Sei in: Home > 3. Provvedimenti > 3b - Laboratori nazionali di riferimento > Molluschi Bivalvi - Contaminazioni batteriche - IZS Umbria, Marche

Molluschi Bivalvi - Contaminazioni batteriche - IZS Umbria, Marche

FONTE: Laboratori Nazionali di Riferimento (LNR)

Laboratorio Nazionale di Riferimento per il controllo delle contaminazioni  batteriche dei molluschi bivalvi
IZS Umbria e Marche

Nel 2016 sono state effettuate le seguenti attività:

  1. Partecipazione dei Laboratori italiani di controllo ufficiale dei molluschi bivalvi al circuito FoodEqa Shellfish Scheme per Escherichia coli e Salmonellaspp.
  2. Partecipazione dei Laboratori italiani di controllo ufficiale dei molluschi bivalvi al Ring Test LNR RT02-2016 per la numerazione di Escherichia coli e la ricerca di Salmonella spp. in matrice vongol


Partecipazione dei Laboratori italiani di controllo ufficiale dei molluschi bivalvi al circuito FoodEqa Shellfish Scheme per Escherichia coli e Salmonella spp. nel periodo 2016

Nel 2016 sono state distribuite in collaborazione con Public Health England (PHE) di Londra, tre distribuzioni del Proficiency Test FoodEQA Shellfish Scheme (SF053, SF054, SF055) per la numerazione di E. coli e la ricerca di Salmonella spp. nei molluschi bivalvi, alle quali hanno partecipato i laboratori italiani di controllo ufficiale. Lo Schema fornisce campioni per la valutazione esterna in qualità dei laboratori che effettuano l’analisi di molluschi bivalvi prelevati da aree di produzione secondo Regolamento (CE) n. 854/2004 e prodotti al commercio  secondo Regolamento (CE) n. 2073/2005 e smi.

Il metodo di riferimento europeo per la numerazione di E. coli nei molluschi bivalvi è il metodo ISO 16649-3:2015, Microbiology of food and animal feeding stuffs - Horizontal method for the enumeration of β-glucuronidase-positive Escherichia coli Part 3: Most probable number technique using 5-bromo-4-chloro-3-indolyl-β-D-glucuronide. Il metodo di riferimento per la ricerca di Salmonella spp. nei mollushi bivalvi è la ISO 6579:2002, Microbiology of food and animal feeding stuffs – Horizontal method for the detection of Salmonella spp.

Tabelle

Preparazione dei campioni e criteri per l’analisi dei risultati dei partecipanti e per la valutazione della performance

Ogni distribuzione prevede l’invio di due campioni per la numerazione di E. coli con metodo MPN e due campioni per l’analisi qualitativa di Salmonella spp. nei molluschi bivalvi. I campioni distribuiti sono rappresentati da LENTICULE™ contenenti batteri. Il tipo e la proporzione dei microrganismi presenti nei campioni è disegnata appositamente per rispecchiare quelli ritrovati nei campioni di molluschi bivalvi.

Per E. coli in MPN il range dei risultati attesi è determinato dal valore della mediana calcolata sui risultati inviati da tutti i partecipanti ± 2.68 Deviazioni standard (DS).

La valutazione della performance è effettuata sull’attribuzione di un punteggio numerico, dopo una valutazione statistica di tutti i risultati. Nello Shellfish Scheme viene attribuito un punteggio ai partecipanti sia per i risultati inviati per la numerazione di E. coli in MPN che per la ricerca di Salmonella spp.

La valutazione della performance è effettuata sulla singola distribuzione (o campione) o per monitorare le performance nel tempo (punteggi cumulativi). Questi ultimi sono calcolati per ogni partecipante per E. coli e Salmonella tenendo conto della partecipazione alle ultime 3 distribuzioni. Performance inferiori al 40% nella singola distribuzione o al 70% nel punteggio cumulativo rispetto al punteggio massimo possibile sono indicative di problemi significativi nelle analisi.

Analisi dei risultati

Distribuzione SF053(campioni SF0114 e SF0115)
Alla distribuzione SF053 hanno partecipato in totale 12 laboratori.
Per entrambi i campioni SF0115 e SF0116, tutti i 12 laboratori hanno riportato entrambi i valori MPN di Escherichia coli per l’analisi effettuata in duplicato nel range dei risultati attesi (Tabella 1).
Nella ricerca di Salmonella spp., tutti i 12 laboratori hanno individuato correttamente la presenza di Salmonella spp. nei campioni SF0114 e SF0115 (Tabella 2).

