Sei in: Home > 1. Attività svolta > Alimenti > Controlli ufficiali sulle produzioni di qualità

Controlli ufficiali sulle produzioni di qualità

FONTE: Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali

Controlli ufficiali sulle produzioni di qualità

Capitolo 1. Attività svolta

Azione a tutela del made in Italy agroalimentare nel mondo e sul web
Con 814 prodotti agroalimentari a denominazione di origine, a indicazione geografica e STG riconosciuti dall’Unione europea[1], l’Italia è leader assoluto nel campo delle eccellenze agroalimentari.  Anche il modello di tutela italiano delle indicazioni geografiche (DOP e IGP) è divenuto un riferimento a livello europeo. L’ICQRF agisce su tre linee di azione:

  • in qualità di Autorità italiana ex officio[2], per far cessare in Europa l’uso illegale delle indicazioni geografiche italiane, ma anche degli Stati membri;
  • come Organismo di contatto italiano[3] con gli altri Stati membri in materia di controlli nel settore vitivinicolo, per tutelare i vini italiani a DO e IG in Europa e sul web;
  • attraverso la collaborazione con i principali player mondiali dell’e-commerce, per garantire la tutela dei prodotti italiani anche sul web.

L’ICQRF interviene sulle piattaforme di Ebay, Alibaba e Amazon come soggetto legittimato (owner) a difendere il “nome” delle Indicazioni geografiche italiane. Con Ebay esiste uno specifico accordo per la tutela dei nomi protetti nell’agroalimentare. Con Alibaba ICQRF è stato ammesso ad agire direttamente sul sistema di protezione delle proprietà intellettuali “Aliprotect” mentre ha uno specifico Accordo per la cooperazione sui siti del Gruppo. Amazon Europe coopera nel bloccare le inserzioni di vendita irregolari di prodotti che evocano o usurpano i nomi di vini italiani protetti.

Nel 2016 l’ICQRF ha avviato procedure di contrasto a usurpazioni ed evocazioni che hanno riguardato 971 casi: 202 sono stati i prodotti in vendita sul market place e-Bay, 148 quelli su Amazon e 33 su Alibaba, 72 prodotti hanno riguardato prodotti agroalimentari in vendita su altri service provider, 516 prodotti vitivinicoli in vendita sul web e in locali pubblici. Gli interventi che hanno riguardato Paesi extra EU sono stati 108.

Di seguito si riportano, in allegato, grafici e tabelle che illustrano i prodotti contraffatti, i casi in cui l’ICQRF è intervenuto e i Paesi o le piattaforme web coinvolti. Gli interventi sono inoltre ripartiti per strumento di tutela utilizzato (ex officio, Autorità “Vino”, accordi di cooperazione web).

Tabella I - Interventi totali ICQRF sul web

Tabella II - Interventi Autorità “ex officio”

Tabella III - Settore vitivinicolo

Tabella IV - Blocco vendite su web

 



[1] Dato al 21 dicembre 2016.

[2] Articolo 16 decreto del Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali 14 ottobre 2013, in attuazione dell’art. 13, par. 3, Reg. UE n. 1151/2012

[3] Decreto del Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali 19 giugno 2014, in attuazione dell’art. 82, par. 2, Reg. CE n. 555/2008


‹‹‹ Capitolo precedente - Capitolo successivo ›››

Attività di controllo sui prodotti da agricoltura biologica

Azione a tutela del made in Italy di qualità in ambito nazionale
Si riportano di seguito i risultati dell’attività di controllo espletata nel corso dell’anno 2016 dall’ICQRF nel settore dei prodotti da agricoltura biologica (esclusi gli olii d’oliva).

Tabella 1.A. 2.1: Attività di controllo dell’ICQRF sui prodotti da agricoltura biologica
Tabella 5

Analogamente all’attività condotta sui prodotti alimentari generici, i controlli svolti da ciascun Ufficio periferico dell’Ispettorato sulle produzioni da agricoltura biologica consistono in accertamenti effettuati lungo tutta la filiera, nelle fasi di commercio, trasformazione, preparazione e produzione, e in verifiche documentali sugli operatori del settore.

L’attività analitica dei Laboratori dell’ICQRF, a completamento di quella ispettiva, comporta l’analisi dei prodotti prelevati nel corso delle ispezioni.

I controlli sui prodotti sono finalizzati sia all’accertamento della conformità al metodo di produzione da agricoltura biologica sia alla verifica della loro rispondenza alle disposizioni della normativa nazionale e comunitaria che disciplinano, per ogni specifica categoria merceologica di prodotto, identità, qualità e genuinità.

Nel corso dei controlli vengono dunque svolte verifiche della tracciabilità, etichettatura e/o presentazione, nonché accertamenti sulla regolare tenuta della documentazione prevista per legge e sulla conformità dei processi produttivi e, talora, si prelevano campioni per successive verifiche di laboratorio.

I controlli analitici prevedono sia la ricerca dell’eventuale presenza di residui di prodotti fitosanitari non consentiti sia l’accertamento della conformità della composizione quali-quantitativa al dichiarato e alle disposizioni di legge.

