Sei in: Home > 1. Attività svolta > Alimenti > Residui - Piano Nazionale (PNR)

Residui - Piano Nazionale (PNR)

FONTE: Ministero della Salute

Piano Nazionale Residui

Capitolo 1. Attività svolta

In attuazione del Piano Nazionale per la ricerca di Residui del 2016 sono stati analizzati 41.082 campioni, di cui 15.181 per la ricerca di residui di sostanze appartenenti alla categoria A (pari al 37 % del totale delle analisi) e 25.901 per la ricerca di residui di sostanze appartenenti alla categoria B (pari al 63 %).
Nella Tabella 1 è riportata l’attività per singolo settore produttivo.

Tabella 1: Quadro riepilogativo dell’attività del Piano 2016
Tabella 1
[1] Stabilito da norme comunitarie - Il numero minimo dei campioni da analizzare deve essere determinato da ciascuno Stato Membro in funzione della propria produzione.
[2] Stabilito dalla programmazione ministeriale.
[3] Il livello minimo di campionamento è fissato per il solo latte vaccino. I dati di programmazione ed attuazione comprendono anche il latte ovi-caprino e bufalino.

Per tutti i settori produttivi è stato superato il numero minimo di campioni da analizzare richiesto dalle norme comunitarie, fatta eccezione per la Selvaggina cacciata che continua a rappresentare, negli anni, una criticità, anche se nel 2016 si registra un miglioramento rispetto agli anni precedenti.

Anche nel 2016, nel settore Uova non è stato rispettato il requisito secondo cui “almeno il 30% dei campioni deve essere prelevato da centri di imballaggio che presentano la più significativa percentuale di uova destinate al consumo umano”. Infatti, sono stati prelevati 222 campioni presso i centri di imballaggio, pari a circa il 15% dei campioni totali.

Nella Figura 1 è presentata la distribuzione dei campioni analizzati, suddivisa per i differenti settori produttivi, mentre la Figura 2 riporta la distribuzione dei campioni analizzati nei diversi gruppi di sostanze ricercate.

Figura 1: Distribuzione percentuale dei campioni analizzati, in attuazione del PNR 2016, suddivisa per differenti settori produttivi
Figura 1

Figura 2: Distribuzione percentuale dei campioni analizzati, in attuazione del PNR 2016, suddivisa per gruppi di sostanze ricercate
Figura 2

Il 33.5 % dei campioni è stato analizzato per il gruppo B1 (sostanze antibatteriche, comprese sulfamidici e chinolonici). A seguire, troviamo il gruppo B2 (altri prodotti medicinali veterinari) con il 18.5 %, il gruppo A5 (β-agonisti) con il 16.4 %, il gruppo A6 (sostanze incluse nell’allegato IV del Reg. CEE 2377/90) ed il gruppo B3 (altre sostanze e agenti contaminanti per l’ambiente) rispettivamente con il 12.2 % e 11.0 %.

 


‹‹‹ Capitolo precedente - Capitolo successivo ›››

Le attività di Extrapiano sono effettuate nei casi di specifiche esigenze nazionali o locali, al fine di intensificare i controlli per la ricerca di gruppi di residui o di sostanze in specie/categorie animali, prodotti di origine animale/matrici, già previsti dal piano. Anche i campioni programmati come Extrapiano sono mirati.

Nella Tabella 2 sono indicate le attività di Extrapiano realizzate da parte delle Regioni e Province Autonome, nell’anno 2016.

Nessuna attività di Extrapiano è stata programmata nel sistema informatico NSIS/PNR dalle Regioni/P.A.

Tabella 2: Quadro riepilogativo dell’attività Extrapiano 2016 regionali
Tabella 2

Sono stati analizzati 10779 campioni, di cui 1.578 per la ricerca di residui di sostanze appartenenti ai gruppi della categoria A (14.6 %) e 9.201 per la ricerca di residui di sostanze appartenenti ai gruppi della categoria B (85.4 %).

La Tabella 3 mostra la realizzazione di tali attività distinte per categoria e gruppi di sostanze ricercate.

Tabella 3: Distribuzione dell’attività Extrapiano 2016 suddivisa per settore produttivo e categoria/gruppi di sostanze ricercate
Tabella 3
[4] Di questi 2325 campioni sono stati analizzati per la ricerca di aflatossine.


‹‹‹ Capitolo precedente - Capitolo successivo ›››

Il Piano su Sospetto prevede il prelievo di campioni nei casi in cui ci sia motivo di sospettare la presenza di residui (clinico-anamnestico). Anche a seguito di non conformità analitiche riscontrate nei campioni o di segnalazioni di esiti diagnostici sospetti al test istologico, si procede al prelievo di campioni su sospetto, rispettivamente, a seguito di positività o isto-anatomo-patologico.

La Tabella 4 mostra l’attività di analisi effettuata a seguito di prelievi di campioni di tipo “Sospetto”, distinta per le differenti tipologie di campionamento.

In termini generali, nel 2016 sono stati prelevati 9.453 campioni, di cui 148 (1.6 %) per la ricerca di residui delle sostanze appartenenti alla categoria A e 9.305 (98.4 %) per la ricerca di residui delle sostanze appartenenti alla categoria B.

Il 96.3 % dell’attività è stato eseguito su campioni prelevati sulla base di elementi clinico-anamnestici, il 2.2 % a seguito del riscontro di non conformità e il 1.5 % su campioni prelevati a seguito di esiti diagnostici sospetti al test istologico. In quest’ultimo caso, l’attività ha riguardato unicamente il settore Bovini.

Tabella 4: Quadro riepilogativo dell’attività su Sospetto 2016 distinta per tipologia di campionamento
Tabella 4



‹‹‹ Capitolo precedente - Capitolo successivo ›››

Data di pubblicazione: 30 giugno 2017

Tag associati a questa pagina: Alimenti di origine animaleFarmaciSicurezza alimentare


Condividi:

  • Facebook