni nell’ambito della programmazione aziendale dell’attività di controllo dei Servizi Veterinari territorialmente competenti, sia in base a criteri generali come le risorse umane e strumentali, che in funzione di caratteristiche più specifiche quali, le dimensioni dell’impianto, la valutazione e l’analisi dei rischi e le garanzie offerte dall’impresa in base ai contenuti ed all’applicazione del piano di autocontrollo aziendale.


‹‹‹ Capitolo precedente - Capitolo successivo ›››

Data di pubblicazione: 30 giugno 2017


Condividi:

  • Facebook