Sei in: Home > 2. Risultati > Sanità animale > Malattia di Aujeszky - Piano nazionale di controllo

Malattia di Aujeszky - Piano nazionale di controllo

FONTE: Ministero della Salute

Piano nazionale di controllo per la Malattia di Aujeszky

Capitolo 2. Risultati

I risultati dell’attività descritta al capitolo 1 relativa al 2016 è riportata nelle tabelle di seguito.

Dati controlli Riproduzione
Tabella 1

Dati controlli ingrasso
Tabella 2

Dati controlli centri genetici
Tabella 3

La ricerca del genoma virale è stata condotta su visceri di suini o altre specie sensibili con sintomi clinici riferibili a MA, tramite PCR real time. Nei suini il numero di campioni virologici è, come nell’anno precedente, molto ridotto (65 campioni). Questo deriva dal numero molto ridotto di sospetti clinici verificatesi negli allevamenti suini. Infatti, nel 2016 c’è stato un solo sospetto clinico di MA che è stato in seguito confermato. Questo caso riguardava un’azienda di riproduzione che aveva manifestato una forma clinica respiratoria che inizialmente era stata riferita a influenza suina. Le analisi eseguite sui visceri di due magroni morti hanno rilevato la positività per malattia di Aujeszky. La caratterizzazione genomica del ceppo ha rilevato che si trattava di un ceppo appartenente al clade italiano 2, nettamente distinto dai ceppi circolanti nei cinghiali e che presenta le caratteristiche dei ceppi suini del periodo 2008-2011 (Fonte CeRMA – IZSLER). L’ASL del territorio di competenza è stata celermente avvisata per l’indagine epidemiologica e i controlli opportuni.

La ricerca del genoma è stata anche eseguita su campioni di altre specie sensibili: sono risultati positivi 4 campioni originati da cani da caccia con sintomatologia nervosa.

Dati campioni esami virologici
Tabella 4

Numero campioni totali
Tabella 5

Dati campioni su specie diverse dal suino-cinghiale
Tabella 6


‹‹‹ Capitolo precedente - Capitolo successivo ›››

Data di pubblicazione: 30 giugno 2017


Condividi:

  • Facebook