Sei in: Home > 1. Attività svolta > Importazioni e scambi > Animali vivi, sperma, embrioni e ovuli - Controlli veterinari a seguito di scambi intracomunitari

Animali vivi, sperma, embrioni e ovuli - Controlli veterinari a seguito di scambi intracomunitari

FONTE: Ministero della Salute

Controlli veterinari su animali vivi, sperma, embrioni e ovuli spediti in Italia da altri Paesi dell'UE

Capitolo 1. Attività svolta

Nel corso del 2016 (tabella 1) sono state prenotificate presso gli UVAC 66.248 partite di animali vivi e materiale genetico, rispettivamente  64.520 di animali vivi e 1.728 di materiale genetico con un leggero incremento rispetto al 2015  (60.131 partite di animali vivi e 1.571 partite di materiale genetico).

Tabella 1: Partite prenotificate provenienti dagli Stati membri e controlli nel 2016
Tabella1

I bovini, con 42.480 partite per un totale di 1.181.556 capi continuano a rappresentare la specie di maggiore importanza. Seguono i suini, con 5.990 partite per un totale di 1.711.965 capi, gli ovini con 3.469 partite per un totale di 984.162 capi, gli equidi con 2.526 partite per un totale di 31.009 capi ed il pollame con 2.484 partite per un totale di quasi 66 milioni di capi (tabella 1 e grafici 1, 2 e 3).

Grafico 1: Partite di animali vivi per categorie 2016
Grafico1

Per quanto riguarda i bovini il Paese maggior fornitore è, come negli anni precedenti, la Francia con 33.151 partite e 928.017 capi, seguono altri Paesi che, in base al numero dei capi spediti, sono rappresentati dall’Austria con 3.781 partite e 68.483 capi, dalla Germania con 944 partite e 29.126 capi, dalla Polonia con 588 partite e 25.465 capi, la Lituania con 240 partite e 24726 capi, la Spagna con 1383 partite e 20.366 capi (tabella 2, grafico 2).

Grafico 2: Capi bovini per Stato membro di provenienza 2016
Grafico2

Per quanto riguarda i suini su 5.990 partite provenienti dall’UE (1.711.965 capi) 1.745 sono arrivate dalla Danimarca (898.682 capi), 1.051 dalla Spagna (243.001 capi), 567 dall’Olanda (236.512 capi), 433 dalla Germania (131.495 capi), 1.170 dalla Francia (75.902 capi). Si tratta per la maggior parte di suini da macello e di suinetti da ingrasso (tabella 2, grafico 3).

Grafico 3: Capi suini per Stato membro di provenienza 2016
Grafico3

Per quanto riguarda gli ovini delle 3.469 partite (984.162 capi) 1.869, che corrispondono al 53,8% del totale, sono state introdotte dall’Ungheria (505.859 capi). Al secondo posto troviamo la Francia con 527 partite (79.432 capi) ed al terzo la Romania con 481 partite (250.981 capi).

I caprini, 201 partite (11.634 capi), sono arrivati principalmente dalla Francia 68 partite, dall’Austria 45 partite, dalla Spagna 41 partite e dall’Ungheria 37 partite.

Per il pollame la maggior parte delle 2.484 partite (quasi 66 milioni di capi) sono state introdotte dalla Francia (il 56%) e dalla Germania (il 17%).

Infine, per quanto riguarda gli equidi le partite introdotte sono state 2526 (31.009 capi) e provenivano principalmente dalla Polonia (637 partite, 11.885 capi), dalla Spagna (446 partite, 5.498 capi) e dalla Francia (391 partite, 6.276 capi) [tabella 2].

 

 

 


‹‹‹ Capitolo precedente - Capitolo successivo ›››

Data di pubblicazione: 30 giugno 2017

Tag associati a questa pagina: Scambi intracomunitari


Condividi:

  • Facebook