L’azione di controllo complessivamente svolta nel 2016 sui prodotti da agricoltura biologica ha prodotto 22 notizie di reato, 98 contestazioni amministrative, 49 diffide, 28 sequestri di prodotti, per un valore complessivo di oltre 1 milione e 500.000 €.

La Tabella 1.A.2.2. allegata illustra in dettaglio la ripartizione dell’attività di controllo svolta dall’ICQRF sui prodotti da agricoltura biologica nel 2016.

L’attività analitica di seconda istanza svolta sui prodotti da agricoltura biologica nel 2016 dal Laboratorio di Roma, incaricato dell’analisi di revisione, ha riguardato:

Tabella 1.A.2.3: Prodotti da agricoltura biologica analizzati in revisione
Tabella 7
* campione di riso


‹‹‹ Capitolo precedente - Capitolo successivo ›››

Attività di controllo sui prodotti a DOP, a IGP e a STG (esclusi i vini)

Azione a tutela del made in Italy di qualità in ambito nazionale
Si riportano di seguito i risultati dell’attività di controllo espletata nel corso dell’anno 2016 dall’ICQRF nel settore dei prodotti a DOP,IGP,STG (esclusi i vini e gli oli d’oliva).

I controlli sulle produzioni a DOP, IGP e STG consistono in accertamenti lungo le filiere di tali produzioni, principalmente nelle fasi di commercio e trasformazione, e in verifiche documentali, in particolare sulla tracciabilità, a carico degli operatori del settore.

L’attività analitica dei Laboratori dell’ICQRF, a completamento di quella ispettiva, comporta l’analisi dei prodotti prelevati nel corso delle ispezioni.

I controlli sono finalizzati sia all’accertamento della conformità del prodotto al relativo disciplinare di produzione, sia alla verifica della rispondenza alle disposizioni della normativa nazionale e comunitaria che ne disciplinano le specifiche caratteristiche merceologiche. L’attività comporta, dunque, verifiche della tracciabilità, etichettatura e/o presentazione, accertamenti sulla regolare tenuta della documentazione prevista per legge e sulla conformità dei processi produttivi e, talora, il prelievo di campioni per il successivo controllo analitico.

Detto controllo analitico prevede sia la verifica della rispondenza ai parametri stabiliti dal disciplinare di produzione sia, più in generale, l’accertamento della conformità della composizione quali-quantitativa al dichiarato e alle disposizioni di legge.

Nel complesso, Tabella 1.A.2.4., l’azione di controllo svolta nel 2016 nel comparto dei prodotti a DOP, a IGP e a STG, diversi dai vini, trattati separatamente, ha prodotto 10 notizie di reato, 670 contestazioni amministrative e 21 sequestri, amministrativi e penali, per un valore complessivo di oltre 415.000 €.

I principali indicatori sull’azione di controllo svolta sono riassunti nella Tabella 1.A.2.5.  allegata.

La Tabella 1.A.2.5. illustra i dati di dettaglio, dai quali si evidenzia che i prodotti controllati sono stati per il 75,7% DOP e per oltre il 24,2% IGP, mentre quelli a STG sono stati solo lo 0,1%. Nell’ambito dei prodotti a DOP controllati, la ripartizione per settore ha interessato i formaggi (oltre il 49%), gli oli di oliva (oltre il 28%), le carni e i prodotti a base di carne (circa il 12%) e l’ortofrutta (oltre l’8%), mentre per percentuali inferiori cereali e derivati (0,7%), aceti (0,6%) e conserve vegetali (0,4%).

I controlli sulle IGP hanno interessato principalmente ortofrutta (oltre il 37%), carni e prodotti a base di carne (oltre il 30%), oli di oliva (circa 15%) e aceti (circa 12%).

Anche i controlli analitici sono stati dedicati principalmente alle produzioni a DOP e a IGP, interessando in larga prevalenza (circa l’80%) i formaggi, seguiti dagli oli di oliva (oltre l’11%).

L’attività analitica di seconda istanza svolta nel 2016 sui prodotti a DOP, IGP e STG dal Laboratorio di Roma, incaricato dell’analisi di revisione, ha riguardato 4 campioni (2 formaggi, 1 olio extravergine di oliva e una conserva di pomodoro S Marzano) per 3 dei quali è stata confermata l’irregolarità accertata in prima istanza.

Tabella 1.A.2.8: Prodotti a DOP, IGP e STG analizzati in revisione
Tabella 10


‹‹‹ Capitolo precedente - Capitolo successivo ›››

Attività di controllo sui vini a DO (vini a DOCG, a DOC) e a IGT

Azione a tutela del made in Italy di qualità in ambito nazionale
Si riportano di seguito i risultati dell’attività di controllo espletata nel corso dell’anno 2016 dall’ICQRF neL settore dei vini a DO (vini a DOCG, a DOC) e a IGT.

I controlli svolti da ciascun Ufficio ICQRF sui vini a DO e a IGT consistono in accertamenti effettuati lungo la filiera, nelle fasi di produzione, trasformazione e commercio, e in verifiche documentali a carico degli operatori del settore.

