Sei in: Home > 2. Risultati > Importazioni e scambi > Animali vivi, sperma, embrioni e ovuli - Controlli veterinari all'importazione

Animali vivi, sperma, embrioni e ovuli - Controlli veterinari all'importazione

FONTE: Ministero della Salute

Controlli veterinari su animali vivi, sperma, embrioni e ovuli provenienti da Paesi terzi

Capitolo 2. Risultati

Le non conformità riscontrate a seguito dei controlli effettuati ai PIF possono dar vita, a seconda del tipo di irregolarità e della specie animale coinvolta, a provvedimenti quali la rispedizione verso il Paese Terzo di origine, l’attuazione di una quarantena, l’abbattimento (eutanasia) e la distruzione o la macellazione. I respingimenti possono essere distinti, in base alle motivazioni che li hanno determinati, in tre categorie: respingimenti a seguito di controllo documentale, respingimenti a seguito di controllo di identità e respingimenti a seguito di controllo fisico; quest’ultimi derivano da un’ispezione del veterinario o da esami di laboratorio con esiti sfavorevoli.

I dettagli dei respingimenti, con le specifiche motivazioni, relativi alle partite di animali vivi presentate per l’importazione attraverso i posti di ispezione frontaliera italiani e destinate in Italia nel 2016 sono riportati nella seguente tabella 3.

Dalla tabella emerge che ci sono state 10 non conformità (7 nel 2015) dovute principalmente a irregolarità documentali che hanno determinato provvedimenti di rispedizione (7) e di distruzione (3) come previsto dalla normativa europea.

Per quanto riguarda le partite di animali vivi presentate per l’importazione attraverso i posti di ispezione frontaliera italiani e destinate ad altri Stati Membri, nel corso del 2016 non ci sono stati respingimenti, mentre un respingimento di una partita di mammiferi per irregolarità documentale era stato disposto nel 2015.


‹‹‹ Capitolo precedente - Capitolo successivo ›››

Data di pubblicazione: 30 giugno 2017


Condividi:

  • Facebook