Sei in: Home > 2. Risultati > Alimenti > Iodoprofilassi - Attività di monitoraggio

Iodoprofilassi - Attività di monitoraggio

FONTE: Ministero della Salute

Iodoprofilassi - Attività di monitoraggio

Capitolo 2 – Risultati

I dati raccolti hanno mostrato che su 155 campioni di sale prelevati in totale nei punti vendita delle diverse Regioni ed analizzati per il contenuto di iodio, solo l’1.9% risultava non conforme.

Per ciò che riguarda invece i controlli relativi all’utilizzo del sale iodato nella ristorazione collettiva, su un totale di 2136 ispezioni condotte nei Centri Cottura prevalentemente di mense scolastiche, l’81.1% utilizzava regolarmente il sale iodato nella preparazione dei cibi. Infine, per ciò che riguarda le verifiche ispettive relative all’esposizione della locandina ministeriale, i dati erano disponibili solo per la Regione Sardegna che su 505 ispezioni ha rilevato la presenza della locandina solo in 90 strutture (18%).

Tabella 1: Tabella riassuntiva relativa alle analisi condotte per accertare il contenuto di iodio nel sale prelevato nei punti vendita, e alle verifiche ispettive nelle mense aziendali
Tabella 1

Valutazione dell’efficienza della iodoprofilassi – grazie alla collaborazione dei più importanti produttori di sale, i quali coprono circa l’85% di tutto il sale venduto in Italia, è stata valutata per l’anno precedente (2015) la percentuale del sale iodato su tutto il sale venduto (Tabella 2)

Tabella 2: Percentuale di vendita del sale iodato su tutto il sale venduto nell’anno 2006 e 2015 (CIS, Italkali)
Tabella 2

Valutazione dell’efficacia della iodoprofilassi – La valutazione dell’efficacia della iodoprofilassi ha riguardato la valutazione del TSH neonatale nei nati dell’anno 2015. Il TSH neonatale è un sensibile indicatore dello stato nutrizionale iodico nella popolazione neonatale e, indirettamente, nella popolazione delle donne gravide. Grazie alla collaborazione dei Centri di Screening Neonatale della Regione Lombardia, Marche e Calabria, sono stati analizzati i TSH neonatali dei nati nel 2015 nelle 3 regioni per un totale di circa 116.000 neonati screenati (Tabella 3).

Tabella 3: Frequenza di valori di TSH neonatale >5.0 mU/L in nati a termine nella Regione Lombardia, Marche e Calabria. Una frequenza < 3.0% è indicativa di iodosufficienza.
Tabella 3

 


‹‹‹ Capitolo precedente - Capitolo successivo ›››

Data di pubblicazione: 30 giugno 2017


Condividi:

  • Facebook