L’attività analitica dei Laboratori dell’ICQRF, a completamento di quella ispettiva, comporta l’analisi dei prodotti prelevati nel corso delle ispezioni.

I controlli su ogni singolo prodotto, ispettivi e analitici, sono finalizzati sia ad accertarne la conformità al relativo disciplinare di produzione sia, più in generale, a verificarne la rispondenza alle disposizioni della normativa nazionale e comunitaria che ne disciplinano identità, genuinità, qualità e specifiche caratteristiche merceologiche, in relazione alla categoria dichiarata.

Nel corso dei controlli vengono dunque svolte verifiche della tracciabilità, etichettatura e/o presentazione e accertamenti sulla regolare tenuta della documentazione prevista per legge e sulla conformità dei processi produttivi prelevando, talora, anche campioni per il controllo analitico.

Nel complesso l’azione di controllo svolta nel 2016 sui vini a DOCG, DOC e a IGT ha prodotto 47 notizie di reato, 880 contestazioni amministrative, 555 diffide e 113 sequestri, amministrativi e penali, per un valore complessivo di oltre 5 milioni di euro (Tabella 1.A.2.9).

I controlli analitici prevedono sia la verifica della rispondenza ai parametri stabiliti dal disciplinare di produzione sia l’accertamento della conformità della composizione quali-quantitativa al dichiarato e alle disposizioni di legge. Come si evince dalla tabella che segue, l’attività analitica ha interessato i vini a IGT (46,7% del totale dei vini di qualità analizzati) seguiti da quelli a DOC (38,5%), e, in misura minore, dai vini a DOCG (14,8%). L’incidenza delle irregolarità accertate è stata più elevata (8,2%) nei vini a DOCG, seguiti dalla categoria dei vini a IGT (6,9%) e da quelli a DOC (5,4%).

Tabella 1.A.2.10: Vini a DOCG, a DOC e a IGT - campioni analizzati e irregolari per tipologia di produzione
Tabella 12

Le analisi di revisione nel comparto dei vini di qualità nel 2016 hanno interessato 16 campioni, ripartiti per categoria di prodotto come indicato nella tabella seguente. Per 15 campioni l’esito irregolare di prima istanza è stato confermato.

Tabella 1.A.2.11: Campioni di vini a DOCG a DOC e a IGT analizzati in revisione
Tabella 13


‹‹‹ Capitolo precedente - Capitolo successivo ›››

L’ICQRF programma annualmente la propria attività di controllo anche sulle produzioni di qualità: prodotti da agricoltura biologica, prodotti a DOP, IGP, STG e vini a DOCG, a DOC e a IGT.

Prodotti da agricoltura biologica
La tabella seguente riporta i principali indicatori di realizzazione dell’attività di controllo sui prodotti da agricoltura biologica in relazione al programmato.

Tabella 1.A.2.12: Realizzazione dell’attività di controllo sui prodotti da agricoltura biologica
Tabella 14

Nel complesso il livello di realizzazione dei controlli è stato di circa il 118%, superiore al programmato.

Prodotti a DOP a IGP e a STG (esclusi i vini)
La tabella seguente riporta i principali indicatori di realizzazione dell’attività di controllo sui prodotti a DOP, IGP e STG (esclusi i vini) in relazione al programmato.

Tabella 1.A.2.13: Realizzazione dell’attività di controllo sui prodotti a DOP IGP e STG
Tabella 15

Nel complesso il livello di realizzazione dei controlli è stato del 112% rispetto al programmato.

Vini a DO (vini a DOCG, a DOC) e a IGT)
La tabella seguente riporta i principali indicatori di realizzazione dell’attività di controllo sui vini a DOCG, a DOC e a IGT.

Tabella 1.A.2.14: Realizzazione dell’attività di controllo sui vini a DOCG, a DOC e a IGT
Tabella 16

Nel complesso il livello di realizzazione dell’attività è stato del 104% rispetto al programmato.

Scostamenti rispetto al programmato dei controlli realizzati nell’ambito delle produzioni di qualità
Come già rappresentato nel capitolo 1 relativo ai controlli sui prodotti alimentari generici, gli scostamenti dei controlli realizzati sui prodotti di qualità rispetto al programmato sono imputabili al fatto che non tutte le attività che l’ICQRF è chiamato a svolgere annualmente sono prevedibili.

In particolare, rientrano nei controlli non programmabili a inizio anno le indagini di polizia giudiziaria, delegate dalle competenti Procure della Repubblica, svolte sia autonomamente che in concorso con altri organi di controllo.

Inoltre nel 2016 il rafforzamento dell’azione di tutela della qualità del made in Italy agroalimentare attraverso la “protezione ex officio” e gli altri strumenti descritti nel Cap. 1. ha determinato il superamento di circa alcuni punti percentuali dei controlli realizzati rispetto al programmato.


‹‹‹ Capitolo precedente - Capitolo successivo ›››

Data di pubblicazione: 30 giugno 2017

Tag associati a questa pagina: Agricoltura biologicaProdotti alimentari di qualità regolamentata


Condividi:

  • Facebook