Sei in: Home > 5. Obiettivi del PNI e conclusioni > 5b - Ulteriori elementi di analisi

5b - Ulteriori elementi di analisi

Alle attività fin qui descritte, a completamento del quadro d'insieme del Sistema Paese per la sicurezza alimentare e per la lotta alle frodi, va fatto riferimento ai seguenti ulteriori elementi di analisi:

Sistema rapido di allerta per alimenti e mangimi (RASFF), che è un sistema di comunicazione dei rischi sanitari evidenziati nello svolgimento dei controlli ufficiali, per esiti sfavorevoli in analisi di autocontrollo e lamentele del consumatori. Le non conformità che danno luogo a notifiche di allerta non vanno aggiunte a quelle già descritte nei precedenti capitoli in quanto da esse derivano. Tuttavia, i dati riportati in tale trattazione sono utili per analizzare l’andamento dei pericoli negli  alimenti, mangimi e materiali a contatto fornendo così ulteriore elementi di lettura dei dati sui rischi sia in maniera trasversale per le differenti categorie di prodotto sia in riferimento alle misure adottate sul mercato comune e ai controlli d’importazione.

Ambiente: le problematiche ambientali non sono espressamente previste dalla normativa di riferimento del PNI, tuttavia un accenno ad esse non può mancare per completare il quadro d'insieme dei fattori che influenzano le produzioni agrozootecniche e che possono orientare la pianificazione dei controlli sulla base dei rischi.

Corpi di polizia: In tutte le aree di interesse del PNI, accanto alle attività di governo e di controllo ufficiale svolte dalle Autorità competenti, importanti funzioni sono attribuite anche ai corpi di polizia, che svolgono indagini investigative, di propria iniziativa o su disposizione dell'autorità giudiziaria. Tali attività hanno caratteristiche molto diverse dai controlli ordinari soggetti a programmazione annuale poiché partono da segnalazioni circostanziate ed utilizzano tecniche di indagine e strumenti coercitivi giustificati dall’esistenza di un’ipotesi di reato. Pertanto, per loro natura, questi controlli, rispetto a quelli svolti dalle Autorità Competenti, che operano prevalentemente sul piano della prevenzione dei rischi, possono evidenziare con maggiore facilità la presenza di irregolarità ed illeciti che, oltre alla persecuzione dei colpevoli, impongono provvedimenti restrittivi come il sequestro e la distruzione delle partite di alimenti.

Flusso informativo EFSA per le zoonosi: l’Agenzia Europea per la Sicurezza Alimentare (EFSA) ha predisposto modelli informatici per la raccolta e l’invio dei dati sugli agenti di zoonosi e di resistenza agli antimicrobici, derivanti dall’attività di controllo effettuata su alimenti, mangimi ed animali dalle Autorità sanitarie territorialmente competenti. Come nel caso del sistema di allerta, questi dati, derivando dalle attività di controllo già descritte nei capitoli precedenti, non devono essere considerati aggiuntivi, ma possono essere utili in quanto ne forniscono un diverso, maggiore, grado di dettaglio.

Di tutti i citati argomenti, nelle seguenti pagine di dettaglio sono riportati i dati per il 2015:

 


Data di pubblicazione: 30 giugno 2016


Condividi:

  • Facebook

Media voti

0

Totale Voti

0