Sei in: Home > 2. Risultati > Alimenti > Qualità merceologica degli alimenti generici

Qualità merceologica degli alimenti generici

FONTE: Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali

Controlli ufficiali sulla qualità merceologica di alimenti e bevande generici

Capitolo 2. Risultati

Illeciti accertati di particolare rilievo
Anche nel 2016 l’ICQRF ha sviluppato, d’iniziativa o su delega, complesse indagini dirette da diverse Procure della Repubblica su tutto il territorio nazionale.

Le azioni di contrasto alla criminalità agroalimentare sono state svolte da tutti gli Uffici territoriali e dall’Unità Investigativa Centrale dell’ICQRF, con il supporto analitico dei Laboratori.

Le più rilevanti operazioni di Polizia Giudiziaria svolte nel 2016 dall’ICQRF hanno riguardato i settori vitivinicolo, oleario e biologico e sono illustrate, in relazione ai prodotti interessati, in parte nel capitolo sugli alimenti generici e in parte in quello sulle produzioni di qualità.

Olio di oliva - Operazione Mamma Mia
Diretta dalla Procura della Repubblica di Trani (BT), indagini delegate all’Unità Investigativa Centrale (UIC) e all’Ufficio ICQRF Italia sud-est.

Le attività di perquisizione sono state effettuate nella prima settimana di febbraio.

Gli obiettivi totali sono stati 24 (16 aziende, oggetto di sequestro, e 8 persone oggetto di perquisizioni domiciliari e personali). Sono state utilizzate oltre 90 unità di personale. Su alcuni obiettivi è intervenuto anche il personale della Guardia di Finanza.

Le attività hanno portato al sequestro di copiosa documentazione commerciale e informatica nonché al sequestro di 76 tonnellate di olio extravergine di oliva e il ritiro dal mercato di ulteriori 275,6 tonnellate. Nel complesso sono stati sequestrati dall’ICQRF 351.600 litri di olio!

Il complesso sistema di frode prevedeva il ruolo di imprese “cartiere” pugliesi e calabresi che emettevano falsa documentazione attestante l’origine italiana di olio extravergine di oliva, in realtà spagnolo e/o greco. Mediante artifizi e triangolazioni documentali, l’olio veniva venduto come Made in Italy ad ignari imbottigliatori per il confezionamento e la distribuzione sul mercato.

 

Uova
Sequestrate in provincia di Verona circa 8 milioni di uova fresche non tracciate e in cattivo stato di conservazione. Le indagini sono ancora in corso per verificare eventuali responsabilità a carico di altre ditte coinvolte nei vari trasferimenti dei prodotti.

L’attività dell’ICQRF nella “Terra dei fuochi”
Anche nel 2016 l’ICQRF ha onorato l’impegno, già intrapreso fin dal novembre 2013, dell’intensificazione dei controlli nei 57 Comuni della “Terra dei fuochi”, contribuendo in modo concreto a dare certezze ai produttori e ai consumatori sulla qualità dei prodotti campani.

L’attenzione è stata concentrata sui settori dell’agroalimentare maggiormente a rischio per la particolare attitudine produttiva del territorio; il 51% dei prodotti controllati hanno riguardato i settori ortofrutticolo, conserviero e lattiero-caseario.

I risultati sono riportati nella tabella seguente. ICQRF ha inoltre reso pubblici i controlli svolti sul sito PROMETEO della Prefettura di Napoli.

 


‹‹‹ Capitolo precedente - Capitolo successivo ›››

Altri illeciti accertati nei vari settori merceologici

Gli illeciti rilevati dall’ICQRF nel corso degli accertamenti ispettivi e analitici sono sia di carattere amministrativo che penale. Stante la pressoché totale depenalizzazione delle violazioni in materia agroalimentare, gli illeciti più frequentemente accertati sono di natura amministrativa.

Le violazioni di natura penale sono in genere ascrivibili a frodi in commercio (art. 515 C.P.).

Viene riportata, in allegato, una panoramica descrittiva delle principali tipologie di irregolarità più frequentemente riscontrate nei diversi settori.


‹‹‹ Capitolo precedente - Capitolo successivo ›››

Data di pubblicazione: 30 giugno 2017


Condividi:

  • Facebook