Tabella 1. Risultati ottenuti dai partecipanti nella numerazione di E. coli in MPN per i due campioni della distribuzione SF053.

Tabella1

Tabella 2. Risultati ottenuti dai partecipanti nella ricerca di Salmonella spp. per i due campioni della distribuzione SF053.

Tabella2

Distribuzione SF054 (campioni SF0116 e SF0117)
Alla distribuzione SF054 hanno partecipato in totale 5 laboratori.
Tutti i laboratori hanno riportato l'assenza di E. coli (<18 MPN/100g) e entrambi i valori MPN per l’analisi effettuata in duplicato nel range dei risultati attesi per E. coli, rispettivamente nei campioni SF0116 e SF0117 (Tabella 3).
Nella ricerca di Salmonella spp., tutti i laboratori hanno riportato correttamente la presenza di Salmonella spp. nei campioni SF0116 e SF0117 (Tabella 4).

Tabella 3. Risultati ottenuti dai partecipanti nella numerazione di E. coli in MPN per i due campioni della distribuzione SF054.

Tabella3

Tabella 4. Risultati ottenuti dai partecipanti nella ricerca di Salmonella spp. per i due campioni della distribuzione SF054.

Tabella4

Distribuzione SF055 (campioni SF0118 e SF0119)
Alla distribuzione SF055 hanno partecipato in totale 8 laboratori.
Per i campioni SF0118 e SF0119, 7 laboratori su 8 partecipanti hanno ottenuto risultati favorevoli rispetto alla numerazione di E. coli in MPN (Tabella 5). Un laboratorio ha ottenuto un punteggio sfavorevole rispetto alla numerazione di E. coli in MPN nella distribuzione SF055. La distribuzione SF055 ha evidenziato che il laboratorio aveva ottenuto combinazioni dei tubi corrette, ma riportato valori di E. coli in 100g che non rientravano nel range dei risultati attesi. LNR ha contattato il Referente del laboratorio ed effettuato azione di follow up.

Nella ricerca di Salmonella spp., tutti i laboratori hanno riportato correttamente l’assenza di Salmonella spp. nel campione SF0118 e la presenza  di Salmonella spp. nel campione SF0119 (Tabella 6).

Tabella 5. Risultati ottenuti dai partecipanti nella numerazione di E. coli in MPN per i due campioni della distribuzione SF055.

Tabella5

Tabella 6. Risultati ottenuti dai partecipanti nella ricerca di Salmonella spp. per i due campioni della distribuzione SF055.

Tabella6

 


Partecipazione dei Laboratori italiani di controllo ufficiale dei molluschi bivalvi al Ring Test LNR RT02-2016 per la numerazione di Escherichia coli e la ricerca di Salmonella spp. in matrice vongola

Nel 2016 LNR ha organizzato il Ring Test RT02 per la numerazione di E. coli e la ricerca di Salmonella spp. in matrice liofilizzata di vongola. Il Ring Trial è stato organizzato per fornire ai laboratori che effettuano le analisi dei molluschi bivalvi vivi dalle aree di produzione, secondo il Regolamento (CE) No. 854/2004, o lungo la filiera di produzione, secondo Regolamento (CE) 2073/2005 e successive modifiche, campioni per la valutazione esterna in qualità del laboratorio.

Il metodo di riferimento per la numerazione di E. coli nei molluschi bivalvi è la ISO 16649-3:2015, Microbiology of food and animal feeding stuffs - Horizontal method for the enumeration of β-glucuronidase-positive Escherichia coli Part 3: Most probable number technique using 5-bromo-4-chloro-3-indolyl-β-D-glucuronide. Il metodo di riferimento per la ricerca di Salmonella spp. nei mollushi bivalvi è la ISO 6579:2002, Microbiology of food and animal feeding stuffs – Horizontal method for the detection of Salmonella spp.

