Sei in: Home > 3. Provvedimenti > 3b - Alimenti > Qualità regolamentata - Strutture di controllo - Riconoscimento, Attività e Audit (Reg. CE 889/2008)

Qualità regolamentata - Strutture di controllo - Riconoscimento, Attività e Audit (Reg. CE 889/2008)

FONTE: Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali

Qualità regolamentata - Strutture di controllo - Riconoscimento, Attività e Audit (Reg. CE 889/2008)

Capitolo 3b. Interventi per il miglioramento del sistema dei controlli

L’ICQRF svolge il coordinamento di tutte le strutture di controllo e certificazione, allo scopo di uniformarne le attività nel rispetto della normativa comunitaria e nazionale di riferimento.

Il coordinamento delle attività svolte dalle strutture di controllo si realizza attraverso le indicazioni fornite alle medesime strutture o su iniziativa o a seguito di richieste di chiarimenti pervenute sia dagli operatori del settore che dalle strutture di controllo.

Nel corso dell’anno sono state predisposte oltre 160 lettere di risposta a chiarimenti pervenuti, per lo più relative all’applicazione dei piani di controllo dei prodotti a DOP/IGP, che hanno contribuito ad assicurare uniformità di comportamento da parte delle strutture di controllo nell’ambito dei diversi settori di competenza.

Nel dettaglio:

Agricoltura biologica: sono state fornite indicazioni agli organismi di controllo ai fini della applicazione e corretta gestione delle non conformità rilevate a carico degli operatori. Sono state diramate nuove disposizioni in merito alle misure di controllo rinforzate a carico degli operatori e a potenziali casi di incompatibilità relativamente all’impiego del personale ispettivo.

In questo ambito si è proceduto, in collaborazione con la Direzione generale PREF all’interno di uno specifico gruppo di lavoro, all’estensione di una bozza di novella regolamentazione nazionale che dovrebbe sostituire il D.Lgs n. 220/1995.

Con altrettanti decreti, due strutture di controllo sono state autorizzate, dopo istruttoria, a svolgere attività di controllo. Altro OdC è stato autorizzato ad estendere la sua attività ad altre categorie di prodotti biologici.

Prodotti a DOP e IGP (diversi dal vino):a seguito del nuovo schema di piano di controllo tipo che ha recepito le opportunità offerte dal registro telematico degli oli e del fascicolo aziendale, sono state fornite numerose indicazioni per una corretta applicazione del nuovo piano di controlli degli oli a DOP/IGP. In particolare, anche attraverso specifici incontri organizzati dall’ufficio, sono stati forniti chiarimenti indirizzati a facilitare l’uso delle applicazioni informatiche realizzate in ambito registro telematico e di cui possono usufruire sia gli operatori di filiera che le diverse strutture di controllo.

Sono stati approvati 83 nuovi piani di controllo, 43 dei quali riguardanti il settore degli oli DOP/IGP ed i rimanenti 40 concernenti altri prodotti agroalimentari a DOP/IGP. Inoltre sono stati 36 i decreti di autorizzazione e designazione di strutture di controllo emessi nel corso dell’anno.

Tramite il coinvolgimento delle strutture di controllo interessate, dei Consorzi di tutela e di Agea e della sua software-house, è stato messo a punto un piano di controllo tipo per l’olio e la specifica applicazione informatica inerente il registro telematico. Sono stati inoltre predisposti due piani di controllo tipo per le bevande spiritose a Indicazione Geografica.

Vini DOP/IGP: sono state fornite indicazioni sulla corretta applicazione dei piani di controllo, sulla rotazione degli ispettori e chiarimenti relativi all’etichettatura e alla gestione delle non conformità.

Sono stati approvati 524 piani controllo, ed altrettanti tariffari, con il contestuale rinnovo, tramite 53 decreti, delle autorizzazioni triennali alle strutture di controllo private ed alle autorità pubbliche designate che operano nel settore.

Nel corso delle procedure di autorizzazione è stata attivata anche una “conferenza di servizi” tra amministrazioni territoriali per definire la scelta di una struttura di controllo per una IGP di particolare importanza.

In ambito trasversale, sono stati valutati ed approvati oltre 4000 documenti (curriculum, procedure, manuale della qualità, ecc.) trasmessi dalle strutture di controllo in un costante processo di adeguamento e miglioramento.

Tutti i piani di controllo e tariffari approvati nel corso dell’anno, così come i decreti di autorizzazione emessi, sono stati pubblicati sul sito internet del Ministero nell’ottica di assicurare la massima visibilità degli stessi ed assolvere nel contempo agli obblighi di trasparenza.


‹‹‹ Capitolo precedente - Capitolo successivo ›››

Data di pubblicazione: 30 giugno 2016


Condividi:

  • Facebook


Segui l'argomento negli altri capitoli