Sei in: Home > 5. Obiettivi del PNI e conclusioni > 5b - Ulteriori elementi di analisi > Corpi di Polizia - CC Tutela della Salute - Attività svolta

Corpi di Polizia - CC Tutela della Salute - Attività svolta

FONTE: NAS (CC Tutela Salute)

Attività svolte dal CC Tutela della Salute - NAS

Nell’anno 2015 i Nuclei Antisofisticazioni e Sanità hanno eseguito 59.843 controlli, di cui 38.914 nei settori d’interesse del Piano Nazionale Integrato, pari al 65 % delle ispezioni totali.

Tabella 1 - prospetto riepilogativo delle attività di ispezione e campionamento nei settori del PNI

Tab 1

Grafico 1 - ispezioni nei settori del PNI

Graf 1


Le verifiche hanno consentito di riscontrare 12.321 non conformità, pari al 32% rispetto ai controlli compiuti.

Tabella 2 - prospetto riepilogativo delle “non conformità” rilevate nei settori del PNI

Tabella 2

Grafico 2 - non conformità rilevate nei settori del PNI

Grafico 2

L’analisi dei risultati ottenuti evidenzia che:

  • la maggior parte delle non conformità riguardano i comparti della ristorazione (42%), delle farine, pane e pasta (36%) e quello delle carni ed allevamenti (32%);
  • l’andamento può essere ritenuto in linea con i risultati degli anni precedenti.

 


Le attività poste in essere hanno consentito di segnalare 10.320 O.S.A. (Operatori del Settore Alimentare) all’Autorità Amministrativa e 1.729 all’Autorità Giudiziaria, nonché di procedere all’arresto di 2 persone.

Sono state, altresì:

  • elevate 16.701 sanzioni amministrative, per un valore di € 16.563.837;
  • contestate 2.979 sanzioni di natura penale;
  • poste sotto sequestro:
    • 933.478 confezioni e 23.343.811 kg/litri di alimenti;
    • 7.937 confezioni e 4.413 kg/litri di fitosanitari;
  • chiuse/sequestrate 1.041 strutture,

per un valore totale dei sequestri pari a € 439.894.195.

Le infrazioni più ricorrenti hanno riguardato, in ambito:

  • penale, i reati di:
    • detenzione/somministrazione di alimenti in cattivo stato di conservazione, per il 21% delle violazioni rilevate;
    • frode in commercio, adulterazione e contraffazione di alimenti, per il 26% delle violazioni rilevate;
  • amministrativo:
    • le carenze igienico strutturali, per il 72% degli illeciti contestati;
    • l’irregolare etichettatura, per il 8 % degli illeciti contestati.

Tabella 3

Grafico 3 - sanzioni penali rilevate nei settori del PNI, suddivise in sottosettori

Grafico 3

Grafico 4 - sanzioni amministrative rilevate nei settori del PNI, suddivise in sottosettori

Grafico 4


Nel comparto della “Sicurezza alimentare”, il confronto dei dati dell’ultimo quadriennio evidenzia una sostanziale sovrapponibilità dei valori riferiti alle ispezioni eseguite, alle persone segnalate ed alle violazioni contestate, pertanto le attività future saranno rapportate alle esigenze conseguenti eventuali emergenze specifiche, nonché in funzione alle indagini di Polizia Giudiziaria avviate.

Grafico 5 - andamento delle ispezioni nel quadriennio

Grafico 5

Grafico 6 - andamento delle attività di campionamento nel quadriennio

Grafico 6

Grafico 7 - andamento delle non conformità nel quadriennio

Grafico 7

Grafico 8 - trend delle sanzioni penali rilevate nel quadriennio

Grafico 8

Grafico 9 - trend delle sanzioni amministrative rilevate nel quadriennio

Grafico 9

In linea con i dati riferiti al triennio precedente, i risultati conseguiti nel 2015 testimoniano il pieno rispetto della programmazione annuale, con il superamento dell’obiettivo del 49% dei controlli nei settori del PNI rispetto alle verifiche totali.


Data di pubblicazione: 30 giugno 2016

Tag associati a questa pagina: Salute e benessere degli animaliSicurezza alimentare


Condividi:

  • Facebook