TAB7

Preparazione dei campioni e criteri per l’analisi dei risultati dei partecipanti e per la valutazione della performance

I campioni del Ring Test sono stati preparati come campioni liofilizzati di vongole in conserva sperimentalmente contaminati con Salmonella Typhimurium (105 UFC per ml di campione ricostituito) e Citrobacter freundii (103 UFC per ml di campione ricostituito) per il campione MOLLU 03, E. coli (103 MPN/100 g di campione ricostituito) e Citrobacter freundii  (103 UFC per ml di campione ricostituito) per il campione  MOLLU 04.

Per dimostrare la stabilità del campione nel tempo, 10 campioni liofilizzati, selezionati dal LNR in  maniera random dal lotto di preparazione, sono stati esaminati in doppio per la numerazione di E. coli e la ricerca di Salmonella spp. durante il periodo della distribuzione.

Per la valutazione delle performance dei laboratori partecipanti è stato utilizzato un sistema di punteggio. Performance inferiori al 40% nella singola distribuzione sono state ritenute indicative di problemi significativi nelle analisi.

Analisi dei risultati

Al Ring Test RT02 hanno partecipato in totale 26 laboratori. I risultati ottenuti nella numerazione di E. coli nel ring trial RT02 sono stati tutti favorevoli e tutti i 26 laboratori partecipanti hanno riportato valori in MPN di E. coli < 18 MPN/100g per il campione MOLLU03 o entro ± 2.68 SD dalla mediana dei partecipanti per il campione MOLLU04.

Per la ricerca di Salmonella spp. i laboratori hanno ottenuto complessivamente risultati favorevoli per la distribuzione RT02, tuttavia 5 laboratori hanno erroneamente riportato la presenza di Salmonella spp nel campione MOLLU 04. LNR ha fornito ai laboratori una guida agli interventi da effettuare per risultati non soddisfacenti (Allegato III al Report del LNR del ring trial RT 02 “Guida agli interventi da effettuare per risultati non soddisfacenti”), per la verifica dell'analisi effettuata e inviato ai laboratori la ripetizione del campione MOLLU04 per la ricerca di Salmonella spp. I laboratori interessati hanno gestito e verificato l'analisi effettuata secondo procedure interne di qualità e ripetuto il campione, ottenendo risultati conformi al valore atteso.


Nel caso si effettuino più di tre diluizioni del campione, il valore MPN di E. coli non è deducibile dalle tabelle allegate alla norma ISO 7218:2007/FDAM 1:2013, ma deve essere calcolato  utilizzando il calcolatore MPN calculator (ISO 7218:2007/FDAM 1:2013, sezione 10.5.6.3). considerando tutte le combinazioni derivanti dai tubi di terreno MMGB  testati.

La distribuzione SF055 ha previsto campioni i cui livelli di E. coli erano tali da richiedere un numero di diluizioni da testare superiore a tre e l'utilizzo del calcolatore MPN calculator.

Il laboratorio che aveva  ottenuto un punteggio sfavorevole, aveva riportato combinazioni dei tubi MPN corrette, ma valori di E. coli in 100g che non rientravano nel range dei risultati attesi. LNR ha contattato il Referente del laboratorio ed è scaturito che il risultato sfavorevole era legato ad un errato inserimento dei dati nel calcolatore MPN calculator. LNR ha fornito supporto tecnico inviando al laboratorio: - una guida all'utilizzo del MPN calculator, che illustra nel dettaglio l'utilizzo del MPN calculator (paragrafo 8.8 del documento dell'EU-RL “Generic protocol – Enumeration of Escherichia coli in bivalve molluscan shellfish by the most probable number (MPN) technique (based on ISO 16649-3 - Issue 13); - esempi di inserimento dei dati e calcolo del valore MPN per più di tre diluizioni effettuati con il programma MPN calculator. Il laboratorio ha gestito il risultato non conforme nell'ambito del sistema qualità, effettuando un'analisi delle cause ed intraprendendo le necessarie azioni.

La valutazione complessiva della partecipazione dei laboratori di controllo ufficiale dei molluschi bivalvi ai circuiti interlaboratorio per la numerazione di E. coli in MPN e la ricerca di Salmonella spp. nel periodo 2016 si può ritenere soddisfacente.


Data di pubblicazione: 30 giugno 2017

Tag associati a questa pagina: Pesci, molluschi e crostaceiSicurezza alimentare


Condividi:

  • Facebook