Sei in: Home > 1. Attività svolta > Alimenti > Allergeni - Piano regionale di controllo (Sicilia)

Allergeni - Piano regionale di controllo (Sicilia)

FONTE: Regione Sicilia

Piano Regionale Allergeni (PRA) di controllo ufficiale sulla verifica della corretta applicazione del decreto legislativo n.114/2006 (Sicilia)

Capitolo 1. Attività svolta

Con decreto del Dirigente Generale del Dipartimento ASOE n.1541 dell’11 settembre 2015 pubblicato sulla GURS n.40/2015, è stato approvato il piano regionale allergeni (PRA) di controllo ufficiale sulla verifica della corretta applicazione del decreto legislativo n.114/2006 per il periodo 2015-2018. Il piano dei controlli prevede un campionamento ripartito sul territorio, riportato in tabella 1, comprensivo di matrici di origine animale e vegetale per la ricerca dei seguenti allergeni: glutine, ovoalbumine, β-lattoglobuline, caseina, proteine dei molluschi e dei crostacei, allergeni della frutta a guscio, delle arachidi, della soia, del sesamo e ricerca solfiti.  In particolare, sono state prese in considerazione alcune tipologie alimentari particolarmente a rischio:

  • Carni macinate e preparazioni gastronomiche a base di carne per la ricerca dell’anidride solforosa e dei suoi sali, a causa delle numerose non conformità registrate durante i controlli dell’anno 2014 e 2015 per le stesse matrici e rilevate in corso di ispezione. Tale attività è emersa da una accurata analisi della valutazione del rischio trattandosi, fra l’altro, di una sostanza non consentita e fonte di rischio per i soggetti allergici. Per queste matrici sono stati previsti 623 campioni;
  • Crostacei non trasformati, per la ricerca dell’anidride solforosa e dei suoi sali; per queste matrici sono stati previsti 157 campioni;
  • Carni macinate, preparazioni gastronomiche a base di carne, preparati a base di pesce, crostacei non trasformati per la ricerca delle proteine dell’uovo, del latte e del glutine, se non dichiarati in etichetta;
  • Prodotti da forno per la prima colazione per la ricerca delle proteine dell’uovo, del latte, del glutine, della frutta a guscio, della soia e delle arachidi, se non dichiarati in etichetta;
  • Omogeneizzati vegetali, per la ricerca di glutine;
  • Omogeneizzati di carne o pesce, per la ricerca di solfiti, glutine, proteine dei molluschi e proteine dei crostacei e dei molluschi;
  • Preparati a base di pesce per la ricerca delle proteine allergeniche del glutine, crostacei, molluschi e solfiti.

I Servizi addetti al campionamento potevano liberamente prelevare un solo campione per la ricerca degli allergeni o più campioni, per la ricerca di un solo allergene.

Nel campionamento e nella valutazione analitica si è tenuto conto di quanto previsto e stabilito, in materia di informazione ed etichettatura, dal Reg.(UE) n.1169/2011, e in particolare dei termini di entrata in vigore di cui all’art.55 dello stesso.

Per quanto riguarda la ricerca del glutine, il Piano allergeni è strettamente correlato, in termini di prevenzione, con il programma integrato celiachia posto in essere dal Dipartimento ASOE in un’ottica di tutela alimentare e sociale per i soggetti affetti da tale patologia. Inoltre, il piano allergeni, come attività regionale, integra e rafforza il raggiungimento degli obiettivi del piano additivi a tutela dei soggetti allergici all’anidride solforosa e ai suoi sali.

Tabella n. 1: Piano regionale allergeni (PRA) di controllo ufficiale sulla verifica della corretta applicazione del decreto legislativo n.114/2006 per il periodo 2015-2018. Annualità 2016.
Tabella 1

Le analisi per il rilevamento degli allergeni sono state effettuate dal Laboratorio dell’IZS Sicilia “A. Mirri” (Area Diagnostica Specialistica e Area Chimica e tecnologica) e dal Laboratorio di Sanità Pubblica di Palermo sui campioni provenienti da tutto il territorio regionale:

  • La programmazione dell’attività di campionamento è stata interamente realizzata con un intensificazione del campionamento mirato al controllo dei solfiti, il cui uso non è consentito per le carni ed è consentito, entro i limiti di legge, per i prodotti della pesca;
  • le matrici campionate sono risultate tutte conformi alla programmazione fatta eccezione per n.4 campioni con analisi non eseguibili in quanto la presenza dell’allergene era riportata in etichetta (surimi, calamari ripieni, anelli di totano), ovvero coincidente con la stessa matrice (es. ricerca di proteine dei molluschi in molluschi cefalopodi);
  • sono stati ricercati a livello regionale tutti gli allergeni oggetto del controllo ufficiale;
  • sono stati effettuati anche i relativi controlli documentali e di identità.


‹‹‹ Capitolo precedente - Capitolo successivo ›››

Data di pubblicazione: 30 giugno 2017

Tag associati a questa pagina: Alimenti di origine animaleAlimenti di origine non animaleSicurezza alimentare


Condividi:

  • Facebook